Culturesocietà

I PAESI FANTASMA/ Consonno, la surreale storia della Las Vegas della Brianza

(continua dopo la pubblicità)

Arbusti alti come siepi, vetri rotti, colonne spezzate e facce spaventate dipinte sui massi: un panorama surreale quello di Consonno, ma assolutamente aderente a una incredibile storia degli anni 60, la stagione del boom economico, quando il denaro e la vanità sembravano non avere ostacoli

 

Sopra il comune di Olginate,  a quasi 700 metri di quota , sta la frazione di Consonno, un piccolo borgo dirimpetto alle creste affilate del Resegone, con una vista mozzafiato sul lago di Garlate.

blank

Negli anni del “miracolo italiano” fu ribattezzato  Paese dei balocchi o Las Vegas della Brianza.
Brianza genuina, bella da togliere il fiato, verde di castagni e ricca di sedano e porro.
Proprio di questo vivevano le 60 famiglie che lì abitavano finché  nel 1962, grazie al ricco Conte Mario Bagno, si spalancò la possibilità di vivere un sogno.
Di quel sogno oggi rimane tutta la desolazione che solo il fascino distopico di un futuro impossibile può lasciare.

Consonno, il paese dei balocchi infranti, è uno dei tanti paesi fantasma che popolano la nostra bella Italia.

blank

Eppure, da questi ruderi ancora emergono gli strati di umanità che hanno attraversato un luogo ancora in grado di conservare il suo fascino decadente.
La storia si può dividere in due parti.

La prima inizia  quando il Conte Mario Bagno, ricco imprenditore classe 900, che comanda a bacchetta le mondine e giù in Sardegna costruisce autostrade senza badare né alle spese né al rispetto della natura, mette gli occhi  sul piccolo borgo. Appena lo vede, pensa: «E’ perfetto! Lo farò diventare un parco divertimenti.»
Compra tutto, di quel paese agricolo mezzo montano, circondato dalle Prealpi lecchesi a un tiro di schioppo da Lecco e Milano. Per 22.500.000 lire acquista le case, i 170 ettari di terreno e la chiesetta del 1400 col cimitero.

blank

(continua dopo la pubblicità)

Consonno viene rasa al suolo con le ruspe, nonostante ancora ci vivano gli abitanti, e gli animali nelle stalle.
I residenti si trovano accampati nelle baracche dei cantieri del Conte Mario Bagno.
Giù le case, su una strada nuova di collegamento con Olginate e dimezzata con la dinamite la collina di fronte al Resegone: voleva che si vedesse il panorama.
Alle vecchie case vengono sostituiti i nuovi palazzi, sfingi egizie, cannoni, pagode, di tutto un po’.

Consonno prende la forma di una irresistibile, onirica Rimini brianzola.

blank

L’impresa costruiva, ma la collina franava e il Conte Mario Bagno dovette ridimensionare i suoi sogni di bambino ingordo. Arrivarono le prime denunce, e la ribellione dalla natura sventrata si accanì contro il paese dei balocchi.
L’opera delle ruspe aveva mutato l’equilibrio idrogeologico della zona e nel novembre del 1966 le continue piogge favorirono lo slittamento verso valle di ingenti quantità di fango e pietrisco. Un nuovo movimento franoso invase la strada che congiungeva le frazioni di Santa Maria e Albegno.
Ma nemmeno questo, e nuove denunce, bastarono a fermare il Conte Bagno.

blank

Poi, la seconda parte.
Distruzione e desolazione fatta di scritte sui muri scrostati, graffiti sacri e profani di chi, infine, ha occupato questa città fantasma dagli edifici arabeggianti, memoria di un tempo gaudente.

blank

Ora sono rimasti i rottami. Solo rottami.

Per godersi il luogo bisogna salire fino alla torre moresca.
Lì, la vista su ciò che rimane è perfetta, ci sono i resti di quella che fu una galleria di negozi che traboccavano di giochi.

blank

(continua dopo la pubblicità)

Consonno era una favola, il Conte costruiva e disfaceva: «Qui ci vuole il campo da tennis, là il minigolf. Qui ci metto il circuito delle automobiline»
Al termine dei lavori si salveranno solo la chiesa di San Maurizio con l’attigua casa del cappellano, ed il cimitero, in cima a un poggio a nord di Consonno.

Nel 95 il Conte Mario si spense senza rimpianti né sensi di colpa, lasciando un paese in rovina. La strada è chiusa alle auto con una sbarra e le pareti pericolanti sono transennate con la plastica.

blank

Si incontrano ancora cartelli arrugginiti: “A Consonno è sempre festa”, “Qui tutto è meraviglioso”, “A Consonno il cielo è più azzurro”.

blank

Del castello progettato restano solo piloni di cemento e il cantiere arrugginito e solitario, a futura memoria di una smodata mania di grandezza.

blank

Paola Mizar Paini

L’ultimo libro di Paola Mizar Paini – GUARDA

***

Rino Casazza intervista Paola Mizar Paini

 

Rino Casazza intervista, per Fronte del Blog, Paola Mizar Paini, scrittrice pavese di storie poliziesche (“Angeli Innocenti” e “La casa delle ombre”, Frilli Editore; “Emily, storie dal passato”) calate in atmosfere inquietanti di stampo gotico. Paola ci svela i misteri soprannaturali e le leggende legati ad una presunta “casa maledetta”, delle sue parti, Villa Cerri, su cui si sono molto dilungati anche i giornali. Di questi angosciosi segreti Paola sarebbe stata anche direttamente testimone. Niente di più facile, visto che la sua stessa nascita – come racconta – è avvenuta in circostanze che sconfinano nell’esoterico…

***

LA CASA DELLE OMBRE, l’ULTIMO ROMANZO DI PAOLA MIZAR PAINI – QUI  

L’ultimo thriller di Rino Casazza, SHERLOCK HOLMES, TRA LADRI E REVERENDI, anche in ebook – QUI

I nostri ebook blank
(continua dopo la pubblicità)

Paola Mizar Paini

La biografia di una persona, proprio per sua natura può essere meno fedele alla realtà e presentarsi dunque più o meno romanzata e, perciò sono in dubbio se raccontare di una vita ricca e avventurosa o limitarmi a raccontare qualche dettaglio insignificante, come ad esempio il fatto che a Marcignago, il 28 novembre, (l’anno nemmeno sotto tortura) quando nacqui, non emisi nemmeno un vagito… forse per non disturbare visto che la mia mamma fece molta fatica a partorirmi. Respiravo così piano, ma così piano che la levatrice (a quei tempi si partoriva in casa) pensò fossi morta. Ma morta morta! Così mi misero in un angolo del letto, avvolta in un lenzuolino e per un po' si dimenticarono di me. Come si accorsero dell’errore? Ebbene, ci sarebbe un proseguo, ma quella è un’altra storia. Mi definisco una vecchia ragazza perché non ho mai smesso di scoprire cose nuove, soprattutto su me stessa. Sono mamma di tre figli: due maschi e una femmina e ho tre nipoti. Vivo ad Alagna, in provincia di Pavia e lavoro come assistente al traffico per Milanoserravalle. E questo è tutto quello che riguarda la mia interessantissima vita privata. Sono da sempre lettrice per bisogno, e scrittrice…per caso grazie all’incontro fortuito con Carlo Frilli, il mio editore, che non smetterò mai di ringraziare per aver creduto in me come autrice. Con la casa Editrice F.lli Frilli Editori ho pubblicato nel 2017 il noir: Angeli Innocenti. Nel 2018 il noir: La Casa delle ombre, premiato con la “menzione speciale” al premio nazionale “La Provincia in Giallo”. Nel 2018 un’antologia di racconti dal titolo: Dieci storie a mezzanotte. Nel 2020 ho scritto a quattro mani, con l’autore Pieremilio Castoldi, il thriller: Emily.Cronache dal passato, e molti dei miei racconti sono stati inseriti in varie antologie. Mi appassiona tutto ciò che è misterioso, adottando nuovi punti di vista su fatti che accadono intorno a noi a cui non riusciamo a trovare una spiegazione. Tengo a precisare che sono concreta e obbiettiva, ma una cosa non esclude l’altra. Amo molto visitare luoghi abbandonati, i cosidetti “paesi fantasma” e adoro le leggende perché contengono spesso l’origine di una vicenda, o più spesso la separazione tra fantasia, un rifugio indispensabile e perfetto per sopravvivere, e realtà, minacciosa e intrusiva. Miti, leggende, fiabe. Come poter sopravvivere senza esse?

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie