Home / Focus / Fermi tutti! Bergoglio chiede i diritti d’immagine a Rcs

Fermi tutti! Bergoglio chiede i diritti d’immagine a Rcs

 

 

speciale di Oggi su Papa FrancescoNon pubblicate sue foto. Non pubblicate i suoi discorsi. Non mandate in onda la sua voce. O dovrete pagare i relativi diritti. Stiamo parlando di Papa Francesco e di una legge sul diritto d’autore del Vaticano fatta entrare in vigore il 19 marzo 2011 da Papa Ratzinger. Passata quasi del tutto sotto silenzio molto probabilmente perché, quando uscì, fu accompagnata da buone ragioni.

Recita infatti l’articolo 3 della legge: “L’immagine del Romano Pontefice non può essere esposta, diffusa o messa in commercio quando ciò rechi pregiudizio in qualsiasi modo, anche eventuale, all’onore, alla reputazione al decoro o al prestigio della Sua persona. [break]

VOCE E DISCORSI COL MARCHIO- Oltre all’immagine, il Vaticano metteva il copyright sui discorsi del Papa e perfino sulla sua voce, perché bisognava, spiegava Radio Vaticana, tutelare l’autenticità del Magistero. [break]

EVITARE PREGIUDIZI ALL’ONORE DEL PAPA, MA NON SOLO- Sostanzialmente, ci si immaginava che lo scopo ufficiale era di evitare che la faccia del Papa finisse su magliette, caramelle e chissà che altro. O che si utilizzasse la voce per scopi denigratori. Sicchè nessuno ci aveva dato molto peso. Per quanto non si compresse il motivo di una legge ad hoc, dato che nei casi di pregiudizio all’onore e al decoro del Papa come di qualsiasi altra persona, in Italia e in quasi tutti gli altri Paesi del mondo, esiste già la legge sulla diffamazione. [break]

PAGARE SEMPRE- E infatti le cose stanno andando molto, ma molto diversamente. Perché la questione del pregiudizio all’onore e al decoro del Papa costituiva solo le premesse per mettere il copyright vaticano a immagine, discorsi e voce del Pontefice, come esplicitato nel resto della legge. Un fatto piuttosto curioso. [break]

LO SPECIALE DI “OGGI” – Così, lo scorso anno Rcs pubblica, all’indomani dell’elezione del Papa, uno speciale del settimanale Oggi dal titolo “Le parole più belle di Papa Francesco”, un prodotto addirittura apologetico del neopontefice. Nulla di pregiudizievole. [break]

LE RICHIESTE DEL VATICANO A RCS- E come Fronte del Blog ha potuto accertare, il Vaticano batte cassa, chiedendo a Rcs i “diritti d’immagine” sulle foto di Bergoglio. Attenzione, non – come sarebbe ovvio- i diritti d’autore sulle foto dell’archivio vaticano. No, i “diritti d’immagine” sulle foto fatte da altri. Soldi per aver stampato le foto che lo ritraggono. [break]

LE CONSEGUENZE- Inevitabile a questo punto che le medesime disposizioni valgano, al di là di qualsiasi buona intenzione, per i suoi discorsi e per la sua voce per scopi commerciali.

E dato che un editore, un giornale, un libro, una radio, una tv hanno sempre scopi “commerciali”, conviene pensarci bene prima di diffondere qualsiasi cosa lo riguardi. [break]

LEGGE CHE BERGOGLIO VUOLE- Si penserà che forse Bergoglio, papa indubbiamente  decisionista e coraggioso, non abbia esatta contezza della portata della legge. Invece no. Rinnovarla ha costituito uno dei primi atti che ha compiuto appena salito sul soglio pontificio. Facendo particolare attenzione alla questione dei testi. Il 27 febbraio scorso sempre Radio Vaticana informava infatti che Papa Francesco, a dieci giorni esatti dalla sua elezione, ossia il 23 marzo 2013 ha voluto rinnovare tale disposizione precisando, invece, che sono e rimangono dei legittimi proprietari i diritti d’autore e di utilizzazione economica per i testi pregressi all’elezione alla Cattedra di Pietro pubblicati presso quelle Case Editrici”. [break]

L’ETICA DELLA LEGGE VATICANA –Ora, al di là del fatto di capire se abbia ragione Rcs – che in teoria dovrebbe rispondere esclusivamente a leggi italiane- o il Vaticano, la diatriba pone tre questioni di tipo etico.

Anzitutto, è legittimo che un capo di Stato, quale è il Papa, personaggio pubblico per eccellenza, esiga i diritti d’immagine per le foto che qualcuno gli ha scattato, e che soprattutto li esiga in Paesi che non sono il suo, e cioè il Vaticano?

La seconda domanda è più sottile: i discorsi e la voce del Papa vengono diffusi non perché abbiano una qualche valenza letteraria. E quand’anche l’avessero, vengono diffusi esclusivamente perché provenienti dall’inteprete massimo della parola di Dio. E allora la domanda è: quanto è eticamente lecito che chi si fa interprete massimo della parola di Dio chieda del denaro per farla riprodurre?

E infine: per quale ragione la Chiesa dovrebbe continuare a non pagare tasse in Italia sugli edifici di culto, se poi, per vedere, leggere e ascoltare l’interprete massimo di quel culto, bisogna pagargli i diritti d’immagine?

Edoardo Montolli

Tutti i libri di Edoardo Montolli – GUARDA

Il boia di Edoardo Montolli su Kindle – GUARDA

Chi è Edoardo Montolli

Edoardo Montolli, giornalista, è autore di diversi libri inchiesta molto discussi. Due li ha dedicati alla strage di Erba: Il grande abbaglio e L’enigma di Erba. Ne Il caso Genchi (Aliberti, 2009), tuttora spesso al centro delle cronache, ha raccontato diversi retroscena su casi politici e giudiziari degli ultimi vent'anni. Dal 1991 ha lavorato con decine di testate giornalistiche. Alla fine degli anni ’90 si occupa di realtà borderline per il mensile Maxim, di cui diviene inviato fino a quando Andrea Monti lo chiama come consulente per la cronaca nera a News Settimanale. Dalla fine del 2006 alla primavera 2012 dirige la collana di libri inchiesta Yahoopolis dell’editore Aliberti, portandolo alla ribalta nazionale con diversi titoli che scalano le classifiche, da I misteri dell’agenda rossa, di Francesco Viviano e Alessandra Ziniti a Michael Jackson- troppo per una vita sola di Paolo Giovanazzi, o che vincono prestigiosi premi, come il Rosario Livatino per O mia bella madu’ndrina di Felice Manti e Antonino Monteleone. Ha pubblicato tre thriller, considerati tra i più neri dalla critica; Il Boia (Hobby & Work 2005/ Giallo Mondadori 2008), La ferocia del coniglio (Hobby & Work, 2007) e L’illusionista (Aliberti, 2010). Dirige la casa editrice Algama (www.algama.it).

Leggi anche

Bruno Vespa non avrebbe dovuto intervistare Salvo Riina? E perché mai?

Enzo Biagi intervistò Liggio. C’è chi ha intervistato i peggiori assassini. E perché allora Vespa non può decidere di ascoltare Salvo Riina? Per quale ragione a decidere chi intervista chi deve essere la Commissione Antimafia?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com