DelittiNotizie flashsocietà

Lola Daviet, spuntano i video social della presunta killer Dahbia Benkired. Ed è giallo

Lola Daviet, ora si conosce il nome della presunta assassina della dodicenne: Dahbia Benkired. Descritta finora come una clochard ai margini della società, i suoi video social raccontano tutt’altro

lola

Lola Daviet, chi è davvero la presunta assassina Dahbia Benkired? Algerina di 24 anni, espulsa dalla Francia, è attesa da una perizia psichiatrica. Finora la donna è stata descritta come una clochard che viveva ai margini della società.

Deve rispondere di “omicidio aggravato di minore di età inferiore ai 15 anni” e “stupro di minore con atti di tortura e barbarie”.

Lola, il racconto choc dell’ex della presunta assassina: “Era fissata con il satanismo” – GUARDA

lola dahbia benkired
Dahbia Benkired, 24 anni

Il delitto di Lola Daviet

Per gli inquirenti non ci sono dubbi che l’assassina sia lei, che ha confessato e poi ritrattato. Il suo ex l’aveva descritta così all’emittente BfmTv,: «L’ultima volta che l’ho vista è stato dieci giorni fa. Aveva un po’ perso la bussola, nel senso che parlava da sola. Muoveva le labbra… le chiedevo ‘Ma che dici?’ e lei rispondeva ‘Niente, niente, è fra me e me’».

Lola, 12 anni, trovata morta dentro un baule a Parigi: arrestata una clochard algerina – GUARDA

blank
Dahbia, foto social

Sosteneva che avesse visioni oniriche: «Mi ha detto: “Nei miei sogni vedo molto mia madre, non so cosa mi stia dicendo”» Sosteneva che fosse interessata sia al satanismo che all’evangelismo: «Straparlava sulla religione. Mi diceva ‘Mi faccio la croce, voglio essere cristiana, voglio andare in chiesa’. Le ho chiesto perché e mi ha risposto ‘Perché non ne posso più’. Aveva cominciato a entrare nell’evangelismo. L’ho vista disegnare con la penna un triangolo con l’occhio».

Il grande abbaglio, controinchiesta sulla strage di Erba (versione aggiornata) – GUARDA

dahbia benkired
Dahbia, foto social

I video social

Ma ora che il suo nome per intero è stato diramato, sono stati scoperti i suoi video social, postati fino a quattro giorni prima del delitto. La giovane non appare affatto trasandata: è vestita e truccata come le sue coetanee e canta e balla spensieratamente, intonando Stand By Me di Ben E. King, o No della cantante francese Louane, o Calm down dell’artista nigeriana Rema.

Alessia Pifferi, parla il suo avvocato: “Vi racconto chi è davvero” – GUARDA

 

Non solo. Su Facebook lascia intendere di avere anche importanti disponibilità economiche, tanto da scrivere: “Le storie migliori sono sul mio conto in banca: pazzie”. E ora in Francia, tutti hanno ripreso a domandarselo: chi è davvero Dahbia Benkired?

dahbia benkired
Dahbia Benkired, foto social

Manuel Montero

L’ultimo libro di Manuel Montero è “Wuhan – virus, esperimenti e traffici oscuri nella città dei misteri”, uscito in allegato a Il Giornale e disponibile in ebook per Algama, QUI

Quando i lettori comprano attraverso i link Amazon ed altri link di affiliazione presenti sul sito - nei post in cui è presente un prodotto in vendita - Fronte del Blog potrebbe ricevere una commissione, senza però che il prezzo finale per chi acquista subisca alcuna variazione.

Manuel Montero

Manuel Montero scrive da vent’anni per diversi settimanali nazionali. Ha pubblicato nel 2019, per Algama, Fenomeni Paranormali Italiani, in cui ha raccontato storie di cronaca, fatti ed eventi apparentemente incredibili, raccolti in prima persona negli anni sulla Penisola. In allegato a Il Giornale (e in ebook per Algama) sono invece usciti i volumi Telefilm Maledetti, dove l’autore narra la triste fine di alcuni dei più amati protagonisti di telefilm degli anni Settanta e Ottanta. E Wuhan - Virus, esperimenti e traffici oscuri nella città dei misteri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie