Delittisocietà

I fratelli Scalamandrè condannati per il delitto del padre. La mamma: “Loro vittime come me”

(continua dopo la pubblicità)

Condannati i fratelli Alessio e Simone Scalamandrè a 21 e 14 anni di reclusione: nell’agosto del 2020 uccisero il padre a colpi di mattarello, giurando di averlo fatto per evitarne le violenze. La madre non ci sta

Le sorelle della vittima però sono sicure: “Non era violento, se fosse stato vero perchè nessuno non ci ha mai detto niente? Non ci credo, mio fratello non era violento”

L’approfondimento di Cronaca Vera, con la ricostruzione dell’intera vicenda

blank

Il critico d’arte Alberto Agazzani fu ucciso? Il giallo di Reggio Emilia – GUARDA

GENOVA – Alessio e Simone Scalamandrè sono stati condannati a 21 e 14 anni per l’omicidio del padre Pasquale. Lo ammazzarono nell’estate 2020 al termine di una lite nella loro casa del quartiere di San Biagio. Dissero di averlo fatto per difendersi: Pasquale era indagato per maltrattamenti nei confronti della loro madre, Laura, che ora è disperata.

E al Corriere della Sera dice: «Sono devastata. Non avevo l’aspettativa di una condanna. Pensavo che sarebbero state riconosciute le motivazioni che hanno indotto Alessio a difendersi dall’aggressione del padre. Eppure confido che la verità trionfi in Appello. Alessio e Simone nel mio cuore sono innocenti, sono vittime di mio marito esattamente come me».

Ma cos’accadde esattamente la sera del 10 agosto 2020?

Sarah Scazzi, il caso alla Corte di Strasburgo: “Ecco perché il processo va rifatto” – GUARDA

blank

(continua dopo la pubblicità)

L’ultimo giorno di Simonetta Cesaroni: il giallo di via Poma – GUARDA

IL DELITTO

Pasquale Scalamandrè fa un ultimo tentativo di riconciliazione in famiglia. Il 30 settembre deve infatti andare in aula per rispondere dell’accusa di maltrattamenti. Di mestiere guida gli autobus pubblici e ha 62 anni. Ma a casa le cose non vanno affatto bene: il giudice lo ha allontanato dall’abitazione a gennaio, dopo la denuncia della moglie e del figlio maggiore Alessio.

Ne esce una lite. Diranno che ha aggredito il figlio, che questi si è difeso con ciò che ha trovato. E che quando l’altro figlio, Simone, è intervenuto, per il padre fosse ormai troppo tardi. Perché, di fatto, Pasquale viene ucciso.

Yara Gambirasio: ecco i casi in cui la controanalisi smentì la prova del Dna – GUARDA

blank

Liliana Resinovich, dai codici bancari spariti ai veleni: i tasselli di un enigma – GUARDA

È proprio Alessio a spiegare agli inquirenti la sua versione dei fatti. Dice che il papà voleva fargli cambiare versione, ma lui gli avrebbe risposto così: «Hai rovinato la vita della mamma, ho detto solo la verità». Pasquale gli si sarebbe scagliato addosso e Alessio, afferrato un mattarello, lo ha colpito più volte fino a ucciderlo. Quindi ha abbracciato Simone, stringendolo forte a sè mentre piangeva. E ha chiamato la polizia: «Ho litigato con mio padre, l’ho colpito e non si muove più».

In casa ci sono mobili rovesciati: il segno della colluttazione. E per il giovane si spalancano le porte del carcere di Marassi. Simone è invece denunciato a piede libero. La madre, nel frattempo ospite di una struttura protetta per donne maltrattate, saputo della tragedia, torna a Genova.

Denis Bergamini, il processo all’ex fidanzata: “Non sopportava di vederlo con altre donne” – GUARDA

alessio e simone scalamandrè

(continua dopo la pubblicità)

Lorenzo D’Errico avrebbe ucciso il padre con 40 martellate. Il giallo è risolto? – GUARDA

Si chiama Laura Di Santo, ha 55 anni, e ai quotidiani locali spiega: «Ho letto che parenti e amici dipingono Pasquale come una bravissima persona, assolutamente non violenta. Non era così. Troppo facile giudicare da fuori. Lo so io quello che hanno passato i miei figli in questi anni. E so anche come mio marito perdesse la testa quando vedeva uno dei suoi figli reagire. Sopportvao per i figli, ma lui diceva che ero sua e che mi avrebbe ammazzata».

Elpidio D’Ambra e il delitto di Rosa Alfieri: “Le voci mi hanno ordinato di ucciderla” – GUARDA

Il gip dispone per il giovane gli arresti domiciliari. Scrive il giudice Angela Nutini: “La scelta della misura cautelare tiene conto della genesi di questo terribile delitto, frutto dell’esasperazione di un figlio nei confronti di un genitore violento non emergendo precedenti condotte dell’indagato e, per contro, la vicinanza della comunità  in cui abita”.

Luca Pisciotto, star di Tik Tok, morto da eroe per salvare la mamma – GUARDA

blank

Com’è morto davvero Mauro Pamiro? – GUARDA

Ma il magistrato aggiunge che non sia possibile invocare la legittima difesa, in quanto Alessio “ha inferto un numero rilevante di colpi ponendo in essere una condotta che, allo stato, deve ritenersi andare oltre i  limiti della legittima difesa quand’anche putativa, anche in considerazione della violenza impiegata, tale da determinare schizzi di sangue anche a rilevante distanza rispetto al luogo del rinvenimento della salma”. Ma per il pm Francesco Cardona Albini si tratta di un omicidio aggravato dalla parentela.

“Sono sicuro: il caso di Maurizio Iori fu un errore giudiziario” – GUARDA

NON ERA UN VIOLENTO

La dura sentenza soddisfa i legali di parte civile Stefano Bertone, Irene Rebora e Greta Oliveri: «Rafforza la nostra convinzione sul fatto che i due imputati in maniera fredda e calcolata abbino ucciso il loro padre». Laura spiega al Corriere che al tempo della denuncia «ero vessata, umiliata, minacciata, insultata e picchiata anche davanti ai ragazzi, costretti più volte a intervenire per fermare la sua furia».

Mostro di Firenze, l’appello di due parenti delle vittime: “Indagate ancora, vogliamo la verità” – GUARDA

E giura che i selfie sorridenti di famiglia erano «foto che non rispecchiavano il mio stato d’animo. Vivevo di continuo sulle spine, massacrata dentro». Ma le sorelle di Pasquale, Annamaria e Rosalba, parlando all’emittente locale Primocanale.it, difendono la memoria del fratello: «Non era violento, se fosse stato vero perchè nessuno non ci ha mai detto niente? Non ci credo, mio fratello non era violento. Lui amava sua moglie e i suoi figli. Quando ha saputo della denuncia è rimasto scioccato, specialmente dal modo in cui è stata fatta. Si chiedeva il perchè visto che erano tutte falsità».

“Vi racconto quel genio del mio compagno di classe Guglielmo Gatti. Ed ecco perché l’ho sempre considerato innocente” – GUARDA

 

 

I nostri ebook blank
(continua dopo la pubblicità)

Cronaca Vera

Dal 1969 in edicola. Costa poco e dice tutto.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie