Il muro di ScribattoNewsSalutesocietà

Il diritto all’aborto entra nella costituzione francese

I vescovi tuonano: Non esiste diritto a sopprimere la vita

(continua dopo la pubblicità)
(continua dopo la pubblicità)

Dopo essere diventata legge, con il rischio che un futuro governo conservatore potesse ridimensionare o addirittura annullare la scelta della stragrande maggioranza dei francesi, da ieri il diritto all’aborto entra a far parte a tutti gli effetti della loro costituzione.
Ovviamente l’obiezione di coscienza dei medici rientra, come di consueto, nel libero arbitrio soggettivo.
La Torre Eiffel, il simbolo della Francia per eccellenza, è stata nella serata di ieri illuminata a festa con la scritta “Mon corps, mon choix”, letteralmente “Mio il corpo, mia la scelta”.
Il presidente Macron ha commentato “Fierezza francese, messaggio universale.”
Com’è ovvio l’alzata di scudi clericale non si è fatta attendere: ”Non esiste diritto a sopprimere la vita”, hanno tuonato i vescovi.
In effetti sulla bibbia si celebra la difesa della vita e, si presume, da qualche parte deve esserci anche la parte riguardante la necessità di mettere sempre sotto silenzio la piaga dei preti pedofili.
“Siamo all’avanguardia”, ha urlato la politica e attivista francese Braun-Pivet.
E ha ragione a sostenerlo.
Mentre negli Stati Uniti si torna a considerare criminale il diritto di poter interrompere una gravidanza, l’Europa (o almeno una parte di essa) dimostra quanto si renda necessaria una coscienza collettiva.
L’Italia resta nell’oblio, come d’abitudine.
L’eutanasia, l’aborto e tutte le faccende che riguardano esclusivamente interessi soggettivi vengono imbavagliate dai rappresentanti di un minuscolo staterello anacronistico.
L’Italia anziana e bigotta, s’intende. La laicità, dalle nostre parti, va considerata un accessorio trascurabile.

Alex Rebatto

Quando i lettori comprano attraverso i link Amazon ed altri link di affiliazione presenti sul sito - nei post in cui è presente un prodotto in vendita - Fronte del Blog potrebbe ricevere una commissione, senza però che il prezzo finale per chi acquista subisca alcuna variazione.

Alex Rebatto

Alex Rebatto, classe 1979. Ha collaborato nei limiti della legalità con Renato Vallanzasca ed è stato coautore del romanzo biografico “Francis”, sulle gesta del boss della malavita Francis Turatello (Milieu editore), giunto alla quarta ristampa. Ha pubblicato il romanzo “Nonostante Tutto” che ha scalato per mesi le classifiche Amazon. Per Algama ha pubblicato il noir "2084- Qualcosa in cui credere"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie