Home / News / “Air, i custodi del risveglio”: quando l’intera Terra è un Deserto dei Tartari

“Air, i custodi del risveglio”: quando l’intera Terra è un Deserto dei Tartari

_MG_4850.CR2

Il regista di questo film dello scorso anno, Cristian Cantamessa, nostro connazionale nato a Savona nel 1976, lavora all’estero, negli Stati Uniti, con successo, come ideatore di videogames. In questo campo è considerato uno dei migliori al mondo: per esempio si deve al suo contributo di sceneggiatore “Red dead redempion”, gioco di ambientazione western pluripremiato e stravenduto.
Confesso che mi sono accostato al suo esordio cinematografico con diffidenza. Non che disprezzi i videogiochi, tutt’altro ma, per come intendo il cinema di fantascienza ( gusti personali, naturalmente), importandovi la grande spettacolarità e spesso il crudo realismo dei giochi elettronici si rischia di perdere il risvolto speculativo e riflessivo che rende affascinante la science-fiction. Anche se, a onor del vero, non mancano esempi di bei film fantascientifici incentrati sui videogames, ad esempio il memorabile Thron, storia di un uomo che, appunto, finisce dentro a un videogioco. E altresì innegabile che molte sequenze di combattimento di un ciclo cult come “Guerre Stellari” siano volutamente, e felicemente, ispirate agli scenari dei giochi elettronici. E come dimenticare il pur non eccelso Edge of tomorrow, uscito due anni fa, basato su un caposaldo dei videogames, il rimbalzo al punto di partenza del giocatore che fallisce la prova?
Cantamessa mi ha sorpreso.
Per il suo film, ha scelto una cornice che incrocia due temi classici, per non dire abusati, della fantascienza: il “day after tomorrow”, ovvero una Terra ridotta a deserto inabitabile da una guerra nucleare o altra misteriosa contaminazione, e il “viaggio in animazione sospesa “, ovvero la riduzione di un gruppo di prescelti allo stato larvale in attesa del risveglio. Al contrario di quanto accade nelle space operas i dormienti non aspettano lapprodo a un pianeta lontano, ma il miglioramento delle condizioni terrestri.
All’interno di questa cornice, il film colloca le figure, anch’esse classiche, di due sorveglianti che sono chiamati a risvegliarsi periodicamente per svolgere compiti di manutenzione dell’impianto “criogenico” sotterraneo.
Cantamessa riesce a tirar fuori da questa labile e monotona ambientazione una storia di pura atmosfera, che si regge sulla enigmatica suspance dei rapporti tra i due protagonisti, entrambi stressati e alienati. Fino alla fine, ed anche oltre, rimane incerto chi sia il buono e il cattivo, quali siano le loro reali motivazioni, e che senso abbia l’esperienza che stanno vivendo.
Una sensazione di mistero finisce per avvolgere sempre più lo spettatore, sino a fargli apparire il chiuso rifugio che accoglie i due come una novella “Fortezza Bastiani” dove, forse, tutto quanto esiste ed accade è semplicemente assurdo e senza speranza.

Chi è Rino Casazza

Rino Casazza è nato a Sarzana, in provincia di La Spezia, nel 1958. Dopo la laurea in Giurisprudenza a Pisa, si é trasferito in Lombardia. Attualmente risiede a Bergamo e lavora a Milano. E’ da sempre un appassionato (come lettore, prima che come autore) della letteratura "di genere" in tutte le sue sfaccettature: giallo-noir, horror, fantascienza ecc. ecc. Altra sua grande passione sono il cinema, come testimonial la tesi di laurea sulla censura cinematografica, e il teatro, frequentato non solo come spettatore ma anche, in gioventù, come praticante dilettante. Il suo primo testo "letterario" è infatti la trasposizione teatrale della novella di Buzzati "Iago", di cui nel 1985 ha osato una regia. Oltre a numerosi romanzi brevi (tra cui quelli che hanno come protagonista il prete detective Don Patrizio Bruni) e racconti su pubblicazioni, riviste e collane varie, ha pubblicato cinque romanzi, tra cui, lo scorso giugno, il giallo Bergamo sottosopra, 0111 Edizioni. E a luglio il thriller, scritto con Daniele Cambiaso "La logica del Burattinaio", edito da Algama e ispirato al serial killer bambino William Vizzardelli

Leggi anche

Un interessante filone narrativo: la “fantaletteratura”.

Mi ha sempre appassionato la cosiddetta “ucronia”, sottogenere della fantascienza (ma potrebbe esserlo anche della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com