Bar SportNotizie flashSocial Starsocietà

Cesare Prandelli? Dieci anni fa intuì il declino del calcio italiano. Ora ha spunti per ripartire

L’ex commissario tecnico azzurro sarebbe un grande presidente federale tecnico

Cesare Prandelli, bella persona ed ex Commissario tecnico della nazionale azzurra, dimessosi (Chapeau) dopo il disastroso Mondiale (ma poi c’è chi ha fatto peggio ed è rimasto al suo posto) 2014, grande calciofilo e uomo di calcio, sarebbe uno straordinario presidente della Federcalcio. Non a caso, il cavalier Giovanni Arvedi, proprio a lui voleva affidare il ruolo di general manager calcistico della sua Cremonese. Ebbene, Prandelli, intervistato da Rai Radiouno, dopo l’eliminazione dell’Italia di Spalletti dall’Europeo, come sempre gli accade, ecco ha detto cose banali e illuminanti: “Da 15 anni seguiamo delle mode, del possesso palla, dei giochisti. Abbiamo prodotto dei buoni giocatori, non ottimi, a centrocampo. Ma abbiamo perso le punte, gli esterni, quelli capaci di affrontare l’uno contro uno.

Adesso, per recuperare ci vuol tempo, allestendo un programma sportivo che parta dai bambini e per questo serve la collaborazione di Federcalcio e Lega.

Sostengo da tempo che la Federazione dovrebbe crescere in casa i selezionatori, a partire dagli ex campioni del mondo. Ora è facile dire che Spalletti non è un selezionatore, ma contro la Svizzera Luciano cosa poteva fare? Ci sono mancati temperamento, carattere, determinazione. Ci fosse stato in campo un Chiellini sarebbe stato diverso. I protagonisti sono i giocatori. Rischiamo di non andare ancora ai Mondiali? Il rischio c’è eccome. Quando fummo eliminati nel 2014 io dissi,,, Siamo sicuri che nei prossimi anni ci andremo. Non riusciamo a proporre giocatori in prima squadra, a farli crescere, a dar loro una forza morale e quindi li perdiamo. Forse la Federazione deve fare qualcosa in più, deve cercare di farli crescere in casa i ragazzi. Multietnicità? Il tema è molto interessante. Ma se noi abbiamo le scuole calcio dove devi pagare, i nuovi italiani non hanno la possibilità di farlo. Dobbiamo dare la possibilità a questi ragazzi di aiutarci, ne abbiamo bisogno”. Così l’ex Ct (cremonese – bresciano – cremasco) Cesare Prandelli, ospite di ‘Radio anch’io Sport’ sui Rai Radiouno, sulla crisi del calcio italiano e il fallimento della Nazionale all’Europeo. Ah quella di rendere gratis o almeno accessibili a tutti le scuole calcio non è una brutta idea. No?

Stefano Mauri 

Quando i lettori comprano attraverso i link Amazon ed altri link di affiliazione presenti sul sito - nei post in cui è presente un prodotto in vendita - Fronte del Blog potrebbe ricevere una commissione, senza però che il prezzo finale per chi acquista subisca alcuna variazione.

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie