Notizie flashsocietàX files

Il Parco dei Mostri, un posto magico unico al mondo

(continua dopo la pubblicità)

Il Parco dei Mostri (denominato anche Sacro Bosco o Villa delle Meraviglie), è un giardino naturale ricco di sculture ritraenti animali mitologici e divinità occulte e paurose

Molti hanno tentato di sciogliere l’enigma di questo luogo tra arte, magia e letteratura, ma il modo migliore di apprezzarlo è quello di perdersi al suo interno, abbandonando ogni certezza razionale

parco dei mostri

Bomarzo (Viterbo)

L’architetto e antiquario Pirro Ligorio, noto anche come “abile falsario di iscrizioni latine”, su commissione del principe Pier Francesco Orsini, nel 1547, progettò e sovrintese alla realizzazione del parco di Bomarzo, elevando a sistema, nelle figure mitologiche, il genere del grotesque.

Storici, archeologi e filologi hanno fatto parecchi tentativi per spiegare questo labirinto di simboli e hanno trovato temi antichi e motivi della letteratura rinascimentale, per esempio del “Canzoniere” di Francesco Petrarca, de “l’Orlando furioso” di Ludovico Ariosto e dei poemi di Bernardo Tasso. Sono rimasti, però, talmente tanti misteri che uno schema interpretativo omogeneo, alla fin fine, forse non potrebbe nemmeno essere trovato, ma una possibile iscrizione-chiave compare su un pilastro: “Sol per sfogare il core”.

Nostradamus profetizzò la terza guerra mondiale con il conflitto in Ucraina? – GUARDA

parco dei mostri

L’idea visionaria del Parco dei Mostri

Nel 1585, dopo la morte dell’ultimo principe Orsini, il parco fu abbandonato e nella seconda metà del Novecento fu restaurato dalla coppia Giancarlo e Tina Severi Bettini, i quali sono sepolti nel tempietto interno al parco, che forse è anche il sepolcro di Giulia Farnese.

Nel 1948 il parco fu visitato dal pittore surrealista Salvador Dalí, che per l’occasione si fece inquadrare in pose originali tra i principali monumenti e definì il luogo un’invenzione visionaria unica. L’artista spagnolo ne rimase talmente colpito che gli fu di ispirazione per una delle sue opere, quella delle “Tentazioni di Sant’Antonio”.

Triangolo delle Bermude: un mistero angoscioso ma affascinante – GUARDA

Studiosi, artisti e intellettuali di ogni epoca, sono stati in molti a interrogarsi sulle reali intenzioni del Principe Orsini e sui significati nascosti disseminati nel parco, le cui attrazioni sono cariche di simbolismi, con continui riferimenti e rimandi alla mitologia ed al mondo dell’occulto e del fantastico. Il visitatore viene condotto attraverso un percorso fatto di grandi statue, edifici surreali, iscrizioni e indovinelli che sorprendono e disorientano continuamente.

Fenomeni paranormali italiani – GUARDA

 

Non a caso il parco è chiamato anche Bosco Sacro o Bosco Iniziatico. Un regno di sogno, in cui stimolare l’intelligenza e la cultura, grazie a un continuo gioco di richiami mitologici ed enigmi, tra statue di sirene, mostri marini, tartarughe giganti, satiri, sfingi, draghi, maschere, falsi sepolcri e giochi illusionistici: «Voi che entrate qui, considerate ciò che vedete e poi ditemi se tante meraviglie sono fatte per l’inganno o per l’arte».

parco dei mostri

Percorso sorprendente

Dopo la morte del Principe, gli eredi abbandonarono il parco, e solo dopo 400 anni, la famiglia Bettini, recuperò con restauri e lavori quello che oggi possiamo ammirare.

Varcata la soglia di ingresso e superate le due sfingi, una delle prime grandi opere che si incontra è la colossale testa di un mostro marino: si tratta di Proteo-Glauco, il pescatore divenuto dio marino dopo aver mangiato un’erba magica. Più avanti, una scena che raffigura una lotta tra giganti: un impetuoso e violento Ercole uccide – squartando a mani nude – Caco, il figlio del dio Vulcano.

Il primo incontro (con gli alieni) non si scorda mai – GUARDA

Tra le più imprevedibili, inquietanti e suggestive opere ci sono i gruppi scultorei della Tartaruga e del Pegaso alato, ma anche un elefante e la statua del dio Nettuno. Ma le stravaganze non finiscono qui. A un certo punto appare un edificio davvero singolare; si tratta della “Casa Pendente”, una abitazione costruita sopra un masso inclinato che inganna gli occhi fino a far perdere l’equilibrio.

Robbie Williams scappa dalla sua casa in Inghilterra e la svende: “Ci sono i fantasmi” – GUARDA

parco dei mostri

Nei dintorni si trovano anche la statua del Drago assalito da un cane e un leone, e poi il Gigante, lo Stregone e l’inquietante Orco sanguigno con la bocca spalancata, al cui interno si trova un tavolo in pietra con tanto di sedie.

LA STRANA STORIA DELLE BARE ANIMATE – GUARDA

Sulla bocca dell’Orco la scritta “Lasciate ogni pensiero voi che entrate” invita ad abbandonare certezze razionali per ricongiungersi con la nostra parte più istintiva e autentica al fine di ritrovare noi stessi. È forse questo il senso del messaggio che il Principe Orsini voleva comunicare ai suoi ospiti?

Priscilla Astra per Cronaca Vera

(continua dopo la pubblicità)

Cronaca Vera

Dal 1969 in edicola. Costa poco e dice tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie