MusicaNotizie flashsocietàSpettacolo

“Due Vite” di Marco Mengoni: ecco com’è nata la canzone che ha vinto Sanremo

"Tropico" Petrella svela i segreti del brano

(continua dopo la pubblicità)

Ancora complimenti a Marco Mengoni che ha vinto meritatamente Sanremo 2023 con il brano “Due Vite”, scritto con DavideTropico” Petrella e Davide Simonetta. Ma com’è nata la canzone?

Davide Simonetta
Davide Simonetta

Davide Simonetta e il Sanremo insonne del protagonista assoluto del Festival – GUARDA

blank Felpa con Cappuccio Donna Marco MENGONI Due Vite blank

Sanremo, Youtube “riscatta” Madame, Elodie, Rosa Chemical. E per Mr Rain è un trionfo – GUARDA

A spiegarlo sul suo profilo Instagram, poi ripreso da vari media e siti internet tra i quali Fanpage, ecco è proprio Tropico che, dopo aver pubblicato nelle storie un “box domande” con cui invitava i suoi follower a chiedergli qualsiasi cosa, ha risposto al quesito più atteso: “Raccontaci com’è nata Due Vite”.

blank

“Eravamo io e il maestro Davide Simonetta nel suo studio. Avevamo due giorni di session a disposizione – ha scritto -. Anche se nessuno dei due lo ha detto, perché certe cose non sono prevedibili, volevamo scrivere il brano per andare a vincere questo Sanremo. C’era un bel mood”, ha aggiunto.

Scopri le giacche più pazze del mondo! (Tipo quella di Amadeus…) – GUARDA

Ha raccontato che il primo giorno Simonetta ha provato un arpeggio che è stato di grande ispirazione e ha consentito loro di elaborare quasi tutto il pezzo, tranne il ritornello. Avevano già tutto il testo e tutta la melodia, è stata scritta di getto. Successivamente hanno curato solo l’arrangiamento: “Dopo una notte insonne, il giorno dopo c’era anche il ritornello e il primo provino dell’intera canzone”, ha rivelato.

Amazon Music, 100 milioni di brani in prova gratuita – GUARDA

marco mengoni sanremo

La ‘fantastica’ notte insonne (così l’ha definita, ndr), l’ha trascorsa in un ostello del piccolo paesino dove Simonetta ha lo studio. Ha raccontato che la mattina si scorgeva un po’ di sole dalla finestra e c’erano ancora gli ultimi fiori. “Mi sembrava un posto incredibile”, ha scritto. Ha poi aggiunto che erano certi che Marco Mengoni non si sarebbe sottratto, l’avrebbe interpretata e “portata magistralmente” una canzone così.

Prime Student, gli sconti e i vantaggi di Amazon riservati solo agli Studenti – GUARDA

“Abbiamo immediatamente pensato che fosse perfetta per lui”, ha aggiunto. “Quando abbiamo ascoltato il suo primo provino, continuavo ad averla in testa, era chiaro a tutti che avevamo una grande canzone tra le mani”.

Breaking Bad Style: oggetti di culto di una delle serie tv più amate – GUARDA

Così parlò via social, poi ripreso da tutti, Davide Petrella, autore ispiratissimo. Chapeau a lui e a Davide Simonetta da Bagnolo Cremasco.

Stefano Mauri 

(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie