Home / Delitti / Cold case / Un pilota della protezione civile: “Yara non può essere rimasta tre mesi nel campo”.

Un pilota della protezione civile: “Yara non può essere rimasta tre mesi nel campo”.

Un pilota della protezione civile dichiara: «Ho sorvolato il Campo di Chignolo decine di volte, il suo corpo non c’era».

yara_gambirasio 

 

In una intervista esclusiva al settimanale OGGI in edicola il 24 settembre, Ivo Rovedatti, il pilota della Protezione Civile che fu il primo ad alzarsi in volo per cercare tracce di Yara, scomparsa il 26 novembre 2010 a Brembate, afferma: «La domenica 28, pur con una visibilità non perfetta e con il terreno coperto da spruzzi di neve, ho volato a lungo e naturalmente sono passato più volte, a volo radente, sopra quel campo. Non c’era nulla. Gli spruzzi di neve non potevano nascondere un corpo. Avessi visto qualcosa di sospetto sarei atterrato per controllare».

Schembri: “Vi spiego cosa non torna negli ultimi grandi gialli italiani”-LEGGI

Schembri: “La prova del dna che accusa Bossetti potrebbe trasformarsi in un debole indizio. Ecco perché”- LEGGI

IL GIALLO– Due giorni prima, il 26 novembre 2010, Yara era scomparsa da Brembate Sopra. Rovedatti prosegue: «Il campo di Chignolo l’ho poi sorvolato decine di volte con il mio elicottero. In tre mesi ho fatto almeno 30 ore di volo per cercare Yara. Sopra quel campo ci si passa sempre perché è un corridoio obbligato dopo il decollo dalla pista del Volo a vela di Valbrembo. Volando a una quota di 150 metri e a una velocità bassissima di 10 nodi il corpo della ragazza non poteva sfuggirmi, non posso non averlo visto malgrado le sterpaglie. La visione dall’alto è tutta un’altra cosa rispetto a chi lo attraversa a piedi. Difficile ti sfugga anche la più piccola macchia di colore. E io, con gli altri operatori che si alternavano al mio fianco sull’elicottero, cercavo una macchia nera perché la Protezione civile aveva segnalato che Yara indossava un giubbino di quel colore e una felpa azzurra».

Chi sono gli insospettabili assassini di bambini- LEGGI | FOTO

NEPPURE A FEBBRAIO– Aggiunge il pilota, che ha 10 mila ore di volo alle spalle: «Un giorno d’inizio febbraio del 2011 ho visto una cosa nera. Sono sceso in autorotazione e mi sono tranquillizzato solo quando le pale dell’elicottero lo hanno fatto volar via. Era un sacco di plastica. A 100 metri di distanza è stato trovato il corpo di Yara. Eravamo in due: come possiamo non averla vista?». 

Chi è Fronte del Blog

Le news della Terza Repubblica

Leggi anche

Enzo Caniatti e i suoi dubbi: “Quei misteri sulla fine di Adolf Hitler”

Il giornalista e scrittore autore di diversi saggi sul Fuhrer e del thriller "Il signor Wolf" (Algama) in cui ipotizza la fuga di Hitler dal porto di Genova, svela tutti i suoi dubbi a Stop

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com