Delittisocietà

Denis Bergamini, il processo all’ex fidanzata: “Non sopportava di vederlo con altre donne”

(continua dopo la pubblicità)

Entra nel vivo il processo all’unica imputata per l’omicidio di Denis Bergamini, la cui morte, nel novembre 1989 è stata considerata un suicidio per decenni. Ora diverse persone puntano l’indice contro la fidanzata. Lo rivela la compagna “segreta” del calciatore che aggiunge: “Ci saremmo dovuti sposare”

 

blank

COSENZA – C’era un’altra donna nella vita di Denis Bergamini quando l’ex calciatore venne trovato morto sull’ex statale 106 il 18 novembre 1989. Per decenni la sua fine fu considerata un suicidio. Ma oggi, dopo varie inchieste, è in corso un processo per omicidio. Alla sbarra c’è l’ex fidanzata dell’epoca Isabella Internò, l’unica persona contro la quale la Procura di Castrovillari ritiene di avere le prove per documentarne la colpevolezza.

Ed è in aula, alla Corte d’Assise di Cosenza, che è emerso come il cuore di Denis battesse all’epoca non più per Isabella, ma per Roberta Alleati, oggi infermiera del 118 a Canazei: «Mi diceva che mi amava moltissimo, come non aveva mai amato nessuna, che ero la donna della sua vita. E quando mi chiese di sposarlo, una sera a cena a Cervia, era fine agosto del 1989, mi lasciò di stucco, anche perché mi aveva annunciato di volere un figlio, il più grande sogno della sua vita».

blank

Mostro di Firenze, l’appello di due parenti delle vittime: “Indagate ancora, vogliamo la verità” – GUARDA

Eccolo dunque il possibile movente di un delitto: una gelosia ossessiva. Dettagli che Roberta aveva già raccontato in una lettera alla famiglia del calciatore pochi giorni dopo la morte. Due giorni prima che morisse, ricorda che ci parlò al telefono: «Lo sentii strano e mi disse che non c’era nulla di particolare. Dopo qualche insistenza, mi confessò che c’era qualcuno che gli voleva male. “La ragione?” chiesi. “L’unico torto che posso aver fatto è quando ho lasciato Isabella. Ricordati che siamo in Meridione e sai come sono! Per qualcuno forse è stato un affronto, lasciarla dopo tre anni” disse. La telefonata si concluse con un “Ti amo tanto”».

E aggiunge: «Denis era stalkerizzato da Isabella. La loro storia finì per sfinimento, perché lei era gelosissima e non lo lasciava vivere».

blank

(continua dopo la pubblicità)

Liliana Resinovich, troppi punti oscuri sulla sua morte – GUARDA

LA MORTE

La versione che ha infatti tenuto banco per tre decenni è la seguente: il giorno della sua morte Denis  va a prendere Isabella con la sua Maserati. Con lei a bordo imbocca la statale 106 ionica e si ferma in uno sterrato. Scende. E, ricorderà lei, dopo aver camminato per un po’, si tuffa letteralmente sotto un camion in movimento.

Alla guida Raffaele Pisano che, processato per omicidio colposo, sarà assolto. Il corpo è stato trascinato per quasi sessanta metri. L’inchiesta viene archiviata come suicidio. Solo che il cadavere, finito sotto un bestione di 138 quintali, risulta essenzialmente integro, con vestiti non lacerati. L’orologio è ancora perfettamente funzionante.

E la perizia del medico legale Francesco Maria Avato del 1990, conclude come il corpo presenti ferite da “schiacciamento” nella zona addominale, ma non da trascinamento. E poi, perché si sarebbe ucciso? Viene detto che volesse lasciare il calcio, andare alle Hawaii o giù di lì, partendo dal porto di Taranto, ma non sarà mai trovato un movente preciso. Se ne torna a parlare quando l’ex calciatore Carlo Petrini racconta la sua storia ne Il calciatore suicidato (Kaos), allungando ombre su personaggi strani che gravitavano intorno al Cosenza. E sottolineando altri dettagli: vestiti, scarpe, catenina e orologio furono ritrovati integri. È il nuovo procuratore di Castrovillari, Eugenio Facciolla, a riaprire il caso.

blank

Com’è morto davvero Mauro Pamiro? – GUARDA

Si scopre che molti documenti dell’indagine sono spariti, come una nota di servizio dei carabinieri sulle auto fermate quella notte sulla strada del presunto suicidio e la scatola con i vestiti indossati dal calciatore. E la riesumazione del cadavere chiarisce che Denis morì per soffocamento. Non si era dunque buttato sotto al camion. Dunque, fu un omicidio dettato dalla gelosia? Ma con l’aiuto di chi Isabella avrebbe messo a punto il piano?

blank

“Sono sicuro: il caso di Maurizio Iori fu un errore giudiziario” – GUARDA

I TESTIMONI

Il processo dovrà sgretolare tre decenni di silenzi e i giudici stabilire se questa sia la verità. In aula sfilano intanto altri testimoni, come l’ex portiere del Cosenza Luigi Simoni: «Ho visto il corpo di Denis all’obitorio. Aveva un rigonfiamento sulla cassa toracica e ricordo che aveva un segno scuro simile ad un livido sulla tempia. Però  il viso di “Berga” era bello, era integro. Non ho mai creduto al suicidio». Anche perché, rammenta, Denis avrebbe avuto in mano un pre-contratto con il Parma di Nevio Scala: «Pensava anche al futuro, parlavamo dei nostri progetti, anche quelli dopo la fine della carriera da calciatori e volevamo comprare uno stabilimento balneare a Milano Marittima».

(continua dopo la pubblicità)

blank

Nino Filastò, l’avvocato scomparso e quella tesi sugli “altri delitti” del Mostro di Firenze – GUARDA

Impossibile ideare dunque un suicidio in un momento tanto propizio. Un altro ex compagno di squadra, Sergio Galeazzi, ha rammentato la vicenda dell’aborto nel 1987 di Isabella a Londra e di come Denis gli avesse rivelato di essere pronto a prendersi le responsabilità da padre, ma non a sposare la compagna: «Aggiunse, riferendo parole altrui, “o la sposi o non so come finisce”». Il processo continua.

“Vi racconto quel genio del mio compagno di classe Guglielmo Gatti. Ed ecco perché l’ho sempre considerato innocente” – GUARDA

I nostri ebook blank
(continua dopo la pubblicità)

Cronaca Vera

Dal 1969 in edicola. Costa poco e dice tutto.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie