CultureFocussocietà

Il thriller rivelazione di Marcello Ghiringhelli: l’altra faccia di un brigatista

(continua dopo la pubblicità)

20161007_211035

Marcello Ghiringhelli è un ergastolano che ha scelto una forma di rinascita classica per un detenuto: la narrativa. Carcerati romanzieri se ne contano parecchi, e viene spontaneo citare Silvio Pellico, col suo celeberrimo “Le mie prigioni”, ed Henry Carriere, autore dell’altrettanto famoso “Papillon”.

Di solito i detenuti scrittori fanno, come i due citati, dell’esperienza in carcere materia delle loro storie, scrivendone quando sono tornati in libertà.

Marcello Ghiringhelli, in controtendenza, non solo ha composto il suo “L’altra faccia della luna”, appena uscito in formato ebook per Algama, da galeotto (non avrebbe avuto scelta, vista la pena a vita) ma nel libro della sua reclusione non parla affatto.

Naturalmente la storia, un notevole spy-thriller ambientato in una Parigi invernale e cupa dei primi anni 90 del secolo scorso, parla molto di lui, finito in galera dopo due esperienze assai “toste”: come legionario, e poi come brigatista rosso.

Il passato di Ghiringhelli traspare dalla competenza con cui tratta di armi e tecniche di combattimento, e dalla vivezza con cui descrive le scene d’azione, sia che si tratti di scontri a fuoco, all’arma bianca o a mani nude. Interessanti anche i risvolti tecnologici, tutti credibilissimi.

Da una ex testa di cuoio ed ex terrorista, non ci sarebbe stato da aspettarsi di meno.

Ma, alla fine, in questa sorprendente opera prima, colpiscono due aspetti.

Primo: il personaggio dominante, un sicario spietato ed efficiente che ricorda lo Sciacallo di Frederich Forsyth, solo che è psicologicamente più complesso e tormentato di quest’ultimo, e raggiunge la grandezza perversa di certi criminali, vittime della loro personalità deviata, tipici della narrativa di Andrew Klavan.

Secondo: la cornice complottistico-spionistica, suggerita e poi svelata con conoscenza, unita a sincera riprovazione, dei meccanismi della realpolitik e della spartizione mondiale delle influenze.

(continua dopo la pubblicità)

Ecco: nella crudezza amara con cui Ghiringhelli tratteggia un mondo dominato da interessi politici e capitalistici cinicamente intrecciati, viene fuori l’ispirazione giacobina del brigatista che, senza la giustificazione della violenza a fini ideali, potrebbe essere, nel suo idealismo manicheo, persino produttiva.

Rimane comunque, giunti all’ultima pagina, il piacere di una cavalcata trascinante attraverso la “ville lumiere” trasformata in sanguinoso campo di battaglia manovrato da forze oscure.

Rino Casazza

L’altra faccia della luna, il thriller di Marcello Ghiringhelli, per Kindle – GUARDAblank

LA LOGICA DEL BURATTINAIO E TUTTI I LIBRI DI RINO CASAZZA:

La logica del Burattinaio, nella mente del serial killer

Bergamo sottosopra. Un’avventura di Auguste Dupin e Giuseppe Giacosa

Il Fantasma all’Opera

Bart

Tutto in venti ore

 

(continua dopo la pubblicità)
(continua dopo la pubblicità)

Rino Casazza

Rino Casazza è nato a Sarzana, in provincia di La Spezia, nel 1958. Dopo la laurea in Giurisprudenza a Pisa, si è trasferito in Lombardia. Attualmente risiede a Bergamo e lavora al Teatro alla Scala Di Milano. Ha pubblicato un numero imprecisabile di racconti e 15 romanzi che svariano in tutti i filoni della narrativa di genere, tra cui diversi apocrifi in cui rivivono come protagonisti, in coppia, alcuni dei grandi detective della letteratura poliziesca. Il più recente è "Sherlock Holmes tra ladri e reverendi", uscito in edicola nella collana “I gialli di Crimen” e in ebook per Algama. In collaborazione con Daniele Cambiaso, ha pubblicato Nora una donna, Eclissi edizioni, 2015, La logica del burattinaio, Edizioni della Goccia, 2016, L’angelo di Caporetto, 2017, uscito in allegato al Giornale nella collana "Romanzi storici", e il libro per ragazzi Lara e il diario nascosto, Fratelli Frilli, 2018. Nel settembre 2021, è uscito "Apparizioni pericolose", edizioni Golem. In collaborazione con Fiorella Borin ha pubblicato tre racconti tra il noir e il giallo: Onore al Dio Sobek, Algama 2020, Il cuore della dark lady, 2020, e lo Smembratore dell'Adda, 2021, entrambi per Delos Digital Ne Il serial killer sbagliato, Algama, 2020 ha riproposto, con una soluzione alternativa a quella storica, il caso del "Mostro di Sarzana, mentre nel fantathriller Al tempo del Mostro, Algama 2020, ha raccontato quello del "Mostro di Firenze". A novembre 2020, è uscito, per Algama, il thriller Quelle notti sadiche.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie