NewssocietàSpettacolo

IL PUNTO SU CHECCO

(continua dopo la pubblicità)

checco8E’ passato sufficiente tempo dall’uscita dell’ultimo film di Checco Zalone, Quo vado, – primo  per incassi al bottegnino nella storia del cinema italiano! – per parlarne senza visceralità.

Come si sa, il “fenomeno Zalone” divide l’opinione pubblica: c’è chi lo considera uno scadente epigono del “trash”, e chi invece ne apprezza la comicità. Gli uni si stupiscono e finanche indignano che i “filmetti” del comico pugliese ottengano tutto questo successo, gli altri vanno in massa a vederli divertendosi di gusto.

In una recensione “a caldo”, scrivevo che la controversia equivale a voler stabilire se sia meglio “Fantozzi contro tutti” o “La corazzata Potiomkin.

Quell’opinione è ancora valida: il genere comico va valutato prescindendo dal contenuto.

La comicità è soprattutto forma. Come ben chiarisce lo sceneggiatore dei successi cinematografici di Benigni, Vittorio Cerami, nel manuale “A un giovane scrittore”, si fa ridere attraverso meccanismi, consolidati e addirittura codificabili, legati alla fisicità, la gestualità e l’empatia del comico. Quello che quest’ultimo comunica conta poco rispetto a “come” lo comunica.

Basta pensare alle barzellette: la loro riuscita sta nel “saperle” raccontare più che nel loro umorismo intrinseco.

Perciò nel giudicare Checco Zalone non bisogna ricadere nell’errore che aveva portato a classificare come “spazzatura”i film di Totò, salvo poi ricredersi e riconoscerne il valore.

Il film di un comico è malriuscito se non fa ridere, non se la sua “estetica visiva” o l’argomento trattato sono scadenti.

Checco Zalone, alias Luca Medici, sforna film pieni di gags e battute che divertono il vasto pubblico, il che taglia la testa al toro.

Ciò premesso, è perfettamente lecito un giudizio di merito sul comico pugliese, e non mi sottraggo a questo dibattito.

(continua dopo la pubblicità)

Di nuovo, vale quel che sostenni quando “Quo vado” uscì nelle sale.

Luca Medici, con il personaggio di Checco Zalone, riesce a far efficacemente satira. L’apparente grettezza e ignoranza del personaggio ( che chi lo interpreta sia persona di cultura, oltre che un bravissimo musicista, è ormai noto) non inganni: oggetto dell’irrisione non è il provinciale italico rozzo e plebeo. Checco è semmai il grimaldello, con la sua innocente gaglioffaggine, di vizi e difetti più trasversali, che riguardano i costumi e la mentalità del Bel Paese.

Come in Quo vado, dove il grottesco attaccamento al posto fisso di cui soffre il protagonista, se non ce ne fossimo accorti, lancia un messaggio scomodo: prima di dedicarsi allo sport nazionale di scagliar pietre contro i governanti che gestiscono malamente la cosa pubblica, i governati dovrebbero fare autocritica sui propri vizi , analoghi e probabilmente speculari.

I nostri ebook blank
(continua dopo la pubblicità)

Rino Casazza

Rino Casazza è nato a Sarzana, in provincia di La Spezia, nel 1958. Dopo la laurea in Giurisprudenza a Pisa, si è trasferito in Lombardia. Attualmente risiede a Bergamo e lavora al Teatro alla Scala Di Milano. Ha pubblicato un numero imprecisabile di racconti e 15 romanzi che svariano in tutti i filoni della narrativa di genere, tra cui diversi apocrifi in cui rivivono come protagonisti, in coppia, alcuni dei grandi detective della letteratura poliziesca. Il più recente è "Sherlock Holmes tra ladri e reverendi", uscito in edicola nella collana “I gialli di Crimen” e in ebook per Algama. In collaborazione con Daniele Cambiaso, ha pubblicato Nora una donna, Eclissi edizioni, 2015, La logica del burattinaio, Edizioni della Goccia, 2016, L’angelo di Caporetto, 2017, uscito in allegato al Giornale nella collana "Romanzi storici", e il libro per ragazzi Lara e il diario nascosto, Fratelli Frilli, 2018. Nel settembre 2021, è uscito "Apparizioni pericolose", edizioni Golem. In collaborazione con Fiorella Borin ha pubblicato tre racconti tra il noir e il giallo: Onore al Dio Sobek, Algama 2020, Il cuore della dark lady, 2020, e lo Smembratore dell'Adda, 2021, entrambi per Delos Digital Ne Il serial killer sbagliato, Algama, 2020 ha riproposto, con una soluzione alternativa a quella storica, il caso del "Mostro di Sarzana, mentre nel fantathriller Al tempo del Mostro, Algama 2020, ha raccontato quello del "Mostro di Firenze". A novembre 2020, è uscito, per Algama, il thriller Quelle notti sadiche.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie