Notizie flashPodcastsocietà

Oligarchi e funzionari, a Mosca nuove morti misteriose. Ecco tutta la storia

Non si contano più gli oligarchi morti in strani incidenti, suicidi e omicidi senza spiegazioni. Ad essi si affiancano funzionari in ruoli chiave in Russia. Le ultime due vittime in settimana

Prima di loro era toccato a Pavel Antov, arcimiliardario che per la polizia si è suicidato poichè depresso per la morte (anche questa improvvisa) di un amico

Ecco tutta la storia

oligarchi
Da Cronaca Vera

Non si ferma più la scia di sangue di oligarchi e funzionari governativi russi, tutti morti in circostanze a dir poco misteriose. L’ultima è Marina Yankina, 58 anni, funzionaria del dipartimento finanziario del ministero della Difesa caduta da una finestra del sedicesimo piano di un grattacielo di Zamshina Street, a San Pietroburgo. Per la polizia si tratta di suicidio, forse per problemi di salute.

I giornalisti Andrea Sceresini e Alfredo Bosco, da 10 giorni bloccati dalle autorità di Kiev – AUDIO ESCLUSIVO

Poco prima, a San Valentino, era toccata la stessa sorte all’ex vicecapo della polizia politica Vladimir Makarov, 72 anni, da poco licenziato per ordine diretto del Cremlino. Anche lui si sarebbe tolto la vita. Il motivo? Non si sa.

oligarchi
Da Cronaca Vera

L’ultimo degli oligarchi

E, a dire il vero, poco convincente è anche la motivazione data per un altro suicidio, un mese fa. Si chiamava Pavel Antov ed era uno psichiatra diventato il più ricco deputato della Duma: alla dissoluzione dell’Unione Sovietica si era fatto strada prima con un banco dei pegni e poi nel campo delle carini e dei salumi. Tante competenze in settori completamente diversi uno dall’altro. Strano. Ma mai come la sua fine.

Il Vangelo secondo Joe Biden: non fare agli americani quello che gli americani fanno a te – GUARDA

Ucraina. La guerra che non c’era

 

I carri armati inviati a Kiev avranno davvero munizioni all’uranio impoverito? – GUARDA

L’oligarca russo era partito per l’India per festeggiare i suoi 65 anni con tre amici. Uno di loro, Vladimir Budanov, lo hanno ritrovato morto la mattina nel letto dell’hotel di Rayagada in cui alloggiavano, con alcune bottiglie di vino a fianco. Due giorni più tardi, Antov è volato giù da una finestra del terzo piano. Per gli inquirenti nessun sospetto. L’arcimiliardario, per la polizia indiana, si sarebbe «suicidato per la depressione insorta dopo la morte improvvisa dell’amico Budanov».

Vladimir Putin e il mistero dei 4 attori che lo circondano: tutti i tasselli dell’enigma – GUARDA

E il corpo di Budanov la cui morte, per i media locali, era avvenuta «in circostanze misteriose» è già stato cremato. In comune i due avevano le critiche a Vladimir Putin sulla guerra in Ucraina. Antov aveva infatti definito gli attacchi aerei su Kiev “terroristici”, ma in seguito aveva «chiesto sinceramente scusa».

La guerra in Ucraina: testimonianze, video, podcast, approfondimenti – SPECIALE

oligarchi
Da Cronaca Vera

Una lunga scia di sangue

Si allunga così l’elenco di oligarchi e funzionari russi morti all’improvviso dall’inizio del conflitto, cinque di loro collegati al colosso del gas di Mosca Gazprom. Tutti archiviati come incidenti, suicidi o omicidio-suicidio. E se appare improbabile che un nababbo cada da un momento all’altro in depressione al punto di uccidersi, diventa inquietante quando gli episodi si ripetono.

Vladimir Putin: bunker, sosia, ologrammi e riti sciamanici. Dov’è finito lo zar? – GUARDA

Era cominiciato tutto un mese prima della guerra, quando il sessantenne Leonid Shulman, alto dirigente di Gazprom, si suicidò nella sua villa lasciando un biglietto. Dissero che era coinvolto in indagini fiscali. Tre settimane più tardi Alexander Tyulyakov, alla guida della tesoreria di Gazprom, si impiccò in garage.

Breaking Bad Style: oggetti di culto di una delle serie tv più amate – GUARDA

Stessa sorte per Mikhail Watford, 66 anni, magnate russo dell’energia di origine ucraina e il cui vero nome era Mikhail Tolstosheya: si sarebbe messo un cappio intorno al collo nel garage della sua villa da 18 milioni di sterline nel Surrey, Inghilterra. Il giorno prima la moglie estone Jane, 41 anni, aveva pubblicato una foto sui social mentre si baciavano felici nel parco della villa.

Non siamo mica gli americani. O forse sì – GUARDA

oligarchi
Da Cronaca Vera

Stragi in famiglia

A marzo toccò a Vasily Melnikov, rinvenuto con la moglie e i due figli senza vita nella loro casa a Nizhny Novgorod, tutti colpiti con armi da taglio. Per i media russi la sua società, la Medstom, che importava attrezzature mediche, rischiava il fallimento per via delle sanzioni occidentali. Il caso fu chiuso come omicidio-suicidio.

Lo strano caso dei missili caduti sulla fattoria polacca – GUARDA

Archiviazione con lo stesso motivo per la strage scoperta il 17 aprile, quando, in un lussuoso appartamento di Mosca, Anastasia Avayev ritrova i corpi del padre, l’ex vicepresidente di Gazprombank ed ex funzionario del Cremlino Vladislav Avayev, 51 anni, della madre Yelena, 47, forse incinta, e della sorella Maria, di 13 anni. Per Anastasia il papà impugnava ancora la pistola: dunque è omicidio-suicidio.

Mikhail Popkov, l’ex poliziotto e più feroce serial killer russo: “Fatemi andare in Ucraina” – GUARDA

(continua dopo la pubblicità)

Passano quattro giorni e Sergey Protosenya, 55 anni, ex presidente dell’azienda russa del gas Novotek, si impicca nel giardino della sua villa di Lloret de Mar, in Spagna. In casa ci sono i corpi senza vita della moglie Natalya e della figlia Maria. Le avrebbe uccise con un accetta.

Fine guerra mai: Taiwan e la doppia morale americana – GUARDA

 

Sono arrivati gli alieni? Il generale americano sugli ufo abbattuti: “Non è da escludere”  – GUARDA

Ma stavolta il figlio Fedor non ci crede e dice al Daily Mail: «Mio padre non è un assassino, non so cosa sia accaduto quella notte ma so che non può essere stato lui». È quindi il turno di Andrei Krukowski, 37 anni, direttore del resort sciistico Krasnaya Polyana, di proprietà di Gazprom: cade da una scogliera a Sochi. Come sia stato possibile nessuno lo sa.

oligarchi
Da Cronaca Vera

Gli oligarchi e l’elenco infinito di morti misteriose

Poco più tardi Alexander Subbotin, ex amministratore delegato del gigante petrolifero Lukoil, muore dopo essersi sottoposto con uno sciamano al trattamento con veleno di rospo, che assumeva per rafforzare il sistema immunitario. E a luglio viene assassinato nella sua villa a San Pietroburgo Yuri Voronov, 61 anni, miliardario in affari con Gazprom.

Identico destino per Il multimilionario di origine ucraina Yevgeny Palant, 47 anni, pugnalato con la moglie Olga, 50, nella sua casa di Mosca. Prima di Antov, a settembre, era stata la volta di Ravil Maganov, presidente del Consiglio di amministrazione di Lukoil, volato giù dal sesto piano di un ospedale.

Ufo abbattuto sul lago Huron, in America è il panico: “Aprite un’inchiesta bipartisan” – GUARDA

Ad essi si aggiungono le morti di Pavel Pchelnikov, 52 anni, manager delle ferrovie russe, trovato morto nel suo appartamento di Mosca, così come successo a Dmitry Goloshchapov, figlio di Konstantin Goloshchapov, il «massaggiatore di Putin», quattro giorni dopo che Konstantin era fuggito in Bielorussia con in mano, scrissero «i segreti dello zar».

(continua dopo la pubblicità)

Ufo abbattuto dagli Usa, l’audio choc dei piloti: “Non sappiamo cosa sia” – ASCOLTA

Anatoly Gerashchenko, rettore dell’Istituto di aviazione di Mosca, e l’oligarca Dmitry Zelenov, attivo nel settore immobiliare, sono morti cadendo dalle scale. Quest’ultimo era certamente contrario alla guerra. E, ufficialmente, piuttosto distratto.

Manuel Montero

L’ultimo libro di Manuel Montero è “Wuhan – virus, esperimenti e traffici oscuri nella città dei misteri”, uscito in allegato a Il Giornale e disponibile in ebook per Algama – QUI

TELEFILM MALEDETTI: Dagli allori al dimenticatoio: le star della vecchia tv finite malissimo

 

Quando i lettori comprano attraverso i link Amazon ed altri link di affiliazione presenti sul sito - nei post in cui è presente un prodotto in vendita - Fronte del Blog potrebbe ricevere una commissione, senza però che il prezzo finale per chi acquista subisca alcuna variazione.

Manuel Montero

Manuel Montero scrive da vent’anni per diversi settimanali nazionali. Ha pubblicato nel 2019, per Algama, Fenomeni Paranormali Italiani, in cui ha raccontato storie di cronaca, fatti ed eventi apparentemente incredibili, raccolti in prima persona negli anni sulla Penisola. In allegato a Il Giornale (e in ebook per Algama) sono invece usciti i volumi Telefilm Maledetti, dove l’autore narra la triste fine di alcuni dei più amati protagonisti di telefilm degli anni Settanta e Ottanta. E Wuhan - Virus, esperimenti e traffici oscuri nella città dei misteri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie