Culturesocietà

Dark side, dal 7 maggio la webserie sulla Storia segreta d’Italia – VIDEO

Un format di interviste video sui social, in collaborazione con Radio Radicale

Un viaggio articolato in 8 puntate sui misteri italiani, in diretta ogni giovedì sera, alle 21, dal 7 maggio al 25 giugno, trasmesse sulla pagina Facebook Gianluca Zanella Editing, in collaborazione con Radio Radicale. Con alcuni tra i più noti giornalisti d’inchiesta italiani, esperti di intelligence, magistrati e avvocati. Nella prima puntata, il 7 maggio, Stefania Limiti dialoga con Enzo Ciconte sui Poteri occulti

 

 

Il progetto Dark side  nasce sostanzialmente dal mio personalissimo interesse verso il lato oscuro della nostra storia recente e, perché no, della nostra quotidianità. Cronaca nera, criminalità organizzata, terrorismo, anni di piombo, eversione, servizi segreti. Non c’è un intento voyeuristico, ma l’interesse di sviscerare a fondo singoli episodi o fenomeni più ampi con la volontà di fornire chiavi di lettura, possibili spiegazioni, o semplicemente porre domande.

blank

I NOMI

Avvalendomi dei contatti stretti in molti anni di lavoro nel campo editoriale e con il supporto imprescindibile di Marcello Altamura, giornalista e scrittore che mi aiuta a mettere in piedi questo palinsesto, l’idea è stata quella di dare vita a un format dove ad essere protagonisti sono grandi conoscitori dei temi affrontati: giudici come Guido Salvini, esperti d’intelligence come Aldo Giannuli, avvocati come Valter Biscotti e bravi giornalisti, tra cui Monica Zornetta, Edoardo Montolli, Giovanni Fasanella e altri.

LA PRIMA EDIZIONE

In questa prima edizione (spiegherò poi perché parlo di prima edizione) si spazia da un focus sulle Nuove BR, alla strage di Erba, dall’unico caso italiano di serial killer “di coppia” come Ludwig a casi controversi e divisivi come la strage di Piazza Fontana. Un viaggio articolato in 8 puntante, in diretta ogni giovedì sera, alle 21, dal 7 maggio al 25 giugno, trasmesse sulla pagina Facebook Gianluca Zanella Editing. Un viaggio dove, accanto ai relatori di altissimo spessore, ad essere protagonista è il pubblico. Sì, perché l’intento primario di questo format – e la caratteristica che lo rende unico nel suo genere – è quello di rendere parte attiva delle singole puntate le persone da casa, che possono commentare in diretta, fare domande, talvolta anche intervenire, in un’ottica di dinamismo e confronto che manca in trasmissioni canonicamente televisive come Blu Notte, Chi l’ha visto? Quarto Grado e simili.

Un format, questo, su cui lavoriamo da tempo, ma che siamo stati costretti a realizzare in modo veloce per non vederci sottratta l’idea. La nostra forza, quella che ci ha permesso di realizzare il progetto nell’arco di una settimana, è di essere un team ristretto ma collaudato e con un obiettivo in comune: quello di realizzare qualcosa di valido, interessante, riconoscibile per qualità. Oltre a me, Gianluca Zanella, giornalista, editor e agente letterario, c’è il già citato Marcello Altamura, giornalista delle Cronache di Napoli, autore dell’unica monografia sul capo brigatista Giovanni Senzani (Il professore dei misteri, Ponte alle Grazie, 2019), e Andrea Piras, grafico, web designer, videomaker ed esperto di comunicazione. Senza alcun tipo di sostegno esterno, ci siamo rimboccati le maniche sicuri di fare qualcosa di apprezzabile e con l’intento dichiarato – se la risposta del pubblico sarà buona – di replicare l’esperienza a partire da settembre/ottobre, stavolta in modalità ancora più strutturata, con nuovi ospiti e, possibilmente, con partnership importanti e sponsor che ci permettano di sostenere le spese che inevitabilmente stiamo affrontando di tasca nostra.

I MISTERI

L’idea è di mantenere anche in futuro il format online, senza rinunciare – non appena sarà possibile – a incontri, seminari, vere e proprie lectio magistralis aperte al pubblico. Già adesso stiamo delineando il futuro palinsesto. Batteremo strade che ora non abbiamo avuto il tempo di percorrere, come il mondo del dark web, con i suoi pericoli e le sue degenerazioni; tenteremo di mettere a fuoco entità misteriose con sede all’estero – come la scuola di lingue Hyperion e l’Aginter press – ma che hanno avuto un profondo impatto sul nostro Paese; affronteremo casi di cronaca nera recenti, come il delitto di Perugia e l’ingerenza degli Stati Uniti nella vicenda; ma soprattutto, stiamo cercando di delineare dei focus su singole Regioni e, ancora più nello specifico, su singole città. Ecco che allora sarà inevitabile, giusto per fare un esempio, dedicare una o più puntate di Dark side – storia segreta d’Italia a Roma, concentrandoci sul fenomeno Mafia Capitale, sul clan dei Casamonica e sul diffuso fenomeno dell’usura in tutte le sue sfaccettature. Allo stesso modo ci concentreremo su Napoli, Milano, Torino, Palermo, sempre cercando di dare alle nostre puntate un taglio originale, mai scontato, con la volontà – se possibile – di aprire serie riflessioni sui casi e i fenomeni raccontati senza limitarci al gossip di basso livello.

Se è poi vero che molte puntate prendono spunto o ruotano attorno a uno o più libri, non si tratterà di “presentazioni” in senso stretto. Certo, il riferimento alle pubblicazioni sarà sempre presente, ma l’intento è quello di andare oltre, di raccontare anche – anzi soprattutto – il lavoro di inchiesta che ha portato alla realizzazione di un libro, i retroscena, l’accoglienza presso il pubblico, gli eventuali “effetti collaterali”.

RADIO RADICALE

Attualmente il progetto – che si profila con un vero e proprio banco di prova – ha riscosso un notevole interesse da parte dei media. In particolare, forse uso un termine improprio, sarà partner di questa fase Radio Radicale, che ci seguirà passo dopo passo, caricando sul suo sito ogni singola puntata a poche ore dal termine, con l’intera sbobinatura della registrazione annessa. Inutile dire che per noi è non solo una grande soddisfazione, ma un importante incoraggiamento per andare avanti.

***

LA PRIMA PUNTATA

Giovedì 7 maggio
ore 21.00

Poteri occulti

blank
 
Stefania Limiti dialoga con Enzo Ciconte

blank

“Il tema dei poteri occulti è essenziale per la comprensione del nostro Paese, sfuggente e inafferrabile per natura, l’argomento lascia smarriti, un po’ persi tra le nuvole di ciò che esiste ma non è”. È l’incipit del libro pubblicato da Stefania Limiti con Rubbettino a offrire il quadro più esaustivo dell’argomento di questo interessante appuntamento. L’autrice di best seller come L’Anello (Chiarelettere) e Doppio livello (Chiarelettere), racconta il lato oscuro del potere in tutte le sue forme e in tutte le sue inquietanti implicazioni.

Ad accompagnarla in questo excursus Enzo Ciconte, consulente dal 1997 al 2008 presso la Commissione parlamentare antimafia, docente universitario e autore di numerosi libri in cui esplora e analizza il mondo della criminalità organizzata, con particolare riferimento al fenomeno della ‘Ndrangheta.

Poteri occulti, di Stefania Limiti, Rubbettino editore – GUARDA

IL PROGRAMMA

blank

Due parole su questo sito blank

Gianluca Zanella

Gianluca Zanella, giornalista, editor e agente letterario. Dal 2015 collabora con alcune tra le maggiori realtà editoriali del panorama italiano. Specializzato in libri d'inchiesta, tra i molti titoli su cui ha lavorato troviamo Nome in codice Siegfried di Adriano Monti e Alessandro Zardetto (Chiarelettere, 2016); Supernova e Il Sistema Casaleggio, di Nicola Biondo e Marco Canestrari (Ponte alle Grazie, 2018); Dietro il mephisto del Comandante Alfa (Longanesi, 2020). Per la narrativa, ha riscoperto il caso letterario Frieda, di Christophe Palomar, già pubblicato da una piccola casa editrice nel 2015 e ripubblicato da Ponte alle Grazie nel 2020. Collabora con Aise (Agenzia internazionale stampa estera) dal 2018. Per Ponte alle Grazie cura l'ufficio stampa del settore inchieste e nel 2018 ha fondato Gianluca Zanella Editing, service per case editrici e privati.

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button