Home / criminalità organizzata / Villa e viaggi nella nuova vita di Felice Maniero

Villa e viaggi nella nuova vita di Felice Maniero

 

 

Felice ManieroÈ lui. È Felice Maniero, il capo della mala del Brenta. Lo abbiamo incontrato per caso in una via centrale di una città del Veneto. Lo abbiamo seguito, fotografato. Ascoltato. Perché Felicetto parla a voce alta. Scherza e sorride. Gli anni sono stati clementi con lui, è ancora bello e affascinante come un tempo. [break]

L’EX BOSS DELLA MALA DEL BRENTA È LIBERO DAL 2010-  Non ci sono più i capelli a caschetto, ma la faccia d’angelo, che gli è valsa il soprannome, è rimasta. L’ex boss è tornato libero dall’agosto del 2010, con in tasca un nome e un cognome nuovi. Libero, quindi, di circolare senza vincoli in Europa, eppure è rimasto in Italia, al nord, in una delle città da dove per anni ha gestito i suoi affari. E dove oggi vive sotto protezione, dopo aver tradito tutti i suoi “uomini”. [break]

VILLA, MOSTRE D’ARTE E VIAGGI NELLA NUOVA VITA – Anche quelli più fidati, come il suo braccio destro Salvatore Trosa, condannato all’ergastolo, e i “mestrini” Gilberto Boatto, Marietto Pandolfo, Silvano Maritan. Centotrenta le manette che Felicetto ha fatto scattare. Oggi, dunque, sono in tanti quelli che hanno un conto aperto con lui e che lo vorrebbero “eliminare” ed è per questo, per tutelarlo, che oggi in queste pagine non possiamo mostrare la sua faccia. Abbiamo il dovere di proteggere un ex boss che gode di una tutela riservata solo ai grandi pentiti, perché, oltre ai documenti di copertura, Felicetto adesso ha uomini delle forze dell’ordine che sorvegliano il suo nuovo domicilio, una villetta dove si è da poco trasferito, libero di dedicarsi alle sue passioni, mostre d’arte e viaggi, spettacoli teatrali e cinema. [break]

HA RESTITUITO 30 MILIARDI DI LIRE- Maniero ha però rinunciato allo stipendio regolare del collaboratore. Non ne ha bisogno. Allo Stato ha restituito “solo” 30 miliardi di vecchie lire. Quasi nulla rispetto al patrimonio accumulato in meno di due decenni di malavita e di colpi miliardari, come quello al Casinò di Venezia o all’Hotel des Bains del Lido. Perché l’uomo che abbiamo seguito per giorni è stato il capo della Mala del Brenta, l’unica banda del Nord Italia che sia mai stata condannata per associazione a delinquere di stampo mafioso. [break]

L’ESERCITO DELLA MALA DEL BRENTA- La gang che ha spadroneggiato nel Nordest tra la metà degli anni ’70 e la metà degli anni ’90 contava nel periodo d’oro più di 500 “soldati”. E a comandare era lui, Faccia d’Angelo, un uomo che da solo ha trasformato una banda di ladri di polli in una holding del crimine organizzato. Quella di Felice Maniero, infatti, è stata una società del crimine che controllava il mercato dell’eroina e della cocaina, che metteva a segno rapine e sequestri di persona. [break]

PARLA L’EX BRACCIO DESTRO DI MANIERO- «Era in affari anche con il figlio di Franjo Tudjman, il presidente della Croazia», ci dice Giuseppe Pastore, 54 anni, ex braccio destro di Faccia d’angelo. Dei suoi quattro figli, ognuno avuto da una donna diversa, l’unica a portare il cognome dell’ex boss era Elena, la figlia di Agostina Rigato. L’unica a pagare con la vita le scelte del padre. [break]

LA MORTE DELLA FIGLIA- «Felice la chiamava principessa», dice ancora Giuseppe Pastore, «volò giù dalla finestra di una mansarda a Pescara, nel febbraio del 2006». Non aveva neanche trent’anni. Faceva la modella e viveva fra Cortina e Venezia. I suoi amici la conoscevano come Eva Mariani. Un altro nome per proteggersi dal cognome del padre. Il suo corpo fu ritrovato a diversi metri dal muro del palazzo, come se fosse stata gettata dalla finestra da due o più persone per un volo di 15 metri. Solo una settimana prima di quello “strano” suicidio avevano cercato di far saltare in aria Maniero con una carica esplosiva, nei pressi dell’aula bunker di Mestre. «Avevo incontrato Elena pochi giorni prima del suo suicidio», ricorda Giuseppe Pastore, «a cena, in un ristorante di Pescara. Era tranquilla. E c’era anche Felice, suo padre». Perché l’ex boss dalla figlia non si era mai separato. Viveva a pochi chilometri da lei, a Spoltore (Pescara). I funerali si svolsero in una località segreta, nella stessa cittadina dove la bella Elena è stata sepolta, col suo vero nome. Un piccolo cimitero di campagna, ancora una volta a pochi chilometri dalla casa dell’ex boss. Perché lui dalla sua principessa non vuole allontanarsi. [break]

IL PENTIMENTO- Un’altra figlia, di 13 anni, ce l’ha da Marta, che lui considera la donna della sua vita e vive ancora con Maniero: con lei era stato sorpreso e arrestato a bordo dello yacht Lucy, a Capri, nell’agosto 1993. Riuscì a evadere, fu riacciuffato. Tre mesi dopo l’ultimo arresto, alla fine del 1994, Felice Maniero si pente, fa i nomi dei complici, fa ritrovare i corpi dei suoi nemici, uccisi e sepolti sugli argini del Brenta. Sette gli omicidi di cui si accusa, 17 gli anni di carcere che fu condannato a scontare. Da collaboratore, per cui fu presto messo ai domiciliari in una villetta alle porte di Treviso. Perché Maniero trattò con lo Stato. E raggiunse un accordo che servì a tutelare la madre, la sorella e il cugino. Ma soprattutto se stesso e i suoi soldi. «Si era già preparato al pentimento», racconta Giuseppe Pastore, «aveva già previsto tutto, perché Felice è sempre stato un freddo calcolatore». [break]

MANIERO OGGI– Quel Maniero che oggi ha cambiato vita, ha un’azienda di distributori d’acqua e un solo socio, se stesso.

 

Micaela Landi per Visto

Chi è Fronte del Blog

Le news della Terza Repubblica

Leggi anche

Enzo Caniatti e i suoi dubbi: “Quei misteri sulla fine di Adolf Hitler”

Il giornalista e scrittore autore di diversi saggi sul Fuhrer e del thriller "Il signor Wolf" (Algama) in cui ipotizza la fuga di Hitler dal porto di Genova, svela tutti i suoi dubbi a Stop

2 commenti

  1. ville e viaggi teatro e cinema … io sono più di 20 anni che sogno queste cose … beate te mio caro amato Felix … e beata la tua Marta… che oltre a godersi queste belle cose … Gode di te del tuo amore , delle tue attenzioni…tutte cose che io non posso avere …non sono mai stata tanto vicina a te , ne tanto bella da meritare uno come te…ne tanto fortunata ad avere uno come te al mio fianco…
    tramite questo commento …ti mando un bacio Imperiale

  2. tra ville e viaggi e arte LEGGO D’APPERTUTTO CHE SEI ANCORA CON LA TUA MARTA E TUA FIGLIA … e io che avevo capito che avevi avuto da una ragazza Slava un bambino che mi assomiglia tanto …ho aspettato tanto …volevo vederlo,
    ————-
    Alle volte …ad una certa età … con tante chiacchere si finisce per capire male … sono comunque felice per te … e ti auguro cose meravigliose … Tua sempre Mara alias Limperiale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com