Casazza ReportsocietàX files

Border nights intervista Rino Casazza sugli x-files del coronavirus

Tutto il complottismo sul coronavirus raccontato in un’avvincente puntata di Border Nights dallo scrittore Rino Casazza, autore di Fronte del Blog

 

La scorsa settimana ho avuto modo di parlare diffusamente, e di questo ringrazio  Fabio Frabetti,  conduttore della trasmissione “Borders Nights”, dei post pubblicati negli scorsi mesi sulla rubrica “X-files” di Fronte del Blog per dar conto delle  teorie non ufficialmente accreditate, molte stravaganti o addirittura palesemente improbabili, ma alcune con un certo fondamento, o almeno degne di essere approfondite, che sono sorte sull’origine della pandemia da covid-19.

In questo excursus non ci siamo risparmiati nulla: dal caso del misterioso laboratorio di Wuhan dove si dice si compissero pericolosi esperimenti sui virus respiratori, a quello della “miscela” esplosiva tra il covid-19 e l’inquietante batterio sintetico “Syntia”, senza trascurare le analisi statistiche che paiono aver individuato nel covid-19 una velocità di propagazione vertiginosa come quella dei virus informatici.

Come tutti ben sappiamo, la nostra epoca è malata di “complottismo”, che pretende di trovare in tutto una spiegazione recondita basata sulla congiura di misteriose élite dominanti a danno della gente comune, ma valgono pur sempre i buoni vecchi proverbi “fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio” e “a pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca”.

Chissà che, finalmente spentosi il contagio e tornati alla vita normale, di tutte le denunce dietrologiche di controversa attendibilità che ci sono piovute addosso non rimanga un fondo di verità degno di passare alla storia.

E’ certo, in ogni caso, il fascino delle teorie che scoprono sotto il velo dell’apparenza una straordinaria e inconfessabile “altra verità”. Come rispondeva Omar Sharif a chi gli chiedeva di commentare la possibilità che sotto la Sfinge di Giza si celasse una stanza con vestigia tecnologiche dell’ antica civiltà di Atlantide: -Magari!-

Rino Casazza

Guarda gli ultimi libri di Rino Casazza – QUI

Due parole su questo sito blank
Tag
Leggi di più

Rino Casazza

Rino Casazza è nato a Sarzana, in provincia di La Spezia, nel 1958. Dopo la laurea in Giurisprudenza a Pisa, si è trasferito in Lombardia. Attualmente risiede a Bergamo e lavora al Teatro alla Scala Di Milano. Ha pubblicato una cinquantina di racconti e undici romanzi che svariano in tutti i filoni della narrativa di genere, tra cui diversi apocrifi che vedono rivivere come protagonisti i più grandi detective della letteratura di genere. Gli ultimi romanzi pubblicati sono Il serial killer sbagliato, Algama, 2018; Al tempo del Mostro, 2018, rivisitazione in chiave fantascientifica della vicenda del Mostro di Firenze; il libro per ragazzi Lara e il diario nascosto, Fratelli Frilli, 2018, scritto insieme a Daniele Cambiaso e, sempre in collaborazione con lo stesso autore, L’Angelo di Caporetto, 2017, uscito prima per Algama e poi in allegato a Il Giornale nella collana “Romanzi storici”, Gli enigmi di Don Patrizio, Algama, 2016. Per la collana Gli apocrifi di Algama sono usciti: Sherlock Holmes, Padre Brown e l’ombra di Dracula ; Padre Brown, Philo Vance e l’Angelo della Morte, ; Sherlock Holmes, Padre Brown e il delitto dell’indemoniata ; Sherlock Holmes, Auguste Dupin e il match del secolo ; Sherlock Holmes, Charlie Chan e il salvataggio del Titanic salutati con grande favore dalla critica per l’originalità delle trame. L'ultima fatica è un trittico di romanzi apocrifi su Auguste Dupin, l'investigatore inventato da Edgar Allan Poe Sempre per Algama ha pubblicato l’antologia Il trucco dei due poliziotti, 2019.

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close