Bar SportNotizie flashsocietà

Mino Raiola è morto: “Ha lottato come un leone, ma non ha vinto la malattia”

Lutto nel mondo del calcio: il super procuratore che si era fatto da solo e dal nulla si è spento a 54 anni

(continua dopo la pubblicità)

Mino Raiola è morto a soli 54 anni. Il re dei procuratori, del quale due giorni fa era diventata virale la falsa notizia della scomparsa, non ce l’ha fatta stavolta davvero a superare le condizioni gravissime in cui versava al San Raffaele

mino raiola

Mino Raiola. è scomparso all’età di 54 anni. Stavolta purtroppo la notizia è confermata ed è un grave lutto nel mondo del calcio. A darne notizia la famiglia con un comunicato ufficiale:

“Con infinito dolore annunciamo la scomparsa di Mino, il più straordinario procuratore di sempre. Mino ha lottato fino all’ultimo istante con tutte le sue forze proprio come faceva per difendere i calciatori. E ancora una volta ci ha resi orgogliosi di lui, senza nemmeno rendersene conto. Mino è stato parte delle vite di tanti calciatori e ha scritto un capitolo indelebile della storia del calcio moderno. Ci mancherà per sempre e il suo progetto di rendere il mondo del calcio un posto migliore per i calciatori sarà portato avanti con la stessa passione. Ringraziamo di cuore coloro che gli sono stati vicini e chiediamo a tutti di rispettare la privacy di familiari e amici in questo momento di grande dolore”

L’ironia social della Pergolettese sul non gioco della Juventus di Allegri – GUARDA

Nato a Nocera Inferiore nel 1967, migrato con la famiglia in tenera età in Olanda, Mino mosse i primi passi professionali nel mondo del lavoro, dividendosi tra la pizzeria di famiglia e i fast food. A 19 anni si reinventa procuratore calcistico e, praticamente, diventa nel campo il migliore: Ibra, Balotelli, De Ligt, Haaland, Donnarumma, Verratti, Pogba e tanti altri i calciatori in procura con e da lui.

Le sia lieve la terra Mino Raiola: ha lasciato un segno sulla terra, non sarà dimenticato.

Stefano Mauri

(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie