Bar SportNotizie flashsocietà

Scacchi, al via la Mitropa Cup

(continua dopo la pubblicità)

A Corte, in Corsica, le Nazionali italiane di scacchi sognano di confermare i successi dello scorso anno. L’Italia ci arriva infatti da campione in carica, sia nell’Open che nel Femminile

scacchi

Il nome ricorda quello della storica “antenata” della Champions League, che si giocava negli anni ‘30 tra le squadre più forti del centro Europa.

E in effetti la Mitropa Cup degli scacchi, proprio come quell’antico torneo calcistico, è una competizione riservata alle squadre delle dieci nazioni che si trovano nel cuore del nostro continente, e precisamente Italia, Francia, Germania, Svizzera, Austria, Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia e Croazia.

Nascono i campionati ufficiali di scacchi online – GUARDA

blank
Clicca sulla foto e vai al libro

La guerra in Ucraina sconvolge anche il mondo degli scacchi – GUARDA

L’edizione 2022 (la Mitropa ha cadenza annuale) si gioca a Corte, l’antica capitale della Corsica, da domani 30 aprile fino all’8 maggio. E l’Italia ci arriva da campione in carica, sia nell’Open che nel Femminile.

Lo scorso anno infatti le due formazioni azzurre erano riuscite entrambe a conquistare il trofeo, che per via della pandemia si giocava in forma “ibrida” (vale a dire via computer, ognuno dal proprio Paese, ma con i giocatori sistemati in una location controllata dagli arbitri). Un successo che ha dato il via a una grande rinascita degli scacchi italiani, dopo lo stop quasi totale del 2020 dovuto al Covid.

QUANTI POLITICI SONO ANCHE SCACCHISTI? – GUARDA

In generale, la Mitropa ha sempre dato ottime soddisfazioni ai colori azzurri: nella storia di questa competizione, che è nata 1976, l’Italia ha conquistato nell’Open tre ori (tutti e tre negli ultimi dodici anni), cinque argenti e due bronzi. Nel femminile, che si disputa solo dal 2002, è andata ancora meglio: 5 ori, 2 argenti e quattro bronzi.

L’Italia in Corsica schiera le sue migliori formazioni: nella squadra Open sono stati convocati dal commissario tecnico, il Grande Maestro olandese Loek van Wely, il Campione d’Italia Pier Luigi Basso, Luca Moroni, che è stato il migliore italiano ai recenti Europei, i due più giovani Gm azzurri, Francesco Sonis e Lorenzo Lodici, e il promettente diciannovenne romano Edoardo Di Benedetto, già Maestro Internazionale.

Valanga Azzurra: agli Europei di scacchi quindici italiani a caccia del titolo – GUARDA

Nella compagine femminile, guidata da Fabrizio Bellia, ci sono la Campionessa italiana Elena Sedina, poi due colonne “storiche” della Nazionale come Olga Zimina e Marina Brunello, più la ancora giovanissima (21 anni) ma già esperta Tea Gueci. Esordisce infine in azzurro la promessa toscana Sara Gabbani, 18 anni, terza agli ultimi Campionati italiani.

Sarà poi presente un altro italiano, Pierluigi Piscopo, esperto Maestro internazionale leccese: giocherà con la formazione della Corsica, che nell’Open, in via straordinaria, prende il posto della Croazia, che ha rinunciato. Piscopo, che in passato ha giocato con la maglia azzurra, da circa dieci anni è istruttore nella Lega Corsa, e ha contribuito a formare molti promettenti scacchisti, alcuni dei quali sono già ai vertici del movimento francese. Questa convocazione equivale per lui a un riconoscimento importante che arriva da quella che ormai è la sua terra d’adozione.

A CAGLIARI I CAMPIONATI ITALIANI DI SCACCHI 2022, A BRESCIA NEL 2023 – GUARDA

La formula della manifestazione è quella tipica dei tornei a squadre: Sarà un girone all’italiana di nove turni, in cui ogni squadra giocherà contro tutte le altre. Ogni match sarà composto di quattro partite, chi ottiene almeno 2,5 punti (cioè due vittorie e una patta) vince, se finisce 2-2 è pareggio. Ogni match vinto vale 2 punti, il pareggio 1, la sconfitta 0.

E’ PIER LUIGI BASSO IL CAMPIONE ITALIANO DI SCACCHI – GUARDA

Confermare le due vittorie dello scorso anno sarà durissima, ma le formazioni italiane ci metteranno tutto l’impegno possibile. E la tradizione è della nostra parte. Forza azzurri!

(continua dopo la pubblicità)

Federazione Scacchistica Italiana

La Federazione Scacchistica Italiana (FSI) è nata il 20 settembre 1920, e organizza tutte le attività scacchistiche italiane tra cui i Campionati italiani e l'attività delle Nazionali. Conta oltre 16 mila tesserati, a cui vanno aggiunti circa mille istruttori e 300 arbitri. L'attuale Presidente è Luigi Maggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie