Notizie flashPanoramasocietà

Ucraina, due terzi dei Paesi Nato hanno finito le armi da inviare

(continua dopo la pubblicità)

Ucraina, 20 Paesi su 30 della Nato non hanno più armi da inviare. Restano, tra gli altri, l’Italia, la Francia, la Germania e l’Olanda

ucraina
Da Twitter

Secondo il Wall Street Journal la guerra in Ucraina starebbe rallentando la fornitura di armi a Taiwan, aggravando un arretrato di quasi 19 miliardi di dollari di equipaggiamenti militari destinati all’isola. Il Pentagono avrebbe ammesso ritardi nella consegna delle attrezzature utili alla difesa nel caso di un’invasione cinese.

Guerra in Ucraina, Putin pronto a mobilitare altri 100 mila uomini. Torna la luce a Kiev – GUARDA

In una nota, la portavoce del dipartimento della Difesa, Sabrina Singh, comunica che “continuiamo a lavorare diligentemente per fornire armi a Taiwan il più rapidamente possibile, assicurandoci allo stesso tempo che l’Ucraina possa difendersi dall’aggressione russa”.

blank
Da Twitter

La morte di Vladimir Makei

Lo scacchiere internazionale si fa insomma sempre più complesso. Il ministro degli esteri russo Sergej Lavrov ha rinviato la sua visita in Bielorussia dopo l’improvvisa morte del suo omologo Vladimir Makei, le cui cause del decesso restano tuttora avvolte nel mistero: Kiev ha paventato addirittura l’ipotesi di un avvelenamento per spingere la Bielorussia a schierarsi con Mosca sul campo di battaglia.

Lo strano caso dei missili caduti sulla fattoria polacca – GUARDA

ucraina
Da Twitter

Negoziare quando decide l’Ucraina

Da parte sua, il presidente del Parlamento europeo, Roberta Metsola, intervenendo a Che tempo che fa su Rai3, afferma: “Noi negozieremo con la Russia quando l’Ucraina deciderà che si potrà negoziare. Non possiamo noi decidere sul loro territorio. Sono loro che subiscono ogni giorno i bombardamenti”.

Andrea Sceresini: “Io che sono stato nel Donbass vi racconto cosa succede davvero” – GUARDA

DONBASS
Clicca sulla copertina e vai al libro

Quasi finite le armi della Nato

Ma, a quanto scrive il New York Times, due terzi dei membri Nato avrebbero esaurito le armi da inviare a Kiev: 20 Paesi su 30 sarebbero a corto di mezzi, come la Polonia e gli Stati del Baltico. Il funzionario che ha parlato con il quotidiano ha chiesto l’anonimato, ma ha citato gli Stati più grandi che ancora possono fornire mezzi: tra questi l’Italia, la Francia, la Germania e l’Olanda. Complessivamente i Paesi della Nato avrebbero trasferito armamenti in Ucraina per un valore di 40 miliardi di dollari.

La guerra in Ucraina: testimonianze, video, podcast, approfondimenti – SPECIALE

Da Oggi.it

(continua dopo la pubblicità)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie