Delittisocietà

Massimo Bossetti, a cinque anni dalla condanna definitiva la difesa vedrà i reperti. Ecco come

Massimo Bossetti, la difesa vedrà finalmente i reperti. E ne chiederà l’analisi: tutti i dettagli dell’udienza in Corte d’Assise, dove nessuno potrà fotografare, nè toccare nullaEcco cosa ci aveva raccontato in una lunga intervista video l’avvocato Claudio Salvagni sul dna di Ignoto 1yara gambirasio massimo bossetti

Massimo Bossetti, a cinque anni dalla sentenza definitiva per l’omicidio di Yara Gambirasio avvenuto il 26 novembre 2010, la sua difesa potrà finalmente visionare i reperti che hanno portato alla condanna. E il suo legale Claudio Salvagni dice che quasi certamente ne chiederà l’analisi. – il video shock dei Ris

MASSIMO BOSSETTI, UN’UDIENZA ATTESA TROPPO A LUNGO

Il 20 novembre in Corte d’Assise a Bergamo saranno tolti i sigilli dagli scatoloni che contengono, tra le varie cose, anche i leggings e gli slip della ginnasta tredicenne e sui quali venne isolato il Dna identificato Ignoto 1 e successivamente come appartenente Massimo Bossetti.

Massimo Bossetti, il gip di Venezia chiede di indagare il pm di Yara – Tutti i dettagli

Negli scatoloni ci sono anche i campioni di tale codice genetico, che poi è l’unica prova concreta che ha portato il muratore di Mapello dietro le sbarre. Per due volte la Corte d’Assise aveva rifiutato di mostarli, ma il 19 maggio la Cassazione ha dato il via libera alla visione.

Yara Gambirasio: ecco i casi in cui la controanalisi smentì la prova del Dna – guarda

blank In nome del popolo italiano. Massimo Giuseppe Bossetti accusato dell’omicidio di Yara Gambirasio blank

 

VEDERE, MA NON TOCCARE

Oltre a Salvagni, sarà presente, per Bossetti, l’avvocato Paolo Camporini. Ma all’udienza ci sarà anche la Procura e i legali Enrico Pelillo e Andrea Pezzotta per i genitori di Yara, ovvero Fulvio Gambirasio e Maura Panarese. Stupisce la modalità con cui verrà svolta l’udienza: i reperti potranno essere solo visionati, ma non fotografati, nè filmati, tantomeno toccati. Tutto sarà videoregistrato. Per andare oltre, si dovrà presentare una nuova istanza.

Il film “Yara” e la colpevolezza di Massimo Bossetti: ecco cosa non torna – GUARDA

Nonostante questo, dice Salvagni, Bossetti è «molto contento perché qualsiasi notizia di segno positivo, dopo tante negative, è una buona notizia. Dopo quattro anni di battaglia, qualcosa si sta muovendo». Il legale confida al Corriere della Sera che al 99% chiederà di esaminare i reperti: «Per ora, il 20 novembre, vorrò visionare che cosa c’è e come è stato custodito, e se ci sono dei “buchi”, cioè reperti mancanti. È presto per parlare di revisione, allo stato non abbiamo elementi in più. Contiamo di trovarli nei reperti, non si può prescindere».

Yara Gambirasio, tutti gli approfondimenti esclusivi sul caso – SPECIALE

Ma insiste: «Le analisi si dovevano fare all’epoca del processo». Istanza che fu sempre respinta.

COSA FA OGGI MASSIMO BOSSETTI

Il muratore è in cella dal 16 giugno 2014. Fu proprio il dna a portare a lui, dopo lunghissime ricerche. Oggi è detenuto nel carcere di Bollate, dove lavora assemblando pezzi di macchinari.

Il grande abbaglio, controinchiesta sulla strage di Erba (versione aggiornata) – GUARDA

COSA DICEVA A FRONTE DEL BLOG CLAUDIO SALVAGNI SUL DNA DI IGNOTO 1:

 

IL DELITTO DI AVETRANA – Perché Sabrina Misseri e Cosima Serrano sono innocenti” – GUARDA

Quando i lettori comprano attraverso i link Amazon ed altri link di affiliazione presenti sul sito - nei post in cui è presente un prodotto in vendita - Fronte del Blog potrebbe ricevere una commissione, senza però che il prezzo finale per chi acquista subisca alcuna variazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie