Delittisocietà

Pamela Mastropietro, supplizio infinito. La madre: “Da quattro anni aspetto giustizia”

(continua dopo la pubblicità)

Il caso di Pamela Mastropietro, la diciottenne fatta a pezzi, si arricchisce di nuovi colpi di scena: la Cassazione ha confermato il carcere per omicidio a Innocent Oseghale, ma per lo stupro dovrà esserci un nuovo processo che potrebbe far scendere la pena da ergastolo a trent’anni

Disperata la mamma di Pamela, che urla: “Sono 4 anni che aspetto giustizia”

La ricostruzione del caso di Pamela Mastropietro

blank

Il critico d’arte Alberto Agazzani fu ucciso? Il giallo di Reggio Emilia – GUARDA

MACERATA – Doveva essere la fine di un incubo, il tempo in cui piangere in pace la morte della figlia, Pamela Mastropietro, uccisa e fatta a pezzi il 30 gennaio 2018 a Macerata. Ma sua mamma, Alessandra Verni, si è trovata davanti all’ennesimo colpo di scena in Cassazione: il pusher nigergiano Innocent Oseghale, 32 anni, è stato sì definitivamente ritenuto l’assassino.

Ma non del suo stupro, per il quale è stato ordinato un nuovo processo. E nel caso in cui dovesse cadere l’aggravante della violenza sessuale, la pena potrebbe cambiare drasticamente: da ergastolo a 30 anni. «Sono 4 anni che aspetto giustizia – ha urlato la donna fuori dal tribunale – Ammazzano, violentano, fanno a pezzi e lo Stato italiano non fa nulla».

Difficile darle torto. Si tratta di uno dei delitti più atroci degli ultimi anni, che ha visto vittima una giovanissima con tutta la vita davanti a sè.

Sarah Scazzi, il caso alla Corte di Strasburgo: “Ecco perché il processo va rifatto” – GUARDA

blank

(continua dopo la pubblicità)

L’ultimo giorno di Simonetta Cesaroni: il giallo di via Poma – GUARDA

LA STORIA

Tutto cominciò il 29 gennaio, quando Pamela, 18 anni, si allontanò dalla comunità Pars di Corridonia, cui era stata affidata. L’allarme per la fuga fu immediato, dato che aveva lasciato documenti e cellulare in comunità. Venne poi rinvenuta fatta a pezzi in due trolley, abbandonati sul ciglio della strada.

Dalle immagini di sicurezza di Macerata le forze dell’ordine riuscirono a ricostruire i suoi ultimi spostamenti, che dalla zona della farmacia portavano a via Spalato, nella mansarda in cui abitava Innocent Oseghale, un nigeriano inquadrato dai video. Fermato, negò di averla uccisa.

Yara Gambirasio: ecco i casi in cui la controanalisi smentì la prova del Dna – GUARDA

blank
Niente ergastolo per il 33enne Innocent Oseghale: i giudici lo hanno ritenuto colpevole di omicidio ma non di violenza sessuale, e hanno disposto il secondo rinvio a giudizio.

Liliana Resinovich, dai codici bancari spariti ai veleni: i tasselli di un enigma – GUARDA

Disse che Pamela era in cerca di eroina e lui l’aveva messa in contatto con un connazionale, Lucky Desmond, dato che lui spacciava solo hashish e marijuana. Presto, nell’inchiesta finì un terzo uomo, anch’egli nigeriano, Awelima Lucky. Anche loro respingevano ogni addebito.

E presto uscirono di scena. Oseghale invece andò a processo per omicidio aggravato e violenza sessuale. Lui ammise di aver avuto rapporti, ma consenzienti. Fu però condannato all’ergastolo sia in primo grado che in appello. Il caso di Pamela scosse le coscienze.

Ma non solo, ebbe uno strasico orrendo con il raid razzista di Luca Traini, che ferì sei persone extracomunitarie e fu condannato per tentata strage.

Denis Bergamini, il processo all’ex fidanzata: “Non sopportava di vederlo con altre donne” – GUARDA

blank
Uno dei molti articoli che “Cronaca Vera” ha dedicato alle indagini sulla terribile sorte toccata alla giovanissima vittima e al successivo, complesso, procedimento giudiziario

Lorenzo D’Errico avrebbe ucciso il padre con 40 martellate. Il giallo è risolto? – GUARDA

(continua dopo la pubblicità)

UN SUPPLIZIO

Ora Alessandra è atterrita dal fatto che l’uomo che le ha fatto a pezzi la figlia possa non scontare il massimo della pena, dopo il processo bis che si terrà a Perugia. «La madre di Pamela è amareggiata, per lei questo è un supplizio» spiega ai cronisti il suo avvocato Marco Valerio Verni «è una sentenza che ci lascia l’amaro in bocca, oggi speravano oggi arrivasse la parola fine. L’annullamento con rinvio a Perugia per l’accusa di violenza sessuale rischia di portare a una riduzione della pena e ciò ci dispiace e amareggia».

Elpidio D’Ambra e il delitto di Rosa Alfieri: “Le voci mi hanno ordinato di ucciderla” – GUARDA

blank

Luca Pisciotto, star di Tik Tok, morto da eroe per salvare la mamma – GUARDA

La conferma di un ulteriore, clamoroso risvolto sul caso, la fornisce proprio la difesa del pusher. Spiega infatti all’Ansa l’avvocato Umberto Gramenzi, che con il collega Simone Matraxia difende Innocent Oseghale: «Se a Perugia non verra’ ritenuta sussistente l’aggravante della violenza sessuale, la pena potrebbe scendere a 30 anni.

I giudici della Cassazione hanno annullato la condanna solo nella parte relativa alla circostanza dell’aggravante della violenza sessuale che dovrà essere di nuovo presa in esame dalla Corte d’Appello di Perugia alla quale sono stati inviati gli atti».

Com’è morto davvero Mauro Pamiro? – GUARDA

blank

“Sono sicuro: il caso di Maurizio Iori fu un errore giudiziario” – GUARDA

Alessandra si sfoga con Il Giornale: «Purtroppo sono state archiviate nel tempo molte cose e ora anche questa ultima decisione non dà giustizia a Pamela. Non sono bastate le tante perizie accurate?»

“Vi racconto quel genio del mio compagno di classe Guglielmo Gatti. Ed ecco perché l’ho sempre considerato innocente” – GUARDA

E c’è anche l’amarezza di non aver potuto scoprire se ci fossero altri responsabili per il delitto della figlia: «La procura di Ancona aveva avviato nuove indagini per cercare i complici, ma non sappiamo nulla su come siano andate a finire. Non solo non pagheranno tutti i colpevoli, ma quello che è stato deciso oggi non mi basta».

Mostro di Firenze, l’appello di due parenti delle vittime: “Indagate ancora, vogliamo la verità” – GUARDA

I nostri ebook blank
(continua dopo la pubblicità)

Cronaca Vera

Dal 1969 in edicola. Costa poco e dice tutto.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie