Notizie flashPanoramasocietà

Guerra in Ucraina, Putin pronto a mobilitare altri 100 mila uomini. Torna la luce a Kiev

(continua dopo la pubblicità)

Vladimir Putin pronto a inviare altri 100 mila soldati entro primavera. A Kiev torna la corrente. E l’Ungheria prende una posizione netta: il bollettino sulla guerra in Ucraina

putin

Vladimir Putin non si ferma. Per alcune fonti vicine all’intelligence del Cremlino, il leader russo sarebbe pronto a rilanciare. Così scrive il sito iStories: “La Russia ha in programma di stabilizzare il fronte in Ucraina quest’inverno per poi ricominciare in primavera: il numero di soldati uccisi e feriti potrebbe essere di circa 100.000. Ma questo non spaventa nessuno, possono essere sostituiti da coscritti del servizio obbligatorio”.

Lo strano caso dei missili caduti sulla fattoria polacca – GUARDA

L’ipotesi è quella di inviare altri 120 mila militari di leva entro la primavera del 2023: “Per questo motivo il presidente russo non sta revocando il decreto di mobilitazione parziale”.

blank
Da Twitter

I raid di Putin respinti

Nel frattempo la Russia continua a perdere terreno. Lo Stato Maggiore di Kiev sostiene di aver  respinto otto raid in 24 ore negli insediamenti di Yakovlivka, Soledar, Bakhmutske, Bakhmut, Opytne, Pervomaiske, Krasnohorivka e Nevelske nella regione di Donetsk. Le forze di Mosca avrebbero utilizzato invano 11 missili, 7 aerei e più di 50 attacchi con sistemi di artiglieria a lancio multiplo.

Andrea Sceresini: “Io che sono stato nel Donbass vi racconto cosa succede davvero” – GUARDA

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, nel quotidiano discorso serale alla nazione, non nasconde il proprio ottimismo: “L’Ucraina e i suoi partner stanno gradualmente creando un sistema che fermerà l’aggressione russa, smantellerà le sue conseguenze e garantirà la sicurezza a lungo termine, la sicurezza dell’Ucraina e del mondo”.

DONBASS
Clicca sulla copertina e vai al libro

Torna la luce a Kiev

Zelensky però punta l’indice contro il lavoro “inadeguato” del sindaco della capitale, Vitaly Klitschko, che non avrebbe allestito nella maniera più giusta i cosiddetti “centri di invincibilità” in cui i cittadini possono accedere a riscaldamento, acqua, internet e collegamenti di telefonia mobile: “Sfortunatamente le autorità locali non si sono comportate bene in tutte le città. In particolare, ci sono molte lamentele a Kiev. È necessario più lavoro”.

Vergogna Ucraina: così hanno trattato Lorenzo Giroffi, giornalista italiano “non allineato” – GUARDA

Dtek, l’azienda ucraina per la distribuzione dell’elettricità, fa però tirare un sospiro di sollievo agli abitanti, con il suo ultimo comunicato su Facebook: “Comprendiamo che la mancanza di elettricità a lungo termine complica la vita dei residenti di Kiev. Pertanto, da oggi Dtek accenderà alternativamente le luci per tutti i residenti in modo tale che l’interruzione elettrica per ogni utente non superi le 5 ore”. Non è la panacea di tutti i mali, ma a fronte di quanto successo nei giorni precedenti, è già moltissimo.

Nella guerra tra Ucraina e Russia è tornata l’informazione sovietica: la nostra – GUARDA

Il Guardian cita il presidente della compagnia nucleare ucraina Energoatom Petro Kotin nel rivelare che i bombardamenti dei giorni scorsi hanno interrotto l’alimentazione di tre centrali nucleari: “Tutti i meccanismi di sicurezza hanno funzionato ma due generatori sono stati danneggiati ritardando il riavvio di due reattori: i ripetuti arresti causati dagli attacchi possono avere un impatto grave sulla sicurezza nucleare e sull’approvvigionamento energetico”.

La guerra in Ucraina: testimonianze, video, podcast, approfondimenti – SPECIALE

Ma Oleh Korikov, ispettore capo della sicurezza nucleare, lancia l’allarme all’Observer: “Qualsiasi uso dello scram (arresto d’emergenza di un reattore) può causare un incidente”.

blank

La posizione ungherese

L’Ungheria, sempre piuttosto critica sulle sanzioni alla Russia, si smarca dalla posizione ambigua rispetto alle decisioni del Parlamento Europeo contro il Cremlino. Il presiedente Katalin Novak, in visita a Kiev, dichiara infatti: “La responsabilità di Vladimir Putin in questa guerra è ovvia, gli ungheresi si sono sempre opposti a sofferenza e spargimento di sangue. Siamo vicini dell’Ucraina e i nostri vicini possono contare sul nostro aiuto. I vicini rimarranno sempre vicini”.

E mette sul piatto alcuni argomenti, tipo che il suo Paese ha “150.000 ragioni per fermare questa guerra e raggiungere la pace: sono i 150.000 ungheresi che vivono in Transcarpazia sul territorio dell’Ucraina. Molti ungheresi etnici hanno già dato la vita per la difesa dell’Ucraina”.

(continua dopo la pubblicità)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie