Home / Delitti / Il più enigmatico delitto del Mostro di Firenze: Baccaiano 19 gugno 1982 (parte prima)

Il più enigmatico delitto del Mostro di Firenze: Baccaiano 19 gugno 1982 (parte prima)

Era l’estate magica del Mundial di Spagna.

Il 19 di giugno, ancora primavera secondo il calendario, nella campagna fiorentina faceva già un gran caldo.  I tifosi di calcio, dopo gli striminziti pareggi della Nazionale, col Perù il giorno prima, e con la Polonia il 14 giugno, erano delusissimi. Nessuno poteva immaginare che quel Campionato mondiale  l’Italia lo avrebbe vinto, riuscendo nell’impresa di eliminare il più forte Brasile della storia, strafavorito.

Il Mostro di Firenze e il metodo scientifico: dall’ “equazione di Volterra” ai “profili del serial killer” – GUARDA

Era molto più prevedibile, ahimè, che il Mostro di Firenze, protagonista l’anno prima di due impressionanti duplici omicidi, i primi con mutilazione del cadavere femminile, avrebbe potuto colpire ancora, visto che le indagini, dopo il vanificarsi della “pista Spalletti”, un equivoco “guardone”, erano a un punto morto.

Per la verità, erano in molti a confidare che il serial killer sarebbe rimasto quiescente per mancanza di vittime utili. Dopo l’immensa eco e l’ondata di paura seguita alle efferatezze del 1981, si pensava che le coppiette avrebbero evitato di far da bersaglio, astenendosi dall’appartarsi in solitari luoghi agresti.

I due fidanzatini Paolo Mainardi di 22 anni, e Antonella Migliorini di 19, ritenevano di essere al sicuro quando verso le 23 avevano parcheggiato l’auto, una 127 Seat di proprietà di Paolo, in uno spiazzo ai bordi di via Virginio nuova.

Mostro di Firenze – TUTTI I POST 

Prende questo nome, passando vicino a Baccaiano di Montespertoli, la Strada Provinciale del Virginio, ancora oggi trafficata anche di notte poiché porta verso l’ingresso dell’autostrada Firenze-Pisa-Livorno. I fari accesi delle automobili si susseguivano nell’una e nell’altra direzione a intervalli di qualche minuto, illuminando   la piccola area di sosta.

Nessun malintenzionato, col rischio di essere colto sul fatto dagli automobilisti di passaggio, si sarebbe azzardato ad avvicinarsi ai ragazzi che amoreggiavano dentro la Seat. Meno che mai era pensabile che  avrebbe fatto il famigerato “Mostro di Firenze”, sempre accorto  nell’agire.

“La leggenda del Vampa” e Il Mostro di Firenze : la dubbia colpevolezza di Pietro Pacciani – PARTE PRIMA

Ecco: qui sta il primo mistero che circonda il “delitto del Mundial”. La pessima scelta dell’obiettivo da parte del serial killer.

Era vero che alla sera la tv trasmetteva le partite del Campionato del Mondo, ma le strade si svuotavano solo in occasione degli incontri della Nazionale. Vero anche che in un vicino centro, Cerbaia, era in pieno svolgimento una sagra, ma  questo non avrebbe diminuito più di tanto il traffico sulla Provinciale, usata non solo per spostamenti locali.

La verità nascosta su Pietro Pacciani-GUARDA

“La leggenda del Vampa” e il Mostro di Firenze: la dubbia colpevolezza di Pietro Pacciani – PARTE SECONDA 

Questo è stato di gran lunga il delitto del “Mostro” scoperto più in fretta proprio perché ha richiamato l’attenzione di testimoni passati vicinissimo al luogo del crimine nella sua immediatezza.

Ma torniamo a via Virginio Nuovo alle 23 e 35 di quel 19 giugno. A quell’ora un automobilista, passando davanti allo spiazzo nota distintamente, parcheggiata col muso rivolto verso i campi circostanti, la Seat di Mainardi. Sarà l’ultimo a vederla in quella posizione.

Tra i dieci e i quindici minuti dopo passa un’altra automobile con a bordo due ragazzi, ma adesso la Seat è ferma, scompostamente, sull’altro lato della strada, a fari spenti, con le ruote posteriori dentro il fosso.

I testimoni hanno l’impressione di un guasto improvviso o di un incidente, ma proseguono pensando che l’auto sia vuota.

Le altre verità sul “Mostro di Firenze”: la strana e sconosciuta  storia del “cittadino amico”- GUARDA

Colti dal dubbio, tornano indietro dopo pochi minuti, incontrando sul posto  un’auto con due fidanzati che, appartatisi lì vicino, avevano sentito imprecisabili rumori e movimenti. I quattro guardano attraverso i finestrini della Seat, rimanendo agghiacciati.

Nell’abitacolo ci sono due corpi sporchi di sangue.

Riferiranno agli inquirenti che un uomo era accasciato al posto di guida e una donna riversa sul sedile posteriore.

La seconda è inerte, il primo invece da’ ancora segni di vita.

Le portiere sono bloccate.

Preoccupati, anche per il terribile sospetto che si tratti di vittime del “Mostro”, risalgono in automobile in cerca di un telefono per chiamare i Carabinieri e il Pronto Soccorso.

Dopo una ventina di minuti arriva l’ambulanza. I sanitari constatano la morte della ragazza, mentre il fidanzato, pur agonizzante, è ancora in vita.

Riferiranno agli inquirenti che entrambi stavano sul sedile posteriore.

“Al tempo del “Mostro” romanzo fantascientifico sul “Mostro di Firenze”- GUARDA 

Dopo molte tribolazioni per scardinare uno sportello ed estrarre Mainardi, lo caricano sul veicolo e lo trasferiscono a sirene spiegate  in un vicino ospedale, dove morirà nella notte senza riprendere conoscenza.

Nel frattempo, i Carabinieri effettuano i rilievi sul luogo del delitto.

LO STATO DELLA SCENA CRIMINIS (breve sunto dai verbali del processo)

Vengono recuperati nove bossoli, tutti tristemente noti per essere gli stessi sparati dalla pistola dal “Mostro” negli altri omicidi attribuitigli. Tre, stanno sulla strada vicino al fossato, davanti al muso dell’auto dalla parte del lato guida. Uno, sta sul ciglio della strada vicino alla piazzola dall’altra parte della carreggiata. Quattro, giacciono dentro la piazzola.

Il mostro di Firenze in un’insolita salsa: quella fantascientifica –

L’ultimo viene trovato dentro la Seat, sul tappetino posteriore destro.

I fari dell’auto e le luci di posizione sono infranti. Davanti al paraurti ne sono rimasti numerosi frammenti. Sul parabrezza, all’altezza del volto del guidatore, è presente il foro di un proiettile. Il finestrino sinistro è completamente in frantumi. Ne vengono trovati alcuni frammenti nella piazzola, vicino ai tre bossoli lì scoperti.

“La leggenda del Vampa” e il Mostro di Firenze: la dubbia colpevolezza di Pietro Pacciani – PARTE TERZA

Sul cruscotto della Seat, l’interruttore delle luci è in posizione accesa, come quello della plafoniera interna.

La ragazza giace sul divanetto posteriore sul lato destro, seduta con la testa reclinata all’indietro. Presenta due ferite d’arma da fuoco alla fronte, entrambe letali, e una ferita lacero contusa al naso, con frattura delle ossa nasali, di dubbia attribuzione a un proiettile di rimbalzo. Sulla caviglia destra vengono riscontrati segni recenti di ecchimosi.

Il ragazzo è stato raggiunto da quattro colpi d’arma da fuoco, uno alla spalla e tre alla testa. Due hanno provocato ferite serie; uno, penetrando nel cervello, è stato mortale. Vengono rilevati segni d’ecchimosi alle braccia, al tronco ed all’addome, e ferite da scheggia sotto la clavicola e sulla tempia sinistra.

Sullo schienale del sedile di guida è presente un estesa macchia di sangue, mentre un’altra macchia strisciata si estende lungo il lato destro del medesimo sedile.

ll libro di Rino Casazza sul Mostro di Sarzana

Altre abbondanti chiazze di sangue sono sul divanetto posteriore, sui montanti e sulla incorniciatura esterna del finestrino. Sul pianale interno vengono ritrovati un preservativo usato ed annodato, e un fazzoletto di carta con tracce di liquido seminale. Le chiavi della Seat vengono ritrovate in un campo lì vicino.

L’auto ha la retromarcia ingranata e il freno a mano è inserito per tre quarti. Le ruote hanno lasciato traccia di pattinamento.

I MISTERI DI BACCAIANO

Il quadro appena esposto continua a lasciare irrisolti due misteri.

L’ultimo Sherlock Holmes apocrifo di Rino Casazza 

Primo

Quali erano le intenzioni del “Mostro”?

Come già accennato, quella piazzola ai bordi di Via Virgino Nuova non era posto adatto per le sue efferate scorribande. Troppo vicina ad una strada percorsa da traffico regolare.

Non a caso il “Mostro”, nei due omicidi del 1981, aveva assalito coppiette in luoghi solitari. L’isolamento del luogo del delitto era necessario per portare a termine quello che oramai appariva come lo scopo principale delle sue azioni: mutilare il corpo della donna asportandone il pube.
Tale attività  richiedeva tempo e agio anche perché preceduta dal rituale di trasferire il cadavere all’esterno dell’automobile, come per simbolicamente separarlo dal partner e dal luogo dell’amplesso.

Riguardo al delitto di Baccaiano non è certo che il “Mostro” volesse arrivare fino a questo punto. Non si può escludere che si “accontentasse” di uccidere gli amanti.

Non persuade che si ripromettesse di tirar fuori dall’abitacolo il corpo inerte della ragazza, accasciato sul sedile posteriore di un’auto con solo le portiere anteriori, in un luogo così esposto agli sguardi degli automobili di passaggio.

“La leggenda del Vampa” e il Mostro di Firenze: la dubbia colpevolezza di Pietro Pacciani – PARTE QUARTA

Certo, se tutto fosse girato per il verso giusto, il “Mostro” sarebbe anche potuto riuscire a trascinare, non visto, il corpo di Antonella lungo il viottolo che portava ai campi sottostanti, verso il greto del fiume Virgino, e qui procedere indisturbato alle mutilazioni. Ma tanta spericolatezza gli conveniva?

Dobbiamo ritenere che abbia agito sotto un impulso irrefrenabile? Di cui era rimasto preda passando da quelle parti in auto e notando la Seat coi due ragazzi parcheggiata nella piazzola?

Mostro di Firenze: l’anno e irrisolto enigma della pistola. Che fine ha fatto?-GUARDA

I dubbi di una simile versione continuano a giustificare l’alternativa che il “Mostro” avesse in realtà pianificato di uccidere i ragazzi nell’abitacolo, per poi mettersi alla guida dell’automobile e raggiungere uno dei molti posti isolati nella zona, dove eseguire  le sevizie sul corpo della ragazza senza rischio d’interferenze.

Secondo

Quali movimenti ha fatto, e come, il corpo di Paolo Mainardi dentro la Seat?  All’indomani del delitto, gli inquirenti si sono trovati alle prese con questo vero e proprio rompicapo, degno di un romanzo di John Dickinson Carr. Le testimonianze dei primi soccorritori, secondo cui il corpo del ragazzo si trovava sul sedile del guidatore, e del personale dell’ambulanza, che sostengono invece di averlo prelevato da quello posteriore, rendono arduo, se non impossibile, ricostruire una corretta dinamica dell’omicidio.

Infatti, in sede processuale ci si è orientati a considerare una delle due versioni frutto di  ricordi falsati. Certo è singolare che un gruppo di  persone confermino per errore la stessa circostanza.

I giudici hanno attribuito la svista al personale dell’ambulanza, stabilendo che il corpo di Mainardi non si è mai mosso dal sedile anteriore. Desta perplessità che si sia considerata inattendibile la testimonianza degli addetti al pronto soccorso, esperti nel recupero di vittime di incidenti stradali e per di più a lungo impegnati dentro l’abitacolo della Seat, al contrario dei ragazzi primi accorsi, che vi avevano dato solo uno sguardo dall’esterno.

E’ da notare che, qualora si fosse scelto di credere alla testimonianza dei barellieri , la confessione del delitto di Baccaiano da parte del “pentito” Giancarlo Lotti al processo ai “compagni i merende” sarebbe risultata non veritiera, minando l’intero impianto accusatorio.

(continua)

Rino Casazza

GLI ULTIMI LIBRI DI RINO CASAZZA: GUARDA

 

Chi è Rino Casazza

Rino Casazza è nato a Sarzana, in provincia di La Spezia, nel 1958. Dopo la laurea in Giurisprudenza a Pisa, si é trasferito in Lombardia. Attualmente risiede a Bergamo e lavora a Milano. E’ da sempre un appassionato (come lettore, prima che come autore) della letteratura "di genere" in tutte le sue sfaccettature: giallo-noir, horror, fantascienza ecc. ecc. Altra sua grande passione sono il cinema, come testimonial la tesi di laurea sulla censura cinematografica, e il teatro, frequentato non solo come spettatore ma anche, in gioventù, come praticante dilettante. Il suo primo testo "letterario" è infatti la trasposizione teatrale della novella di Buzzati "Iago", di cui nel 1985 ha osato una regia. Ha pubblicato diversi thriller, tra cui "La logica del Burattinaio", scritto con Daniele Cambiaso ed edito da Algama, ispirato al serial killer bambino William Vizzardelli. Specializzato sui romanzi apocrifi sugli investigatori più noti di sempre, il suo ultimo giallo è "Sherlock Holmes, Padre Brown e l'ombra di Dracula"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.