DelittiNotizie flashsocietà

Liliana Resinovich, l’ultimo messaggio a Sterpin il giorno prima di morire: “A domani, amore mio”

(continua dopo la pubblicità)

Liliana Resinovich, trapela l’ultimo messaggio inviato a Claudio Sterpin dalle terme in Slovenia in cui si trovava con il marito. E che sembrerebbe escludere definitivamente l’ipotesi del suicidio

Il fratello Sergio Resinovich chiede di vedere le immagini delle telecamere che inquadrarono Liliana quando scomparve: “Vorrei visionarle per capire se è mia sorella o meno”

E proprio Sterpin sfoga la sua rabbia: “Come parenti, nessuno ha potuto vedere Liliana, nessuno è obiettivamente nemmeno sicuro che sia lei in quella bara”

Il giallo dell’app che conteggiò 11 passi

liliana resinovich

Liliana Resinovich, trapela l’ultimo messaggio inviato a Claudio Sterpin il giorno prima di morire: “In relax pensando a domani, AM”. Acronimo che, in codice, starebbe per “amore mio”. Lo pubblica il quotidiano di Trieste Il Piccolo. E sarebbe stato inviato alle 12.56 del 13 dicembre, il giorno prima che la donna sparisse e fosse ritrovata cadavere il successivo 5 gennaio.

Liliana Resinovich: le ricerche sul divorzio e le oltre 1100 telefonate a Claudio Sterpin – GUARDA

liliana resinovich

L’IPOTESI DEL SUICIDIO

Come e perché sia trapelato non si sa. Tuttavia si tratta dell’ennesimo tassello che s’incastra in un puzzle dove non sembra esserci spazio per un suicidio pure preso in considerazione dagli inquirenti. Non solo le modalità del suicidio sarebbero più uniche che rare, con la donna che arriva nel parco dell’ex manicomio senza cellulari, portafogli, documenti e con una borsetta da cui estrarre due sacchi della pattumiera in cui infilarsi e altri due sacchetti da stringersi intorno al collo con un cordino.

Ma ora anche l’intenzione di uccidersi pare tramontata. Liliana aveva infatti cercato su Google un appartamento e il modo per divorziare “senza avvocato” e dunque senza litigare con il marito Sebastiano Visintin. E sappiamo anche che con Sterpin aveva scambiato oltre 1100 telefonate, più del doppio di quelle intercorse con il compagno.

(continua dopo la pubblicità)

Ora il messaggio a Sterpin, inviato dalle terme in Slovenia in cui si trovava proprio con Sebastiano, fanno pensare proprio ad una donna che volesse cambiare vita, che si stesse attivando per farlo. E che attendesse con ansia di incontrare l’amico il giorno successivo. Non certo l’umore di una persona che vuol togliersi la vita.

Liliana Resinovich, il dna esclude tutti. Tre indizi per risolvere il giallo – GUARDA

Liliana Resinovich

ERA LILIANA RESINOVICH QUELLA NELLE IMMAGINI?

Intanto il fratello Sergio parla a Chi l’ha visto? e chiede di poter visionare le immagini delle videocamere che avrebbero ripreso Liliana mentre passa in via Damiano Chiesa e poi in piazzale Gioberti la mattina della scomparsa. Cosa che fino ad ora gli è stata impedita: «Mi chiedo come mai da fratello avrei potuto riconoscerla. Vorrei visionarle per capire se è mia sorella o meno e se non è lei abbiamo un altro scenario. Nessun familiare le ha viste, se è lei abbiamo il diritto di vederle, sono le sue ultime immagini».

Liliana Resinovich: e se davvero la sua fosse una morte naturale? L’ipotesi choc – GUARDA

liliana resinovich sergio

GLI UNDICI PASSI

Claudio Sterpin interviene invece a Storie Italiane sull’app contapassi installata sullo smartphone di Liliana che, la mattina del 14 dicembre conteggiò soltanto sette metri, equivalenti a 11 passi, dopo la telefonata che gli fece alle 8,22: «A me sembra strano che siano solo 11 i passi compiuti e mi sembra ancora più strano che Lilly viaggi per casa con un telefono, visto che doveva prepararsi per uscire. La spiegazione che è stata data è fasulla, secondo me. Lei doveva uscire in quei minuti. Undici passi li puoi fare in casa, andando dal soggiorno in bagno».

Ora, è naturalmente possibile che lo avesse semplicemente appoggiato sul tavolo in casa e fosse uscita dimenticandoselo lì. Ma Claudio va oltre: «Senza la borsetta, senza i documenti e senza i cellulari, Liliana non sarebbe mai uscita di casa. Come fa a salire sull’autobus, se i soldi, i documenti, il Green Pass sono a casa nella borsetta? È una versione dei fatti secondo me troppo incongruente quella che ci viene restituita»

Liliana Resinovich: l’ombra del delitto perfetto – L’ANALISI DEL GIALLISTA

liliana resinovich

(continua dopo la pubblicità)

NON SIAMO NEMMENO SICURI CHE SIA LEI

Quindi, l’ultimo sfogo: «Se fossi Sergio Resinovich, sarei più infuriato di un toro in mezzo all’arena. Come parenti, nessuno ha potuto vedere Liliana, nessuno è obiettivamente nemmeno sicuro che sia lei in quella bara. Hanno riconosciuto il cadavere da una fotografia, nessuno ha visto il suo corpo dal vivo. Io non voglio morire senza sapere che fine possa avere fatto Liliana. Io vivo per difendere la sua memoria dagli sciacalli che ci girano attorno».

Liliana Resinovich, la soluzione del giallo non è nel dna. Ma nelle scarpe – GUARDA

liliana resinovich

IL GIALLO DELLE CAUSE DELLA MORTE

Ma il vero problema, in questa vicenda, è che a quanto si sa Liliana è morta per “scompenso cardiaco acuto” e che nel corpo non sono state trovate droghe o farmaci. Non sono segnalati segni di soffocamento o strangolamento, o almeno questo non è mai stato comunicato. E certo nessuno può suicidarsi provocandosi solo uno “scompenso cardiaco acuto”, né uccidere provocandolo senza lasciare traccia.

Liliana Resinovich, tutti gli enigmi del caso – SPECIALE

liliana resinovich

Per questo il solo “scompenso cardiaco acuto” non può che indicare una morte naturale. Ma, in quel caso, è impossibile che Liliana si sia infilata nei sacchi attendendo un infarto o un malore. Se non ci sono segni di asfissia, nè di strangolamento e se la sua è davvero una morte naturale, può significare soltanto che la scena al parco dell’ex manicomio sia stata composta dopo il suo decesso.

Manuel Montero

L’ultimo libro di Manuel Montero è “Wuhan – virus, esperimenti e traffici oscuri nella città dei misteri”, uscito in allegato a Il Giornale e disponibile in ebook per Algama, QUI

I nostri ebook blank
(continua dopo la pubblicità)

Manuel Montero

Manuel Montero scrive da vent’anni per diversi settimanali nazionali. Ha pubblicato nel 2019, per Algama, Fenomeni Paranormali Italiani, in cui ha raccontato storie di cronaca, fatti ed eventi apparentemente incredibili, raccolti in prima persona negli anni sulla Penisola. In allegato a Il Giornale (e in ebook per Algama) sono invece usciti i volumi Telefilm Maledetti, dove l’autore narra la triste fine di alcuni dei più amati protagonisti di telefilm degli anni Settanta e Ottanta. E Wuhan - Virus, esperimenti e traffici oscuri nella città dei misteri.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie