DelittiNotizie flashsocietà

Liliana Resinovich, la soluzione del giallo non è nel dna. Ma nelle scarpe

(continua dopo la pubblicità)

Liliana Resinovich: lo spago che le attorcigliava il collo. Un dna maschile. E le scarpe: ecco dove sta davvero la soluzione dell’enigma

blank

Uno spago intrecciato, una bottiglietta di plastica contenente del liquido, un dna maschile. E le scarpe che indossava Liliana Resinovich. Sono gli ultimi tasselli del giallo di Trieste al vaglio degli inquirenti che da tre mesi indagano sulla morte della donna, scomparsa da casa il 14 dicembre 2021 e ritrovata cadavere il 5 gennaio, all’interno del parco dell’ospedale psichiatrico. Due sacchetti chiusi con lo spago intorno alla testa e il corpo avvolto da due sacchi neri della pattumiera.

Liliana Resinovich, la fotocamera data via dopo la scomparsa e il mistero dei 5 hard disk – GUARDA

blank

 

Liliana Resinovich, dai codici bancari spariti ai veleni: i tasselli di un enigma – GUARDA

La magistratura, in attesa dell’esito dell’esame tossicologico che potrà rivelare se la donna sia stata o meno avvelenata o narcotizzata, continua ad indagare contro ignoti per sequestro di persona. E non può nemmeno escludere una morte naturale, dato che l’esito dell’autopsia è stato “decesso per scompenso cardiaco acuto”.

Il grande abbaglio, controinchiesta sulla strage di Erba (versione aggiornata) – GUARDA

Sullo spago (il cordino di cui si è parlato nei giorni scorsi) ci sono abbondanti tracce di dna di Liliana, ovviamente. Ma ce n’è una di dna maschile. A chi appartiene? Purtroppo, quella che poteva sembrare una svolta, non lo è affatto. La traccia è infatti debolissima: potrà essere utile ad escludere che appartenga a qualcuno, ma non ad attribuirla. Ogni strada, in questa storia, sembra insomma portare ad un vicolo cieco.

(continua dopo la pubblicità)

blank

Sarah Scazzi, il caso alla Corte di Strasburgo: “Ecco perché il processo va rifatto” – GUARDA

In ogni caso, come raccontato a Chi l’ha visto?, gli investigatori hanno chiesto il codice genetico ad alcuni uomini, tra cui il marito della vittima Sebastiano Visintin, e l’amico di Liliana, l’ex maratoneta Claudio Sterpin: entrambi hanno accettato di sottoporsi volontariamente all’esame.

«Me l’hanno chiesto ed ho detto si sono disponibile» ha detto Sebastiano a La Vita in diretta. Sui sacchi invece, c’erano solo tracce di Liliana. Fu lei dunque a togliersi la vita? Possibile?

L’ultimo giorno di Simonetta Cesaroni: il giallo di via Poma – GUARDA

blank
Claudio Sterpin

Yara Gambirasio: ecco i casi in cui la controanalisi smentì la prova del Dna – GUARDA

A parte l’incredibile dinamica per un suicidio, resta anche difficile da credere che in quel parco, molto frequentato in pieno giorno, nessuno l’abbia vista arrivare o superare la recinzione oltre la quale fu trovata cadavere diversi giorni più tardi senza nemmeno che la sfiorassero negli oltre venti giorni successivi gli animali selvatici, ad esempio i cinghiali, di cui la zona è piena.

Nulla ancora si sa sul contenuto della bottiglietta. Ma decisivo potrebbe risultare l’esame delle suole delle scarpe di Liliana e del terriccio sottostante. Il motivo? Proprio da quell’analisi si potrà capire se la donna sia giunta nel parco camminando sulle proprie gambe. O se, per contro, sia stata trasportata lì quando era già morta. Basterebbe questo per cominciare a capirci qualcosa di più. Il mistero continua.

Liliana Resinovich, tutti gli enigmi del caso – SPECIALE

(continua dopo la pubblicità)
(continua dopo la pubblicità)

Cronaca Vera

Dal 1969 in edicola. Costa poco e dice tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie