DelittiNotizie flashsocietà

Liliana Resinovich, la criminologa che assiste il fratello: “La fede nuziale dimostra che non fu suicidio”

(continua dopo la pubblicità)

Liliana Resinovich, ecco cos’ha scoperto la criminologa Gabriella Marano, che assiste Sergio, fratello di Liliana, alla ricerca della verità sulla morte della donna

Liliana Resinovich, la consulenza della Procura che ha concluso per il suicidio della donna, non convince. E ora Gabriella Marano, la criminologa nel pool che assiste Sergio, il fratello della defunta triestina, ritiene di aver trovato solidi argomenti per smentire quelle conclusioni.

liliana resinovich
Il ritrovamento del cadavere, dal settimanale Cronaca Vera

La perizia

Il professore di Medicina legale Fulvio Costantinides e il medico radiologo Fabio Cavalli hanno sostenuto in 50 pagine che la donna si sarebbe suicidata per assenza di “qualsivoglia segno ragionevolmente riportabile a violenza per mano altrui”, per la mancanza “di lesioni attribuibili a difesa”. Per il fatto che i sacchi integri che ne contenevano il cadavere sono “poco compatibili” con un caso di aggressione e con il trasporto del corpo “in ambiente impervio”.

Liliana Resinovich e il metodo Sherlock Holmes per risolvere il caso – GUARDA

E dunque “non emerge alcunché che concretamente supporti l’intervento di mano altrui nel determinismo del decesso”. Quanto alla morte, che fino a quel momento sapevamo essere avvenuta per un mai chiarito “scompenso cardiaco acuto”, non si esclude una morte per asfissia dopo che Liliana s’infilò un sacchetto in testa. Infine, dettaglio ulteriormente sconvolgente, la donna sarebbe morta al massimo “due, tre giorni prima del ritrovamento”.

liliana-resinovich
Sergio Resinovich, dal settimanale Cronaca Vera

 

Non solo. Liliana sarebbe morta non il 14 dicembre, giorno della scomparsa, ma pochi giorni prima che il suo cadavere fosse ritrovato, per quanto, nello stomaco, ci fossero gli stessi resti della colazione consumata il 14.

Liliana Resinovich: le ricerche sul divorzio e le oltre 1100 telefonate a Claudio Sterpin – GUARDA

Dove sarebbe stata tutti quei giorni, mentre l’Italia intera la cercava? E com’è possibile che sia morta poco dopo aver mangiato gli stessi alimenti del 14 dicembre?

(continua dopo la pubblicità)

LILIANA RESINOVICH

La ricostruzione

Secondo tale ricostruzione, dunque, Liliana la mattina del 14 dicembre uscì con una borsetta vuota, senza cellulare, nè documenti. E sarebbe stata in giro o nascosta, senza essere notata da nessuno per tre settimane. Quindi, ai primi di gennaio, si sarebbe diretta al parco dell’ex ospedale psichiatrico, si sarebbe infilata in due sacchi e altri due sacchetti se li sarebbe stretti sul collo, suicidandosi.

Liliana Resinovich, il dna esclude tutti. Tre indizi per risolvere il giallo – GUARDA

Difficile crederlo. Però ora la criminologa Gabriella Marano porta nuovi, apparentemente solidi, argomenti in grado di smentire l’ipotesi del suicidio.

gabriella marano
La criminologa Gabriella Marano (Facebook)

La fede nuziale di Liliana Resinovich

Scrive infatti Marano su Facebook: “Circa l’epoca della morte di Liliana, tra i tanti, vi è un dato nella consulenza medico-legale che, se analizzato in modo sereno e approfondito, ci dice che la morte è avvenuta il giorno stesso della scomparsa: il medico incaricato dalla Procura descrive infatti che sull’anulare della mano sinistra, prima falange, è possibile rinvenire un’area depressa con ogni probabilità causata dal fatto che la donna indossasse un anello (la fede) che, come successivamente acquisito, il giorno della sua scomparsa la donna avrebbe lasciato a casa.

Tale dato, ricorrendo ad una massima di esperienza e ad una sperimentazione di natura empirica, ci dice in modo incontrovertibile che se Lilli fosse realmente rimasta in vita per ulteriori tre settimane, quell’area depressa non poteva essere presente, in quanto, ripetesi, attraverso una semplice prova empirica realizzata pure dalla scrivente, l’area depressa in parola, spontaneamente, in ragione della elasticità della pelle, si sarebbe risolta, magari lasciando solo una leggera discromia”.

Liliana Resinovich: e se davvero la sua fosse una morte naturale? L’ipotesi choc – GUARDA

liliana resinovich

La colazione

Ma non basta: “Inoltre, sempre dal punto di vista fattuale, appare assolutamente inverosimile ed illogico che il 2/3 gennaio la donna avrebbe consumato la stessa colazione che, dalle dichiarazioni pubbliche del marito e dalla constatazione direttamente acquisita dal fratello Sergio Resinovich che ha potuto vedere, in data 18/12/2021, dei contenitori di multivitaminici e un panettone con uvette tagliato a fette nella cucina della casa di Lilli”.

Liliana Resinovich: l’ombra del delitto perfetto – L’ANALISI DEL GIALLISTA

(continua dopo la pubblicità)
liliana resinovich
Liliana Resinovich, 63 anni, era da qualche tempo in pensione e conduceva una vita normale, fatta di semplici abitudini. Sparita da casa il 14 dicembre 2021, è stato il fratello a denunciarne la scomparsa.

 

(continua dopo la pubblicità)

Manuel Montero

Manuel Montero scrive da vent’anni per diversi settimanali nazionali. Ha pubblicato nel 2019, per Algama, Fenomeni Paranormali Italiani, in cui ha raccontato storie di cronaca, fatti ed eventi apparentemente incredibili, raccolti in prima persona negli anni sulla Penisola. In allegato a Il Giornale (e in ebook per Algama) sono invece usciti i volumi Telefilm Maledetti, dove l’autore narra la triste fine di alcuni dei più amati protagonisti di telefilm degli anni Settanta e Ottanta. E Wuhan - Virus, esperimenti e traffici oscuri nella città dei misteri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie