Bar Sportsocietà

Il Milan a un bivio? L’ex Braida lavora sul fronte Lvmh, Elliot punta Rangnick

Grossi movimenti a Casa Milan?

Quindi il Milan è per caso, o meglio … sarebbe prossimo a un bivio importantissimo per il suo futuro? Mah … procediamo però con ordine che se il calcio giocato è fermo, giustamente, per emergenza da coronavirus, sul fronte manageriale, calciomercato e calciobusiness non dormono mai.

E in tal senso, sulle sponde milaniste del Naviglio meneghino, sì c’è fermento.

L’ex direttore sportivo rossonero Ariedo Braida infatti, nelle scorse settimane, si sarebbe parecchio adoperato, nonostante le smentite del caso, per provare a trovare una quadra tra Monsieur Bernard Arnault, patron del brand Louis Vuitton e del marchio Lvmh e gli esponenti del Fondo Elliot, vale a dire l’attuale proprietà del sodalizio meneghino un tempo di Silvio Berlusconi.

Tale trattativa però, attualmente sembrerebbe arenata, ma … mai dire mai, che Braida, grande calciofilo, non si muove mai a caso. E questa pista non escluderebbe l’avvento, ormai quasi ufficiale, salvo colpi di coda, al Milan, nelle vesti di coach manager di Ralf Rangnick, professore, o meglio, “santone” del football moderno, alla Ferguson e Wenger per intenderci, grande studioso di tecnici quali Sacchi e Zeman, ma soprattutto fautore del miracolo sportivo Lipsia, sodalizio rivelazione, al pari dell’Atalanta, della Champions League 2019 – 2020. E proprio dalla Germania, per la gioia del plenipotenziario del Milan ElliottianoGazidis, Rangnick, grande capo della galassia calcistica Red Bull (alla quale appunto il Lipsia è affiliato), volentieri, Juve, Inter e mezza Europa del pallone permettendo, porterebbe l’attaccante goleador Timo Wermer. Fantamercato, gossip o veline, queste, da approfondire? Lo scopriremo vivendo.

Stefano Mauri

 

Due parole su questo sito blank

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button