MusicaNotizie flashsocietàSpettacolo

Elodie, sarà Carolina Bubbico a dirigerla a Sanremo

Meravigliosamente Donna la direttrice d’orchestra per il pezzo Due

(continua dopo la pubblicità)

Già, dopo aver trionfato coi “Tenori Mistici” del trio “Il Volonel 2015, l’artista Carolina Bubbico quindi torna al Festival di Sanremo come direttrice d’orchestra. Sì, la brava Carolina guiderà Elodie sul palco dell’Ariston. La musicista e compositrice salentina, così via social, entusiasta ha commentato il suo grande ritorno in Riviera:

“A febbraio avrò l’onore e la gioia infinita di dirigere l’orchestra e cantare al fianco di un’artista e una donna che minuto dopo minuto stimo e adoro sempre di più. Elodie è il meglio che potessi desiderare: amore, purezza, generosità, spontaneità e un cuore grandissimo!”.

blank

Dunque, dopo è “Tutta colpa mia” e “Andromeda”, la sensualmagica Elodie gareggerà alla 73esima edizione di Sanremo, con un brano intitolato “Due. Lunedì scorso 9 gennaio, terminate le vacanze di Natale, la cantante, a meno di un mese dall’inizio dell’ambita kermesse musicale, è andata in Liguria per prendere parte alla prima prova generale con l’orchestra indossando, per l’occasione, un paio di pantaloni palazzo. E pure così vestita, ha lasciato il segno.

blank blank

 

Scommettiamo che… tanto con la sua voce particolare e da podio, quanto coi suoi look squarcianti, Elodie non passerà inosservata al Festival della Canzone Italiana in arrivo?

Stefano Mauri

(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie