MusicasocietàSpettacolo

Buon viaggio Angelotto: continua a farci ballare, emozionare e sognare, ovunque tu sia

E' morto Angelo Zibetti, fondatore di Radio e dello Studio Zeta. Il ricordo social di Alberto Zanni

(continua dopo la pubblicità)
(continua dopo la pubblicità)

 

 

Dicono che i grandi personaggi e gli artisti, beh sanno sempre cogliere il momento giusto per uscire di scena. Così, in questo strano, paradossale Natale, sospeso tra la voglia di lasciarsi alle spalle il maledetto virus e il timore che questo resti ancora, ahinoi, a lungo tra noi, una triste notizia ha stravolto gli appassionati di radio e di musica da ballo. E’ purtroppo scomparso a 86 anni Angelo Zibetti, per tutti l’Angelotto, fondatore di Radio Zeta e Discoradio e dell’iconico, mitico, leggendario Studio Zeta di Caravaggio (centro della Bassa Bergamasca che, grazie a Zibetti divenne l’ombelico del mondo Dance e del Liscio per un lungo periodo), la discoteca che fino al 2010 è stata tra le più grandi e frequentate d’Europa. Il simbolo della musica da ballo che ogni fine settimana ospitava migliaia di persone, alla ricerca di musica e divertimento, il locale protagonista assoluto di una movida pop italiana oggi scomparsa, ma che resta leggenda.

La notizia ha fatto il giro dei social. Questo il commosso post social di Alberto Zanni, ex collaboratore dell’Angelotto nazionalpopolare:

“Te ne sei andato a NATALE a pochi giorni dal tuo compleanno.

(continua dopo la pubblicità)

Un pezzo della mia vita, passata nella tua radio e nella tua discoteca.

(continua dopo la pubblicità)

Sei uscito di scena in grande stile come hai sempre fatto. Adesso sarai un Angelo diverso.

Grazie di tutto!

Ah, giusto l’estate scorsa, era uscito “La mia vita in musica”, il libro fatto di 248 pagine e tantissime fotografie in cui il fondatore di Radio e Studio Zeta si è raccontato: dalle origini del suo ingresso nel mondo delle discoteche, fino alla sua uscita di scena, da quel mondo magico.

Buon viaggio Angelotto, hai caratterizzato un’epoca, ora sei luce per sempre e non sarai dimenticato.

 

Stefano Mauri

Due parole su questo sito blank
(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie