Casazza ReportCultureNewssocietà

Il match mondiale Steinitz-Chigorin del 1892 e la madre di tutte le sviste

20170123_225441

Michail Chigorin , assieme a Wilhelm Steinitz, e aggiungerei anche Siegbert Tarrash, “Herr doctor”, è un fondatore degli scacchi moderni.

Come ho raccontato in Sherlock Holmes, Auguste Dupin e il match del secolo  ,  spartiacque tra la fase pionieristica del gioco e quella evoluta, che dura ancora oggi, è stata la finale del campionato del mondo, nel 1886,   tra Wilhelm Steinitz, il primo giocatore professionista, e Johannes Zuketort, l’ultimo dei dilettanti.

Steinitz ha aperto la strada ad una sistematizzazione delle regole “universali” per la miglior conduzione di una partita, ponendo fine all’epoca della libera, e confusa, interpretazione del gioco.

Chigorin, oltre ad essere un divulgatore più brillante di Steinitz, e un personaggio affascinante, ha fornito contributi fondamentali, validi ancora oggi, allo studio e all’approfondimento delle aperture.

Lo scacchista originario di San Pietroburgo è altresì il primo giocatore russo di alto livello,  precursore  di una scuola che, a partire dal declino del grande Capablanca  negli anni trenta, ha dominato incontrastata la scena mondiale sino all’avvento  di Bobby Fisher negli anni settanta, ed ha continuato sino ai giorni nostri a sfornare eccezionali campioni, primo fra tutti Garry Kasparov, il “re” degli anni novanta, considerato da molti il più forte giocatore della storia.

A tal proposito v’è da sottolineare che Kasparov ha riconosciuto di ammirare il gioco  spumeggiante e fantasioso di Chigorin,  in questo assai simile, mutatis mutandis, al suo.

Chigorin, tuttavia, nonostante l’indubbio talento, e il valore anche estetico del suo stile di gioco, non è riuscito a raggiungere il vertice agonistico.

Tra lui e la conquista del titolo mondiale si  frapposto un’ostacolo insuperabile: lo scorbutico,  battagliero e solidissimo  Steinitz.

Bisogna dire che Chigorin si arrese spesso alla forza di altri talentuosi giocatori suoi contemporanei, come il polacco Janowski, e soprattutto Emanuel Lasker, vera bestia nera per lui,  e nei tornei più importanti, pur piazzandosi spesso tra i migliori, di rado conquistò la prima piazza.

Gli incontri mondiali tra Steinitz e Chigorin furono due, giocati entrambi nella capitale cubana. Nel primo, datato 1889, Steinitz prevalse chiaramente, totalizzando 10 vittorie contro 6, con una patta.

I due si ritrovarono di fronte  nel 1992, e questa volta l’andamento della sfida fu molto più equilibrato, con un finale clamoroso  che ancora oggi si ricorda.

Nella 23^ partita Steinitz conduceva  di un punto,  ma Chigorin era in netto vantaggio, potendo così pareggiare il punteggio e giocarsi la vittoria nelle restanti partite.

Tra lo stupore di tutti i commentatori ed appassionati, il campione russo si dimenticò che il suo alfiere  camposcuro non poteva abbandonare la diagonale che stava controllando perché, altrimenti, l’avversario avrebbe potuto infliggere un matto in due mosse elementare per qualsiasi mediocre giocatore.

Chigorin fu tradito, evidentemente, dalla tensione nervosa. E qui torna in mente quanto scrisse un altro grande “numero 2” della storia scacchistica, lo statunitense Frank Marshall, circa il nervosismo dl campione di Pietroburgo, capace, sotto stress, di smaniare e battere freneticamente i piedi sotto il tavolo.

L’ inusitato, madornale errore pose fine al match.

La  fragilità psicologica di Chigorin nei confronti decisivi   è dimostrata, a rovescio, dalla sua chiara vittoria su Steinitz per due a zero, nel 1890, in un match di esibizione tenuosi,  tuttavia, non a caso, per telegrafo.

Rino Casazza

LA LOGICA DEL BURATTINAIO E TUTTI I LIBRI DI RINO CASAZZA:

Sherlock Holmes, Padre Brown e il delitto dell’indemoniata

Sherlock Holmes, Dupin e il match del secolo

Gli enigmi di Don Patrizio

La logica del Burattinaio, nella mente del serial killer

Bergamo sottosopra. Un’avventura di Auguste Dupin e Giuseppe Giacosa

Il Fantasma all’Opera. Un’indagine in cinque atti con Auguste Dupin.

Le regole del gioco. Un’avventura di Auguste Dupin.

Bart

Tutto in venti ore

 

Due parole su questo sito
Tag

Rino Casazza

Rino Casazza è nato a Sarzana, in provincia di La Spezia, nel 1958. Dopo la laurea in Giurisprudenza a Pisa, si è trasferito in Lombardia. Attualmente risiede a Bergamo e lavora al Teatro alla Scala Di Milano. Ha pubblicato una cinquantina di racconti e undici romanzi che svariano in tutti i filoni della narrativa di genere, tra cui diversi apocrifi che vedono rivivere come protagonisti i più grandi detective della letteratura di genere. Gli ultimi romanzi pubblicati sono Il serial killer sbagliato, Algama, 2018; Al tempo del Mostro, 2018, rivisitazione in chiave fantascientifica della vicenda del Mostro di Firenze; il libro per ragazzi Lara e il diario nascosto, Fratelli Frilli, 2018, scritto insieme a Daniele Cambiaso e, sempre in collaborazione con lo stesso autore, L’Angelo di Caporetto, 2017, uscito prima per Algama e poi in allegato a Il Giornale nella collana “Romanzi storici”, Gli enigmi di Don Patrizio, Algama, 2016. Per la collana Gli apocrifi di Algama sono usciti: Sherlock Holmes, Padre Brown e l’ombra di Dracula ; Padre Brown, Philo Vance e l’Angelo della Morte, ; Sherlock Holmes, Padre Brown e il delitto dell’indemoniata ; Sherlock Holmes, Auguste Dupin e il match del secolo ; Sherlock Holmes, Charlie Chan e il salvataggio del Titanic salutati con grande favore dalla critica per l’originalità delle trame. L'ultima fatica è un trittico di romanzi apocrifi su Auguste Dupin, l'investigatore inventato da Edgar Allan Poe Sempre per Algama ha pubblicato l’antologia Il trucco dei due poliziotti, 2019.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close