Casazza ReportDelittisocietà

Mostro di Firenze, i misteri dell’ultimo duplice delitto: parlano Paolo Cochi e Marco Beltrandi

Intervista a Paolo Cochi e Marco Beltrandi sull'omicidio di via degli Scopeti

La polizia scientifica è tornata sull’ultima scena del crimine del Mostro di Firenze, agli Scopeti. Ufficialmente per un documentario. Ma il documentarista Paolo Cochi e il Radicale Marco Beltrandi si pongono molte domande. Anche perché è proprio questo duplice delitto che potrebbe riscrivere la storia giudiziaria del serial killer

 

blank

Il duplice delitto perpetrato in una piazzola di via degli Scopeti, a San Casciano Val di Pesa, nel 1985, occupa un posto speciale nella serie di omicidi del Mostro di Firenze. Oltre ad essere l’ultimo, e uno dei due (l’altro è il delitto di Vicchio) in cui l’assassino ha asportato il seno sinistro alla vittima femminile, è l’unico con aggressione a bersagli che si trovavano all’interno di un tenda da campeggio, e non dentro l’abitacolo di un’automobile, nonché l’unico in cui il Mostro ha occultato i cadaveri, probabilmente per far sì che, con enorme effetto shock sull’opinione pubblica, la macabra lettera di rivendicazione dell’omicidio inviata ad una magistrata, contenente un pezzo del seno della zona uccisa, arrivasse prima della scoperta dei cadaveri.

Soprattutto è il solo delitto che ha dato luogo ad una diatriba sulla sua datazione. E’ avvenuto nella notte tra sabato 7 e domenica 8 settembre  o nei giorni precedenti?

blank

Recentemente, in coincidenza  col trentaseiesimo anniversario del fatto, il delitto degli Scopeti – così oramai viene gergalmente chiamato – ha fatto di nuovo notizia. La polizia scientifica, infatti, è ritornata sulla scena del crimine dispiegando le sue moderne tecnologie. In quest’intervista rilasciata a Fronte del Blog (vedi il video in cima al post), Paolo Cochi (documentarista e massimo esperto del caso) e Marco Beltrandi (ex parlamentare e membro della Commissione di Vigilanza Rai, attualmente membro della segreteria del Partito Radicale), approfondiscono i risvolti di questa iniziativa del reparto specialistico della Polizia, di cui non sono chiari gli scopi, anche in considerazione che i rilievi effettuati verrebbero ripresi in una “docufiction” RAI di prossima messa in onda.

blank

Clicca sull’immagine e vai al libro 

 

Un giallo a tutti gli effetti, stando alle fonti locali . Ma c’è altro: il discorso di Cochi e Beltrandi si allarga infatti ai molti dubbi che ancora circondano l’esatta ricostruzione del delitto , che nemmeno le testimonianze rese e gli accertamenti medico legali svolti al processo ai “compagni di merende” sono riusciti a dissipare. Anzi…

Rino Casazza 

Guarda gli ultimi libri di Rino Casazza – QUI

***

Il libro di Paolo Cochi “Mostro di Firenze, al di là di ogni ragionevole dubbio” – QUI

Il thriller di Rino Casazza sul Mostro di Firenze, “Al tempo del Mostro”- QUI

***

Lo speciale di Fronte del Blog dedicata al Mostro di Firenze – GUARDA

 

 

Due parole su questo sito blank

Rino Casazza

Rino Casazza è nato a Sarzana, in provincia di La Spezia, nel 1958. Dopo la laurea in Giurisprudenza a Pisa, si è trasferito in Lombardia. Attualmente risiede a Bergamo e lavora al Teatro alla Scala Di Milano. Ha pubblicato un numero imprecisabile di racconti e 15 romanzi che svariano in tutti i filoni della narrativa di genere, tra cui diversi apocrifi in cui rivivono come protagonisti, in coppia, alcuni dei grandi detective della letteratura poliziesca. Il più recente è "Sherlock Holmes tra ladri e reverendi", uscito in edicola nella collana “I gialli di Crimen” e in ebook per Algama. In collaborazione con Daniele Cambiaso, ha pubblicato Nora una donna, Eclissi edizioni, 2015, La logica del burattinaio, Edizioni della Goccia, 2016, L’angelo di Caporetto, 2017, uscito in allegato al Giornale nella collana "Romanzi storici", e il libro per ragazzi Lara e il diario nascosto, Fratelli Frilli, 2018. Nel settembre 2021, è uscito "Apparizioni pericolose", edizioni Golem. In collaborazione con Fiorella Borin ha pubblicato tre racconti tra il noir e il giallo: Onore al Dio Sobek, Algama 2020, Il cuore della dark lady, 2020, e lo Smembratore dell'Adda, 2021, entrambi per Delos Digital Ne Il serial killer sbagliato, Algama, 2020 ha riproposto, con una soluzione alternativa a quella storica, il caso del "Mostro di Sarzana, mentre nel fantathriller Al tempo del Mostro, Algama 2020, ha raccontato quello del "Mostro di Firenze". A novembre 2020, è uscito, per Algama, il thriller Quelle notti sadiche.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button