Home / News / Equals, di Drake Doremus: come può uno scoglio arginare il mare?

Equals, di Drake Doremus: come può uno scoglio arginare il mare?

equals-2

 

Chi non ricorda i versi che Mogol, nella canzone “Io vorrei, non vorrei…”, scritta su musica di Lucio Battisti, dedica all’inarrestabilità dell’amore: “come può uno scoglio arginare il mare/anche se non voglio torno già a volare”?

Il succo del film “Equals” di Drake Doremus, fresco uscito nelle sale italiane, è tutto qui.

In un futuro non troppo lontano, i disastri provocati da una guerra totale inducono i governanti a modificare la psicologia della razza umana con un intervento mirato di ingegneria genetica: tutti vengono trasformati, fin dalla nascita, in copie dell’indimenticabile vulcaniano Mr. Spock di Star Trek, ovvero individui senza emozioni.

Ne deriva una società supertecnologica ordinatamente organizzata, in cui le relazioni personali sono funzionali alle attività necessarie per la sopravvivenza (cibarsi, dormire ecc ecc) e a quelle utili per il progresso della scienza e l’esplorazione dello spazio, in vista di un trasferimento in migliori lidi.

LE RECENSIONI DI RINO CASAZZA – The signal, di William Eubank

Uomini e donne, tutti vestiti uguali, in bianco, si muovono e interagiscono con composta pacatezza. Il sesso è esluso e e la procreazione un fatto tecnico: le donne, quando serve, sono chiamate al “servizio di gravidanza”, ottenuta con l’inseminazione artificiale.

Tutto perfetto, ma c’è un ma.

L’emotività non è completamente debellata. Essa ricompare in una minoranza di soggetti, ritenuti infetti e trattati con cure farmacologiche quando il “contagio” è in forma lieve, ma poi, se si aggrava, con l’internamento, sino ad arrivare alla soppressione.
Ovviamente, il più temuto sintomo di questa malattia ( chiamata, giocando sull’acronimo, S.O.S., ovvero Switced-On Sindrome, “Sindrome dell’accensione”) è il contatto fisico, dettato dalla passione amorosa, tra uomini e donne.

LE RECENSIONI  DI RINO CASAZZA  – Mia madre, di Nanni Moretti

Ce n’è abbastanza per costruirci sopra la classica storia d’amore contrastata, questa volta non per l’ inconciliabile estrazione degli innamorati, come in Romeo e Giulietta, cui il film a un certo punto strizza addirittura l’occhio, ma per la sua illegalità .

Il film ha tutto per piacere al pubblico degli adolescenti, e quello adulto che s’appassiona alle “love story”, a cui (clamorosamente?) mi ascrivo, ricordando che il più bel romanzo d’amore è di fantascienza, un connubio quindi felice: “Time bid return”, nella versione italiana Appuntamento nel tempo, scritto dal grande Richard Matheson.

LE RECENSIONI DI RINO CASAZZA – Una notte per sopravvivere, di Jaume Collet-Serra 

La scenografia è ben costruita, con effetti speciali efficaci ma blandi. Non serve abbondarvi per rendere l’atmosfera di inquietante calma che regna in questo futuro “distopico” in cui baciarsi equivale ad avere la lebbra.

Rino Casazza

LA LOGICA DEL BURATTINAIO E TUTTI I LIBRI DI RINO CASAZZA:

La logica del Burattinaio, nella mente del serial killer
Bergamo sottosopra. Un’avventura di Auguste Dupin e Giuseppe Giacosa
Il Fantasma all’Opera
Tutto in venti ore
Bart

Chi è Rino Casazza

Rino Casazza è nato a Sarzana, in provincia di La Spezia, nel 1958. Dopo la laurea in Giurisprudenza a Pisa, si é trasferito in Lombardia. Attualmente risiede a Bergamo e lavora a Milano. E’ da sempre un appassionato (come lettore, prima che come autore) della letteratura "di genere" in tutte le sue sfaccettature: giallo-noir, horror, fantascienza ecc. ecc. Altra sua grande passione sono il cinema, come testimonial la tesi di laurea sulla censura cinematografica, e il teatro, frequentato non solo come spettatore ma anche, in gioventù, come praticante dilettante. Il suo primo testo "letterario" è infatti la trasposizione teatrale della novella di Buzzati "Iago", di cui nel 1985 ha osato una regia. Oltre a numerosi romanzi brevi (tra cui quelli che hanno come protagonista il prete detective Don Patrizio Bruni) e racconti su pubblicazioni, riviste e collane varie, ha pubblicato cinque romanzi, tra cui, lo scorso giugno, il giallo Bergamo sottosopra, 0111 Edizioni. E a luglio il thriller, scritto con Daniele Cambiaso "La logica del Burattinaio", edito da Algama e ispirato al serial killer bambino William Vizzardelli

Leggi anche

“La sindone del Diavolo” di Giulio Leoni: la vita nuova di Dante Alighieri

Inizio questa recensione con un rammarico. E’ vero che non si può leggere tutto ( …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com