Casazza ReportDelittisocietà

Delitto di via Poma, le rivelazioni di Paolo Cochi – VIDEO

(continua dopo la pubblicità)

Il documentarista e scrittore Paolo Cochi ha ricostruito il delitto di via Poma in un libro. In quest’intervista al giallista Rino Casazza per Fronte del Blog (VEDI SOPRA) racconta l’ultimo giorno di vita di Simonetta Cesaroni, restringendo la cerchia dei sospetti

 

Dopo un lungo e accurato lavoro di rivisitazione critica del giallo di via Poma, Paolo Cochi ha prodotto  un documentario e un saggio – scritto in collaborazione con l’avvocato Paolo Loria, legale del fidanzato della vittima Raniero Busco, e il criminologo Francesco Bruno – che portano entrambi lo stesso titolo: “Via Poma oltre la Cassazione. Cronaca di un delitto senza giustizia“.

L’omicidio della ventunenne Simonetta Cesaroni, uccisa da una gragnuola di coltellate il 7 agosto 1990 a Roma, sembrava, a prima vista, un caso facile da risolvere.

blank
Simonetta Cesaroni

La vittima aveva trovato la morte nel pieno di un pomeriggio di agosto, nel centro di Roma, in uno stabile recintato con un servizio di portineria continuativo. Per quanto ci si trovasse in periodo feriale, non appariva impossibile riuscire a trovare tracce di avvicinamento e allontanamento dell’assassino dal luogo del delitto.
Ciò anche in considerazione del fatto che non si trattava di un delitto premeditato, ma d’impulso, e che il colpevole, cercando  di ripulire in modo sommario la scena del crimine, aveva lasciato numerosi segni del suo passaggio.

blank
Clicca sulla foto e vai al libro

 

Per di più la porta dell’appartamento, la sede degli uffici dell’ AIAG – Associazione Italiana Alberghi della Gioventù – in cui si trovava il cadavere della povera Simonetta, non presentava tracce di effrazione, cosicché  l’assassino doveva aver aperto con le chiavi o essere stato fatto entrare  dalla vittima.
C’erano tutti i presupposti, insomma, per restringere il campo dei sospetti ai frequentatori abituali del condominio, ovvero coloro che vi abitavano o vi si recavano per lavoro o per visitare un residente.

Invece, inopinatamente, il caso si è aggrovigliato a tal punto che, a trent’anni di distanza, ancora non si è riusciti a far luce.
Ci sono stati un sospetto, Pietrino Vanacore, il portiere del palazzo, arrestato ma subito liberato per mancanza di prove; un indagato, Federico Valle, parente di un inquilino, prosciolto senza rinvio a giudizio, e un imputato, Raniero Busco, fidanzato di Simonetta, sottoposto a processo ma poi assolto con formula piena.

 

blank
Federico Valle, Pietrino Vanacore e Raniero Busco

In mezzo, tante rilevazioni, spesso approssimative o confusionarie, sul luogo del delitto e tante indagini, condotte nel tempo da diversi magistrati, rimaste incompiute.
Solo di recente c’è stata una verifica sistematica della pista più ovvia, quella che indirizzava verso un cosiddetto “territoriale”, ovvero qualcuno che conosceva Simonetta e sapeva come muoversi nel condominio di via Poma per esservisi recato altre volte.
Mi riferisco al confronto tra il DNA di coloro che rientravano nel profilo suesposto e una traccia genetica rinvenuta sulla scena criminis , inutilizzabile al tempo per la mancanza di test di laboratorio in grado di rilevare e comparare il DNA.
Tale indagine, avvenuta nel 2004, non ha portato a nessun “match”, come si dice nel gergo degli analisti genetici per indicare la corrispondenza tra due tracce di DNA.
Su questo importante aspetto, e sui molti altri di cui è costellata la vicenda, spesso enigmatici come in un giallo letterario, Paolo Cochi ci farà un  resoconto basato sulle sue accurate ricerche.

Nell’intervista, seguiremo lo schema del citato saggio  “Via Poma oltre la Cassazione”, dividendo l’analisi in tre parti.
Ci occuperemo prima di raccontare (video sopra) come si svolsero gli eventi nella giornata del 7 agosto 1990, dall’uscita di casa di Simonetta sino alla scoperta del cadavere.
In seguito prenderemo in esame le indagini (video n°2), e i processi (video n°3).

Rino Casazza 

Guarda gli ultimi libri di Rino Casazza – QUI

(continua dopo la pubblicità)

Rino Casazza

Rino Casazza è nato a Sarzana, in provincia di La Spezia, nel 1958. Dopo la laurea in Giurisprudenza a Pisa, si è trasferito in Lombardia. Attualmente risiede a Bergamo e lavora al Teatro alla Scala Di Milano. Ha pubblicato un numero imprecisabile di racconti e 15 romanzi che svariano in tutti i filoni della narrativa di genere, tra cui diversi apocrifi in cui rivivono come protagonisti, in coppia, alcuni dei grandi detective della letteratura poliziesca. Il più recente è "Sherlock Holmes tra ladri e reverendi", uscito in edicola nella collana “I gialli di Crimen” e in ebook per Algama. In collaborazione con Daniele Cambiaso, ha pubblicato Nora una donna, Eclissi edizioni, 2015, La logica del burattinaio, Edizioni della Goccia, 2016, L’angelo di Caporetto, 2017, uscito in allegato al Giornale nella collana "Romanzi storici", e il libro per ragazzi Lara e il diario nascosto, Fratelli Frilli, 2018. Nel settembre 2021, è uscito "Apparizioni pericolose", edizioni Golem. In collaborazione con Fiorella Borin ha pubblicato tre racconti tra il noir e il giallo: Onore al Dio Sobek, Algama 2020, Il cuore della dark lady, 2020, e lo Smembratore dell'Adda, 2021, entrambi per Delos Digital Ne Il serial killer sbagliato, Algama, 2020 ha riproposto, con una soluzione alternativa a quella storica, il caso del "Mostro di Sarzana, mentre nel fantathriller Al tempo del Mostro, Algama 2020, ha raccontato quello del "Mostro di Firenze". A novembre 2020, è uscito, per Algama, il thriller Quelle notti sadiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie