Culturesocietà

Videogiochi: come aiutano a pensare

blank

Nel tempo, fin dalla loro creazione, i videogiochi sono stati oggetto di lunghi studi, tutti finalizzati a provare che giocarci avrebbe potuto causare danni psicologici e perfino fisici ai giovani appassionati. Tutto questo ormai è storia antica, se non leggenda, perché i nuovi studi scientifici a riguardo parlano di effetti benefici dei videogiochi sulle capacità di pensiero e sullo sviluppo di altre abilità. In particolare, una ricerca dell’università di Rochester, coordinata da Daphne Bavelier, ha dimostrato che chi gioca a videogiochi d’azione sviluppa riflessi e abilità visive e che i meno giovani che provano questi giochi mostrano un miglioramento dell’attenzione e della memoria.

Altri tipi di gioco, come ad esempio il blackjack online, o anche la roulette, possono migliorare la comprensione del concetto matematico di probabilità e statistica, alla base dei giochi di questa natura. I videogiochi aiutano inoltre a mantenere giovane il cervello e sviluppano le capacità cognitive di base; chi non ricorda il gioco del Tetris, che aiutava i bambini a prendere coscienza delle forme e di come incastrarle tra loro in modo efficace?

Al contrario di quanto si è sempre pensato sull’isolamento che i videogiochi possono provocare, è stato studiato come possano invece favorire la ripresa per chi soffre di disturbi depressivi. Lo studio a riguardo è stato condotto da Brian Sutton-Smith, uno psicologo che ha rilevato sentimenti come entusiasmo e allegria durante l’attività di gioco. Abbiamo anche parlato in un nostro articolo dei benefici dei videogiochi nella cura della dislessia.

I videogiochi, neurologicamente parlando, accendono due aree del cervello: quella degli obiettivi e quella dell’apprendimento, anche grazie al crescente aumento del livello di difficoltà tipico dei giochi. Questo vale per i videogiochi d’azione, ma anche per i giochi basati sulla logica, mentre moltissimi giochi aiutano a sviluppare la parte creativa del cervello.

Insomma, dopo anni di stigmatizzazione dei videogiochi, dopo aver fatto di tutta l’erba un fascio etichettando tutti i videogiochi come diseducativi, alienanti o addirittura causa di episodi di violenza, la scienza oggi ha dimostrato che giocare fa anche bene, ammesso ovviamente che non se ne abusi, ma d’altra parte è così per ogni cosa. Il videogioco non deve rappresentare una fuga dalla realtà, ma un mezzo utile e dilettevole per affinare le proprie qualità. Giocare responsabilmente fa bene al cervello!

Due parole su questo sito blank

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button