Italiasocietà

Niccolò Bettarini mostra sui social i segni delle coltellate subite: “Tutti noi siamo ferite viventi”

Il giovane figlio di Simona Ventura e Stefano Bettarini fu aggredito fuori da un locale milanese nella notte del 2 luglio 2018. Tanti i messaggi di solidarietà. La persona che lo aveva accoltellato è stata condannata a nove anni, ma è finita subito ai domiciliari

 

blank

 

Niccolò Bettarini, ad un anno esatto dall’aggressione subita fuori da un locale milanese, mostra sui social le sue profonde cicatrici: “Non morirò senza cicatrici, tutti noi siamo ferite viventi”.

LA VICENDA – La notte del 2 luglio 2018 il giovane figli di Simona Ventura e Stefano Bettarini venne aggredito all’esterno della nota discoteca Old Fashion con pugni, calci e diverse coltellate. Riuscì miracolosamente a cavarsela.

LE CONDANNE E LA RABBIA – A metà gennaio sono giunte le condanne: in particolare, alla persona che  materialmente lo aveva accoltellato, Davide Caddeo, è stata comminata una pena di nove anni. Ma due mesi più tardi Caddeo è stato mandato ai domiciliari, scatenando la rabbia di Niccolò: “La giustizia italiana non esiste, è uno schifo per tutti quanti”.

 

[content-egg module=Youtube]

 

IL POPOPLO DEI SOCIAL – Ora, a distanza di un anno, il ragazzo ha voluto mostrare ai suoi follower le cicatrici rimaste sul suo corpo. Il post su Instagram è diventato presto virale. Moltissimi i messaggi di solidarietà. Scrive una donna: “Guarda come ti hanno ridotto, in che mondo viviamo sono una mamma e nonna e tu sei un figlio”. Un’altra aggiunge: “Sei in ragazzo d’oro. È giusto che mostri come il bene abbia vinto sul male. Sei un ragazzo coraggioso. Vanne fiero”.

 

Due parole su questo sito blank

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button