NewssocietàSpettacolo

“Terminator: Genisys” di Alan Taylor: la maturità della macchina

videoimage

“Vecchio, non obsoleto.”

È la battuta chiave del quinto episodio dell’epopea di Terminator: “Terminator Genisys”. La pronuncia l’inarrestabile macchina da combattimento che da’ il nome alla serie, ammettendo la propria usura con l’orgoglio di sapersi ancora utile.

Da appassionato del ciclo, che mi auguro non “terminato”, toglierei il vecchio.

Le buone idee nel cinema non invecchiano mai, e quella del cybor/killer ultraforte e indistruttibile, determinato a eliminare la vittima designata, ha bucato il grande schermo sin dall’esordio del 1984, diretto non a caso da un grandissimo regista, James Cameron, autore ad oggi dei colossal campioni di effetti speciali più visti della storia: Titanic e Avatar ( per tacere del meno conosciuto ma forse ancora più bello “The Abyss”)

La formula da allora è rimasta la stessa, a parte una variante, di non poco conto ma pressoché inevitabile quando un personaggio di successo, in questo caso l’indomabile cyborg modello T-800, ė interpretato da un attore popolare, Arnold Schwarzenegger: il passaggio di “Terminator”, affascinante cattivo nel film del 1984, tra le schiere dei buoni.

Il film opera una felice commistione fra tre cavalli di battaglia della fantascienza e del film d’azione.
Innanzitutto la lotta senza quartiere tra uomini e macchine (troppo) evolute, secondo lo schema classico della creatura che si rivolta al creatore. Non si tratta di un’idea originale, ovviamente, ma sottolineiamo che Terminator anticipa di una quindicina d’anni l’altra famosa serie che ha come sfondo questo tema: Matrix.

Ci sono poi i viaggi nel tempo, che da sempre incantano gli appassionati, col loro strascico di paradossi e loop temporali per la pericolosa interdipendenza tra passato e futuro. Anche qui mettiamo in evidenza che Terminator “brucia” di un anno il primo capitolo della triologia di “Ritorno al futuro”, capolavoro di Robert Zemekis, incentrata su vertiginosi andirivieni nel tempo.
Il terzo ingrediente di Terminator è la caccia all’uomo, un tema ricorrente nel cinema di suspense, che qui si presenta con un connotato originale: il cacciatore è una macchina irriducibile e apparentemente invincibile, così le prede devono fare i salti mortali per sfuggirgli.

Dopo l’esordio del 1984, la serie si è rivitalizzata affiancando alle prede un cyborg “buono”, che supplisce con qualità umane come il coraggio e l’ inventiva alla superiorità tecnologica del cyborg “cattivo”.

In Terminator Genisys il cyborg “buono” fa un ulteriore passo verso l’umanizzazione. Approfittando che Schwarzenegger, statuario e muscoloso interprete del primo film, è invecchiato, si immagina un analogo invecchiamento del personaggio, che mostra insospettabili doti di autoironia e saggezza, meritandosi addirittura l’appellativo di “papà”.

Insomma Alan Taylor, già distintosi per un’analoga operazione di restlyng sul personaggio di Thor nel secondo film dedicato al supereroe della Marvel, “Thor: the Dark World”, ha centrato l’obiettivo.

Rino Casazza

I libri di Rino Casazza:

La logica del Burattinaio, nella mente del serial killerblank

Bergamo sottosopra. Un’avventura di Auguste Dupin e Giuseppe Giacosablank

Il Fantasma all’Operablank

Tutto in venti oreblank

Di passaggio tra le date blank

 

Due parole su questo sito blank

Rino Casazza

Rino Casazza è nato a Sarzana, in provincia di La Spezia, nel 1958. Dopo la laurea in Giurisprudenza a Pisa, si è trasferito in Lombardia. Attualmente risiede a Bergamo e lavora al Teatro alla Scala Di Milano. Ha pubblicato una cinquantina di racconti e undici romanzi che svariano in tutti i filoni della narrativa di genere, tra cui diversi apocrifi che vedono rivivere come protagonisti i più grandi detective della letteratura di genere. Gli ultimi romanzi pubblicati sono Il serial killer sbagliato, Algama, 2018; Al tempo del Mostro, 2018, rivisitazione in chiave fantascientifica della vicenda del Mostro di Firenze; il libro per ragazzi Lara e il diario nascosto, Fratelli Frilli, 2018, scritto insieme a Daniele Cambiaso e, sempre in collaborazione con lo stesso autore, L’Angelo di Caporetto, 2017, uscito prima per Algama e poi in allegato a Il Giornale nella collana “Romanzi storici”, Gli enigmi di Don Patrizio, Algama, 2016. Per la collana Gli apocrifi di Algama sono usciti: Sherlock Holmes, Padre Brown e l’ombra di Dracula ; Padre Brown, Philo Vance e l’Angelo della Morte, ; Sherlock Holmes, Padre Brown e il delitto dell’indemoniata ; Sherlock Holmes, Auguste Dupin e il match del secolo ; Sherlock Holmes, Charlie Chan e il salvataggio del Titanic salutati con grande favore dalla critica per l’originalità delle trame. L'ultima fatica è un trittico di romanzi apocrifi su Auguste Dupin, l'investigatore inventato da Edgar Allan Poe Sempre per Algama ha pubblicato l’antologia Il trucco dei due poliziotti, 2019.

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button