societàSpettacolo

Lady Crozza morde: “Maurizio prendi il mio cognome”

 

 

 

maurizio crozza 2«I nostri figli si chiamano Crozza-Signoris. È stato un iter lungo, c’è voluto un avvocato, mia suocera e i miei cognati hanno dovuto firmare che erano d’accordo… Alla fine ci siamo riusciti. Se potessi, darei lo stesso cognome pure a mio marito Maurizio». L’annuncio su “Io donna” è di Carla Signoris, protagonista al cinema del nuovo film di Ferzan Ozpetek “Allacciate le cinture” e presto anche in libreria con un nuovo romanzo, dopo il successo di “Ho sposato un deficiente” e “Meglio vedove che male accompagnate”. «Il film di Ozpetek parla delle prove che nella vita dobbiamo subire e superare: siamo a questo mondo proprio per evolverci. Dà speranza e oggi c’è bisogno di respirare felicità: siamo tutti così tristi», spiega Carla. E rivela la sua ricetta di felicità: «Ripartiamo dalla gentilezza. Si può iniziare a far politica dal nostro privato, magari anche ridando un senso alle parole: se sei furbo non sei fantasioso; se sei arrogante non sei carismatico. E la fortuna non è talento». Signoris racconta anche la ricetta del suo matrimonio ultraventennale con Crozza («L’ho convinto io a diventare attore»): «C’è la fortuna e c’è l’impegno, non bisogna dare nulla per scontato. Mai. Si attraversano crisi ed è giusto, aiutano. Uno “shock” serve a ricordarti perché hai scelto quella persona. Ci sono troppi stimoli, bisogna rimanere vicini. E poi sono gelosissima! Adesso, essendo cresciuti i ragazzi, sto meno a Genova e più a Milano, dove Mauri lavora». E Carla ammette di concedersi un po’ di “manutenzione”: «Iniezioni di vitamine, acido ialuronico, un pizzico di botox, ma niente che mi cambi la faccia».

Due parole su questo sito blank

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button