Notizie flashsocietàSpettacolo

Sanctuary: la recensione della serie Netflix sull’arte Sumo

Un'analisi sulla disciplina marziale nipponica, tra lati oscuri e riscatto

Dal 4 maggio 2023 è approdata su Netflix la serie TV nipponica diretta da Kan Eguchi e scritta da Tomoki Kanazawa, Sanctuary. Sin dall’evocativo titolo, le 8 puntate trascinano letteralmente lo spettatore nel dohyo, vero luogo sacro per i lottatori di Sumo che sacrificano e dedicano la propria esistenza, come da spirito guerriero, alla suprema arte marziale.

Breaking Bad Style: oggetti di culto di una delle serie tv più amate – GUARDA

TELEFILM MALEDETTI: Dagli allori al dimenticatoio: le star della vecchia tv finite malissimo

 

Da Joker a Scream, da Dexter a Breaking Bad: quando i killer si ispirano a cinema e tv – GUARDA

Va sottolineato sin da subito che a questa forma di combattimento, molto nota in Giappone ma rimasta, forse per sua fortuna, sinora fortemente ancorata alla tradizione nipponica senza essere sdoganata in contesti filmici occidentali che ne snaturassero il vero profilo (come invece accaduto per il Kung-fu, il Ju-jitsu, il Judo e via dicendo), mai nessuna formula audiovisiva, almeno con distribuzione mondiale, era ancora stata dedicata. E questo ha certamente sancito la fortuna di Sanctuary, che al suo interno vanta, oltre al protagonista Wataru Ichinose, qui nei panni di Kiyoshi Oze, numerosi lottatori Sumo professionisti che hanno contribuito a restituire agli episodi un concentrato di realismo che ad oggi conosce pochi pari nel cinema delle martial arts.

Breaking Bad, pronti per il remake coreano? Intanto ecco l’assurda pubblicità di Heisenberg – VIDEO

Sarà proprio attraverso il personaggio di Oze, ragazzo scapestrato con un passato criminale e una situazione familiare a dir poco disastrosa con la madre alcolizzata e prostituta e il padre, onesto lavoratore, sommerso dai debiti, che lo spettatore varca quel luogo sacro, di preghiera, meditazione, lotta e machismo, allenamento e sudore, ma anche nonnismo e violenza psicologica, corruzione, politica e denaro. Ed è proprio questo il vanto di Sanctuary: non censurare nulla e raccontare al mondo intero ciò che gravita attorno al Sumo professionistico.

“Telefilm maledetti”, la fine terribile dei protagonisti delle serie tv più amate – GUARDA

Di pari passo al suo ingresso nel Sumo pro, vivremo il percorso di vita di Oze: un cammino tutto in salita, contrassegnato dal dolore fisico, ma soprattutto morale e dell’anima per via del senso di colpa che lo affligge per un grave incidente che ha portato suo padre in un letto d’ospedale e la necessità da parte sua di dover pagare le spese sanitarie e i debiti che attanagliano il suo vecchio, in un Giappone fortemente stratificato in caste sociali e che non conosce mediazioni.

Quando Maurizio Costanzo si trasformò in attore da sitcom: te lo ricordi Orazio? – GUARDA

Attraverso flashback ci viene riscostruita la vita della sua famiglia, un tempo felice e che vantava uno dei migliori sushi restaurant del Giappone. Ma ciò che più viene messo in risalto dalla serie, che oltre a una valida prova interpretativa vanta anche fotografia, musica, sceneggiatura e regia davvero ottime (per non parlare delle coreografie!), è proprio quel lato meno conosciuto dell’arte Sumo, alla quale veniamo addestrati attraverso l’allenamento dei lottatori e il loro gergo, ma anche i numerosi incontri ai quali assistiamo.

La Famiglia Addams, morta Lisa Loring, alias Mercoledì. Ecco che fine ha fatto il cast – GUARDA

Entriamo nella vita privata di questi guerrieri, assistiamo alle loro giornate, al loro modo di cibarsi, al loro modo di divertirsi e alla loro profondo dedizione all’arte sacra e suprema della lotta, per loro e famiglie fonte di rendita molto spesso spietata.

Morto Adam Rich, il Nicholas de La famiglia Bradford: continua la maledizione dei bambini prodigio – GUARDA

Una storia di redenzione e rivalsa sulla società da parte di un ragazzo cresciuto in contesti disagiati e difficili, che fa della sua lotta contro il mondo la sua professione e motivo di riscatto ed esistenza. Assolutamente da vedere!

Te lo ricordi Hazzard? Ecco la vera storia di Bo, Luke e Daisy Duke (e come sono oggi) – GUARDA

Nico Parente

Quando i lettori comprano attraverso i link Amazon ed altri link di affiliazione presenti sul sito - nei post in cui è presente un prodotto in vendita - Fronte del Blog potrebbe ricevere una commissione, senza però che il prezzo finale per chi acquista subisca alcuna variazione.

Nico Parente

Nico Parente, classe '86, salentino di origine e trapiantato in Veneto, è giornalista di professione e saggista per passione. Si laurea in Scienze della Comunicazione presso UniSalento con una tesi dal titolo "Profondo Rosso: un'analisi linguistica della filmografia di Dario Argento", per poi proseguire gli studi presso La Sapienza conseguendo la laurea magistrale in "Editoria multimediale e nuove professioni dell'informazione" con una tesi dal titolo "Rendersi credibili: un'analisi psico-linguistica di alcune udienze di un processo a un pentito di mafia" con riferimento al boss della Mala del Brenta Felice Maniero. Instancabile lettore, cinefilo, ama il genere thriller e horror, nutre un profondo interesse per i cold-case e i gialli irrisolti. Dal 2018 cura le collane CINEMA e MUSICA per SHATTER Edizioni ed è direttore artistico e ideatore della manifestazione GIALLO BERICO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie