NewssocietàSpettacolo

Ricordo di Carlo Pedersoli

CarloPedersoliItalia

E’ mancato Carlo Pedersoli, un nome che susciterà l’indifferenza di molti, se non si desse il caso che costui è l’interpretazione meno conosciuta di un attore leggendario: Bud Spencer.
Tranquilli: Bud è ancora vivo e vegeto. Per verificarlo, basta mettersi comodi davanti a uno dei suoi molti film. Io lo preferisco nei panni di “Piedone lo sbirro” ma, naturalmente, va benissimo anche quando impersona “Bambino”, in coppia con “Trinità”, o “Steve Forest, agente L A Ray” od anche, perché no, l’”agente della C.I.A. Mason, alias l’ex detenuto Doug O’Riordan”.
Bud rimane ( il presente è d’obbligo) un fenomeno cinematografico. Ancora non si riesce a capire se le sue performance sul grande schermo siano per bambini od adulti. In verità vi si appassionano spettatori di tutte le età. Bud ha un fisique du role inconfondibile: barbuto, alto, ben piantato, spalle larghe. Fin quando ha interpretato Carlo Pedersoli, di cui parliamo sotto, era robusto ma in linea, dopo ha messo su un notevole surplus di ciccia, che gli ha conferito un’aria da pigro bonaccione. Attenti però: non pensate di potervene approfittare. Se provocato mena botte memorabili con le braccione e gambone forzute, prevalendo su qualsiasi avversario.

E’ questa la ragione dell’unicità di Bud: che ha sdoganato pugni e calci, rendendoli un modo brusco ma non cruento per ricondurre a più miti consigli antipatici e prepotenti. Con un senso estetico e del ritmo che fa delle sue risse un entusiasmante, liberatorio balletto. Il paragone che viene più spontaneo é con Superman. Un Uomo d’Acciaio, egualmente indistruttibile ed invincibile del suo simile in attillata tuta azzurra, ma più alla mano ed autoironico, seppur meno scultoreo.

Vabbé lasciamo perdere Bud, che continuerà a lungo a divertirci coi i suoi film, e veniamo alla prematura scomparsa di Carlo Pedersoli.
Questi, per chi non lo sapesse, è stato un asso italiano della piscina negli anni 50 del secolo scorso.
Il tempo trascorso ha fatto perdere la memoria delle sue imprese atletiche, ma non il loro rilievo: primo nuotatore italiano a scendere sotto il minuto nei 100 metri stile libero, campione italiano per 7 volte in questa specialità, secondo ai Giochi del Mediterraneo nel 1951, 5° ai campionati Europei del 1950, semifinalista alle Olimpiadi di Helsinki e Melbourne. En passant, medaglia d’oro con la nazionale di pallanuoto nei Giochi del Mediterraneo nel 1955.

Un invidiabile “palmares” conseguito praticamente senza allenarsi e men che meno seguendo una dieta alimentare da atleta.
Che ve ne pare? Mi sembra di sentirvi: sì, un personaggio notevole, ma Bud Spencer!
Come darvi torto.

Due parole su questo sito
Tag
Leggi di più

Rino Casazza

Rino Casazza è nato a Sarzana, in provincia di La Spezia, nel 1958. Dopo la laurea in Giurisprudenza a Pisa, si è trasferito in Lombardia. Attualmente risiede a Bergamo e lavora al Teatro alla Scala Di Milano. Ha pubblicato una cinquantina di racconti e undici romanzi che svariano in tutti i filoni della narrativa di genere, tra cui diversi apocrifi che vedono rivivere come protagonisti i più grandi detective della letteratura di genere. Gli ultimi romanzi pubblicati sono Il serial killer sbagliato, Algama, 2018; Al tempo del Mostro, 2018, rivisitazione in chiave fantascientifica della vicenda del Mostro di Firenze; il libro per ragazzi Lara e il diario nascosto, Fratelli Frilli, 2018, scritto insieme a Daniele Cambiaso e, sempre in collaborazione con lo stesso autore, L’Angelo di Caporetto, 2017, uscito prima per Algama e poi in allegato a Il Giornale nella collana “Romanzi storici”, Gli enigmi di Don Patrizio, Algama, 2016. Per la collana Gli apocrifi di Algama sono usciti: Sherlock Holmes, Padre Brown e l’ombra di Dracula ; Padre Brown, Philo Vance e l’Angelo della Morte, ; Sherlock Holmes, Padre Brown e il delitto dell’indemoniata ; Sherlock Holmes, Auguste Dupin e il match del secolo ; Sherlock Holmes, Charlie Chan e il salvataggio del Titanic salutati con grande favore dalla critica per l’originalità delle trame. L'ultima fatica è un trittico di romanzi apocrifi su Auguste Dupin, l'investigatore inventato da Edgar Allan Poe Sempre per Algama ha pubblicato l’antologia Il trucco dei due poliziotti, 2019.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close