Gli anni della MalaIl muro di ScribattoNotizie flashsocietà

Renato Vallanzasca resta dentro: ecco cosa so di lui e perché, secondo me, ha pagato il suo debito alla giustizia

Quello che non sapete di Renato Vallanzasca: “Un giorno mi disse che se avesse saputo di dover restare tutta la vita in galera, avrebbe preferito la pena di morte”. Il racconto di chi lo conosce bene, che ha visto e sentito il boss della Comasina le poche volte che è uscito dal carcere

Alex Rebatto
Alex Rebatto

Autore negli anni settanta di rapine, omicidi e sequestri di persona, Renato Vallanzasca, subisce per l’ennesima volta il rifiuto di una semilibertà che da anni si ostina a richiedere nonostante l’ostinato pugno di ferro delle istituzioni.
Anzi, più che pugno di ferro si dovrebbe parlare di “braccio di ferro”.

Addio a Cochis & Renato – GUARDA

Da una parte lo Stato, deciso nell’assegnare al vecchio bandito il titolo di “esempio per tutti”. Dall’altra il settantaduenne milanese con più acciacchi che capelli, fuori dal giro criminale da quarant’anni e colpevole, in ultima istanza, del furto di un paio di mutande e di una cesoia da giardinaggio all’Esselunga di Viale Umbria.
Un furto quantomeno curioso, quello. Un po’ perché senza senso, un po’ perché Vallanzasca in quel periodo lavorava nelle ore diurne presso un vivaio. Che motivo lo ha spinto a fregarsi delle cesoie in un supermercato quando avrebbe potuto sottrarne tranquillamente un paio tre ore prima?

Era mio padre – Intervista ad Eros, il figlio del boss della mala Francis Turatello – GUARDA

Lui ha dichiarato con fermezza di essere stato incastrato, i filmati della sorveglianza pare siano stati cancellati e tanti saluti ai permessi del 2014.
Arriviamo ad agosto di quest’anno. Rientrato da un permesso premio, presso il carcere di Bollate avviene un diverbio con un agente durante il controllo delle urine.
Scatta l’ammonimento e rispuntano sulle scrivanie le scartoffie.

Morto Angelo Epaminonda – Il Re della cocaina – GUARDA

Vallanzasca viene considerato “dal carattere intemperante”, accusato di non essersi “mai ravveduto”. E, soprattutto, di non aver risarcito i parenti delle vittime.
In carcere da mezzo secolo, senza mai lavorare seriamente (e, di conseguenza, senza ottenere i relativi introiti), non si è preso mai la briga di procedere al dovuto e legittimo risarcimento.
Ora, questi sono i fatti riportati da tutti i giornali.

renato vallanzasca

Quello che non sapete di Renato Vallanzasca

Passiamo a quello che non sapete.
Io ho praticamente convissuto con Vallanzasca per mesi mentre collaboravo con la sua ex moglie ad un libro sul boss Francis Turatello. Lui era in permesso per ristabilirsi da un’operazione all’anca eseguita all’ospedale Galeazzi.
Abbiamo cenato assieme un’infinità di volte. L’ho accompagnato a firmare in caserma, l’ho visto fissare il vuoto, pallido, il giorno prima di tornare in prigione.

Chi ha paura di Vallanzasca? – GUARDA

Un giorno mi ha chiesto di aiutarlo a scrivere una richiesta di grazia.
“Cazzo, Renato” gli ho detto. “Dovresti scriverci che ti penti e tutto il resto.”
Lui mi ha guardato con la sua solita smorfia: “Sarei un coglione se non fosse così” mi ha risposto. “Ma non ho bisogno di fare una dichiarazione ufficiale per salvarmi il culo”.

Proseguiamo. Da testimonianze attendibili diverse, ascoltate in vari momenti, ho saputo che un giorno ha salvato un ragazzo di colore da un gruppo di mocciosi che lo stavano pestando senza motivo in centro a Milano. Renato era in permesso, doveva stare fuori dai casini ed ha agito lo stesso.
Le forze dell’ordine non erano in zona.
Niente rapporti, niente cellulari: il fatto non è mai avvenuto.

Parla Emiliano Facchinetti, l’autore della più clamorosa evasione di sempre – GUARDA

Un’altra volta, stavolta ero lì con lui, eravamo in un negozio di vestiti al Portello. Tre ragazzini stavano per fregarsi delle magliette da sessanta euro ognuna. Lui, esperto, se n’è accorto. Li ha raggiunti, ha consigliato loro di non fare stronzate e questi, probabilmente riconoscendolo, si sono dileguati da innocenti.

Le cose che ho visto e sentito

Non intendo parlare dell’atteggiamento quantomeno provocatorio di alcuni rappresentanti delle forze dell’ordine, ai quali ho assistito, nei suoi confronti.
Non intendo parlare di quando andammo assieme alla presentazione di un libro del giornalista Leonardo Coen sulla sua vita e la polizia, facendo ben intendere la missione, prese tutti i numeri di targa delle auto parcheggiate fuori dal locale.

Non intendo parlare di quando Vallanzasca, senza essere visto, guardò i miei nipotini che litigavano e disse loro “la violenza non serve a nulla”. Poi, quando girandosi si accorse che lo avevo sentito, si diede un contegno e via, la solita smorfia guascona.

Luciano Lutring, il solista del mitra: l’ultima intervista alla leggenda – GUARDA

La notizia è di questi giorni: la pm Adriana Blasco, benché Vallanzasca sia a tutti gli effetti “un uomo provato”, ha chiesto che gli vengano applicati sei mesi d’isolamento diurno sulla base del calcolo del cumulo pene.

Vallanzasca ha le sue innegabili colpe, sulle spalle i suoi delitti, i suoi cinquant’anni di privazioni, la coscienza grattata via dalla consapevolezza di una vita sprecata.
E’ un uomo anziano e stanco che, per come la vedo io, ha pagato.

Felice Maniero, villa e viaggi nella sua nuova vita – GUARDA

Non mi permetto di fare paragoni con altri criminali rilasciati fin troppo presto, anche se potrei. Ma torno per l’ennesima volta a sottolineare: c’è una sostanziale differenza tra giustizia e vendetta.
Un giorno Renato mi disse che se avesse saputo di dover restare tutta la vita in galera, avrebbe preferito la pena di morte.
“Per fortuna in Italia non c’è”, gli sorrisi.
“Forse” avrei dovuto aggiungere quella volta.

Alex Rebatto

L’ultimo noir di Alex Rebatto è “Napoleone e la bufera” – GUARDA

(continua dopo la pubblicità)
Quando i lettori comprano attraverso i link Amazon ed altri link di affiliazione presenti sul sito - nei post in cui è presente un prodotto in vendita - Fronte del Blog potrebbe ricevere una commissione, senza però che il prezzo finale per chi acquista subisca alcuna variazione.

Alex Rebatto

Alex Rebatto, classe 1979. Ha collaborato nei limiti della legalità con Renato Vallanzasca ed è stato coautore del romanzo biografico “Francis”, sulle gesta del boss della malavita Francis Turatello (Milieu editore), giunto alla quarta ristampa. Ha pubblicato il romanzo “Nonostante Tutto” che ha scalato per mesi le classifiche Amazon. Per Algama ha pubblicato il noir "2084- Qualcosa in cui credere"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie