CultureDelittisocietà

Strage di Erba, la scrittrice Carati: “Vi racconto chi è davvero Rosa Bazzi”

Alessandra Carati ha incontrato per anni la donna delle pulizie condannata all’ergastolo per la strage di Erba e per la quale è in corso il processo di revisione a Brescia

Nel libro “Rosy” Alessandra Carati ne ripercorre la vita, dall’adolescenza fino alla simbiosi con il marito Olindo Romano. E rivela che…

strage di erba
Clicca sulla foto e vai al libro

 

La chiama la «la dittatura della fragilità». E dice: «Ecco il suo potere su di me, il groviglio. Mi fa mancare l’aria eppure non riesco a sottrarmi. La rabbia è tutta mia, l’impotenza». È questa la sensazione di Alessandra Carati, già finalista al premio Strega, di fronte a Rosa Bazzi, o Rosa Rosina Rosy, così come lei si presenta quando la incontra la prima volta, «una bambina di cinquantacin­que anni». Una bambina dalla quale infine, per proteggerla, tutti hanno finito per dipendere: Olindo Romano prima, poi gli avvocati, infine la scrittrice che si trova davanti una donna completamente indifesa. E che per difendersi, inventa in continuazione, rendendo impossibile all’interlocutore il discernimento tra la realtà e la fantasia. Una sorta di shock per chi la incrocia se si pensa alla condanna all’ergastolo che si porta dietro: quello, condiviso con il marito, per la strage di Erba dell’11 dicembre 2006. E per la quale è in corso in questi giorni a Brescia il processo di revisione.

LA VERA ROSA BAZZI

Alessandra l’ha incontrata molte volte in questi anni per scrivere Rosy (Mondadori), un libro che è un po’ il romanzo della sua vita, in cui compaiono solo due nomi: il suo e quello di Olindo, sorta di metafora del mondo isolato che la coppia si è costruita, lontano da tutti e da tutto. C’è la Rosy bambina, che ha finito solo le elementari, ma che non sa leggere. E che pure, quando incontra i suoi avvocati, dice che ha letto quasi tutti i libri del carcere o che scrive a pc. C’è la Rosy ripudiata dai genitori all’indomani della confessione della strage, ma coi quali aveva già rotto i rapporti anni prima. C’è ancora la Rosy degli anni nella corte di Erba: «In paese dicevano che era una pettegola, una linguacciuta, una che non stava mai zitta; se all’epoca fosse esistito l’insegnante di sostegno, di sicuro a lei l’avrebbero dato».

E c’è infine la Rosy in cella, che tenta di impiccarsi dopo la sentenza di Cassazione e che si infila le unghie nel collo, piangendo appunto come una bambina quando le autorità tergiversano per concederle un lavoro fuori dalla prigione. O che parla di notte con una persona immaginaria, che lei chiama «l’altra Rosa». Nelle prigioni di Vercelli in cella con una donna al 41bis o a Bollate, dove trova per la prima volta un bagno tutto per sè: «Quando ha visto i sanitari si è inginocchiata e li ha accarezzati, anche se erano sporchi». Rosy che infine confida alla psicologa che, se uscisse «vorrei essere messa in un istituto di suore e vorrei trascorrere lì il resto della mia vita. In un istituto che abbia le sbarre alle finestre così nessuno potrà mai en­trare e farmi del male.»

È la Rosy che prova oggi a muoversi con le sue gambe come non ha mai fatto prima e che per un anno era rimasta arrabbiata con Olindo, disertando i loro incontri, convinta che l’inferno in cui sono finiti fosse solo colpa sua.

blank

LA STRAGE DI ERBA E LE CONFESSIONI

Nel volume molto si indugia in effetti nel labirinto delle confessioni dei coniugi, dove nulla torna mai. E nella decisione suicida di Rosy di raccontare il falso: «La ragione sta nelle parole dei magistrati – scrive Carati – : se non confessi, tuo marito non lo vedi più. Il momento in cui si è sentita persa è quando ha ceduto alle loro parole». Che le cose non siano andate come poi stabiliranno i processi se ne accorge prima la psicologa, poi il cappellano del carcere, cui Olindo dice di non aver commesso la strage. Il prete è turbato: glielo ha rivelato nella confessione.

Decide infine di parlarne in Procura, senza esito. Infine contatta il vecchio leone del Foro di Como, il defunto Enzo Pacia, il quale manderà avanti i giovani Fabio Schembri e Luisa Bordeaux per poi seguirli nella difesa al processo di Como, dove, si scopre, i legali non furono soltanto oggetto di linciaggio mediatico.

IL GIALLO

Rivela infatti Carati che, ai danni degli avvocati «le azioni vandaliche seguono a breve: l’au­to imbrattata di vernice, le gomme tagliate, il motore fuso due volte nel giro di una stagione; e non le suc­cede a Como, intorno al tribunale, dove possono aggi­rarsi degli spostati, vanno a cercarla a Lecco, dove vive e ha lo studio… Al suo collega forzano lo studio tre volte in sei mesi, sen­za rubare niente; trova la porta socchiusa e le cose così come le ha lasciate. Infine l’isolamento».

E ancora ciò che succede quando un giornalista, il pomeriggio prima che iniziasse il processo di Como, andò da uno dei difensori della coppia dicendogli che stavano per battere un’agenzia in cui si annunciava che i legali di Olindo e Rosa sarebbero stati indagati per patrocinio infedele. Scrive Carati: «L’obiettivo è inquinare la difesa, minar­ne la credibilità così da toglierle il coraggio di alzarsi in piedi e dibattere. Spaventare». Ma poi, il giornalista aggiunse: «All’ultimo ci hanno ripensato». E la scrittrice verga le parole con cui il difensore lo congedò: «Dica a chi l’ha mandata che, scendesse Gesù Cristo dalla cro­ce, noi domani siamo in aula». Ora, a Brescia, si giocano l’ultima carta per dimostrare l’innocenza di Olindo e Rosa.

Qui sotto i link alle bufale sulla strage di Erba:

Strage di Erba, la bufala dell’esclusiva di Giallo sulla Bibbia di Olindo

Strage di Erba: il generale Garofano e la bufala sul guanto di lattice

Strage di Erba, le nuove bufale di Quarto Grado

Quarto Grado e la strage di Erba: le verità non raccontate in tv

Strage di Erba, la ricostruzione grossolana del Corriere della Sera

A dieci anni dalla strage di Erba, la ricostruzione “imperfetta” del Corriere della Sera

Strage di Erba, gli audio mai entrati a processo a Le Iene e l’imbarazzante impreparazione dei giornalisti

La strage di Erba e l’imbarazzante articolo di Selvaggia Lucarelli: quando le fantasie diventano notizie

Strage di Erba, l’ultima bufala del Corriere della Sera: le impronte di Olindo sul contatore

IL LIBRO OLINDO E ROSA:

Olindo e Rosa, il libro su Amazon – guarda

Olindo e Rosa, l’ebook per Kindle – guarda

Olindo e Rosa, l’ebook in epub – guarda

PER APPROFONDIRE

  1. Il libro IL GRANDE ABBAGLIO – CONTROINCHIESTA SULLA STRAGE DI ERBA, di Felice Manti e Edoardo Montolli – GUARDA
  2. Il podcast di Fronte del Blog, con documenti e audio esclusivi – YOUTUBE | AUDIBLE | SPOTIFY | APPLE PODCASTS
  3. Lo speciale di Fronte del Blog sulla strage di Erba – GUARDA
  4. Lo speciale de Le Iene sulla strage di Erba – GUARDA
  5. Lo speciale del settimanale Oggi sulla strage di Erba – GUARDA
Olindo e Rosa: Il più atroce errore giudiziario nella storia della Repubblica (I tachioni)

 

(continua dopo la pubblicità)
Quando i lettori comprano attraverso i link Amazon ed altri link di affiliazione presenti sul sito - nei post in cui è presente un prodotto in vendita - Fronte del Blog potrebbe ricevere una commissione, senza però che il prezzo finale per chi acquista subisca alcuna variazione.

Cronaca Vera

Dal 1969 in edicola. Costa poco e dice tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie