Home / News / Tutto pronto per il matrimonio Hunziker-Trussardi?

Tutto pronto per il matrimonio Hunziker-Trussardi?

hunziker

 

Dopo la nascita di Sole, la sua secondogenita, Michelle Hunziker ha dichiarato che sposerà il “suo” Tomaso Trus­sardi. Ancora non si sa quando né dove, ma quasi certamente sarà in primavera-estate, visto che la conduttrice ha dichiarato che «sarà con il caldo». E, pur senza entrare nei dettagli, ha aggiunto: «Sarà una cerimonia romantica e chic, un giorno me­morabile, di quelli da ricordare per tutta la vita».

Ma com’è un matrimonio chic? Quali caratteristiche deve avere? Per farcene un’idea, ne parliamo con Marta Merlini, wedding planner di Cascina Boscaccio, docente di corsi di formazione professionale e au­trice del blog Il salottino delle spose su Vanity Fair. «Sicura­mente il matrimonio Trussardi- Hunziker sarà all’insegna della raffinatezza, a partire dall’abi­to della sposa, che immagino semplice ma elegantissimo. Questi sposi, non avendo pro­blemi di budget, punteranno a una cerimonia personalizzata nei minimi dettagli e a una lo­cation speciale», spiega Marta Merlini. «Perché due delle ca­ratteristiche fondamentali per rendere un matrimonio esclu­sivo sono proprio la scelta del luogo e la possibilità di perso­nalizzare tutto. A cominciare dal catering, che potrà proporre una mise en place (un allesti­mento) “tagliato” su misura. Penso ad esempio alle tovaglie, che potrebbero essere realizza­te appositamente per gli sposi, magari con le cifre dei loro nomi ricamate sui tovaglioli o in materiali e colori che hanno un particolare significato per la coppia. La posateria, inoltre, sarà di gran classe, d’argento, e addirittura si possono far perso­nalizzare i bicchieri, decorati a mano con un motivo scelto da­gli sposi. Insomma, quanto più si desidera avere un servizio “cucito su misura”, tanto più si spende».

Ciò non toglie che anche i co­muni mortali che si accingono a organizzare le proprie nozze possano riuscire a realizzare una bella cerimonia a un budget più contenuto. «Per un matrimonio completo e ben organizzato che comprende location, catering, abiti degli sposi, bomboniere, partecipazioni, fiori, pranzo o cena, foto, musica e viaggio di nozze, si può spendere tra i 25 e i 30mila euro per 100 invita­ti», afferma ancora la wedding planner, che entra un po’ più nel dettaglio: «Ovviamente, in questo caso, si perde la caratte­ristica della personalizzazione esclusiva. Gli sposi potranno scegliere, per esempio, tra un certo numero di colori per le tovaglie e potranno persona­lizzare la tavola aggiungendo un piccolo elemento creativo, come un fiocchetto di raso sui tovaglioli. In alternativa alla bomboniera preziosa, d’ar­gento, si può offrire agli invitati una bottiglietta d’olio, un vasetto di miele, una saponetta artigianale, ma anche una piantina d’ulivo! C’è anche chi sceglie di dare solo il sacchettino o la scatolina di cartone con cin­que confetti. Che saranno misti, uno diverso dall’altro, non solo con la mandorla». E se la cop­pia di futuri sposi vuole rispar­miare ulteriormente? Anche in questo caso ci viene in soccorso l’esperta: «Con un po’d’inventiva e tagliando alcune voci, si può. Il primo suggeri­mento è sulla location. Se non ci si sposa di sabato, si può ri­sparmiare fino al 50 percento sull’affitto dello spazio, che in genere costa sui 3mila euro». «Molti rinunciano al fotogra­fo ufficiale, optando per amici bravi con l’obiettivo. Molto di moda è anche lasciare sul ta­volo degli invitati delle mac­chine fotografiche usa e getta, di modo che siano gli amici a immortalare i momenti clou della giornata. Gli sposi poi stamperanno le foto. Altrimenti ci si può rivolgere al fotografo professionista solo per gli scat­ti. Per la scelta delle foto e della stampa, ci si arrangia da soli. Il viaggio di nozze si può pre­notare per tempo, magari sce­gliendo tra le numerose offerte su Internet. Se si confezionano in casa i sacchettini o le scatoli­ne con i confetti si risparmiano altri 2mila euro. In commercio si trovano le parti delle bombo­niere già pronte, solo da assem­blare. Chi è bravo al computer può preparare da solo le parte­cipazioni, ma anche i menu da lasciare sui tavoli, risparmian­do altri mille euro. Persino la sposa e lo sposo, rivolgendosi a una sartoria artigianale, pos­sono risparmiare fino a mille- 1.500 euro ad abito. Molto ben riusciti sono anche i matrimoni in cui, al posto del pranzo, si fa il brunch o un cocktail pomeri­diano. Per il brunch si comincia con cappuccino e brioche, poi qualcosa di salato per termina­re con la torta. Per il cocktail a buffet si mangia comunque in abbondanza, ma lo si fa non seduti al tavolo con posti fissi. Io suggerisco queste soluzioni a chi parte subito per il viaggio di nozze e deve quindi fare una festa più breve, di quattro ore contro le sette oppure otto di un pranzo tradizionale. Così, inve­ce dei novanta euro a persona, se ne possono spendere settan­ta. Un’altra voce che consente di tagliare i costi è la musica: un amico musicista, magari dj, o un sottofondo musicale! In quest’ultimo caso basterà no­leggiare l’impianto».

 

Irene C. Riccardi per Stop

Chi è Fronte del Blog

Le news della Terza Repubblica

Leggi anche

Sherlock Holmes, Padre Brown, Charlie Chan: la nuova serie di romanzi!

Gli apocrifi di Sherlock Holmes, Padre Brown e Charlie Chan in una nuova serie di avventure fulminanti scritte per Algama da Rino Casazza, tra le firme di punta di Fronte del Blog. Ecco la sua intervista integrale rilasciata a Libero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi