Notizie flashNotizie strane dal mondosocietà

Brasile, diciannovenne partorisce due gemelli di due padri diversi. Ecco cos’è successo

(continua dopo la pubblicità)

Due gemelli da due padri diversi. Sembra impossibile, invece ci sono venti casi al mondo. Certo, ci devono essere particolari condizioni: e la storia della 19enne di Minerios, nel Goias, Brasile, sta ora facendo il giro del mondo…

gemelli
Foto: Archivio Pixabay

Una 19enne di Minerios, nel Goias, Brasile, ha partorito due gemelli figli di due padri diversi. Succede in “un caso su un milione” e viene chiamata tecnicamente superfecondazione eteropaternale.

Rumeysa Gelgi, la donna più alta del mondo, prende per la prima volta l’aereo: ecco come ha fatto – GUARDA

Gemelli diversi

Ma com’è successo? All’inizio se lo è chiesto anche lei quando ha fatto il test di paternità per capire chi fosse il padre. E si è accorta che il primo risultava padre per uno solo dei figli. Così ha fatto il test del dna ad un secondo uomo, risultato padre dell’altro gemello. Ma la domanda resta: com’è possibile? La giovane si è ricordata di aver fatto sesso con entrambi lo stesso giorno. E, anche se succede una volta su un milione, è in questo particolare caso che può avvenire la superfecondazione eteropaternale.

Jorund Viktoria Alme, l’incredibile storia del norvegese normodotato che “si percepisce” donna disabile – VIDEO

Il medico

Le sue generalità non sono state rese ovviamente note. Ma il suo medico, Tulio Jorge Franco, ha detto al Globo: «È possibile che si verifichi quando due ovuli della stessa madre vengono fecondati da uomini diversi. I bambini condividono il materiale genetico della madre, ma crescono in placente diverse». Stando ai media brasiliani i piccoli hanno già 16 mesi. E solo uno dei padri ha accettato di occuparsi di entrambi i bambini. La storia è diventata virale.

Morto Amou Haji, “l’uomo più sporco del mondo”: 94 anni, non si lavava da 50 – VIDEO

Tutte le notizie più strane (ma documentate) dal mondo – GUARDA

(continua dopo la pubblicità)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie