Bar SportNotizie flashsocietà

Carlo Ancelotti: “Alla Juve odiato per il mio passato. Calciopoli? Giusto ripulire il calcio italiano”

Mister Max Allegri invece guarda avanti: “Niente rivoluzioni, ma innesti mirati”

(continua dopo la pubblicità)

Carlo Ancelotti si racconta alla tv spagnola. E si ricorda di quando era a Torino: “Mi odiavano per aver giocato nel Milan, a volte dovevo uscire con la polizia”

Carlo ancelotti

Mister Carlo Ancelotti, il trainer del Real Madrid, nelle scorse ore ha ripercorso alcune delle tappe più importanti della sua carriera e si è così confessato, in una lunga intervista rilasciata al programma TV Universo Valdano:

“La Juventus? Mi odiavano per aver giocato nel Milan, a volte dovevo uscire con la polizia. Non abbiamo vinto titoli, siamo arrivati secondi due volte… Non è stata un grande esperienza”.

carlo ancelotti

Carlo Ancelotti su Calciopoli

Ma non finisce qui: “Calciopoli? Mi sembrava positivo che il calcio italiano venisse ripulito. Tutto comunque era organizzato in modo fantastico lì. Ripeto non ho trascorso un bel periodo a causa del mio passato al Milan e alla Roma, ma ho imparato molto perché è un club di alto livello”.

Perché la Juve prese Sarri invece di Ancelotti? – Hubner e la volata scudetto – GUARDA

Un commento? Il Carletto internazionalpopolare, a Torino ha fatto bene e, probabilmente meritava di ritornare sulla panchina juventina nell’esatte 2019, al posto del maestro Sarri.

allegri

Silenzio, parla Allegri

Detto ciò passiamo all’attuale condottiero tattico bianconero Max Allegri, il quale, dopo la preziosa vittoria esterna dei suoi ragazzi a Reggio Emilia sul Sassuolo, ecco ha detto cose interessanti sul futuro:

(continua dopo la pubblicità)

“Siamo arrivati a questo punto della stagione in questa situazione con una crescita della squadra, dopo un inizio disastroso non saremmo arrivati a questo momento. Non ci devono essere rimpianti. Abbiamo fatto delle partite buone e importanti contro il Villarreal, contro l’Inter e l’Atalanta in casa ma non ne abbiamo vinta una”.

allegri

“Il calcio è il contrario di quello che dimostra sul campo. Col sassuolo la squadra ha lottato nelle difficoltà conto un team che ha tecnica. Come mai Vlahovic è così arrabbiato? E’ un giovane, nel senso che ha poca esperienza di calcio. Pretende molto da sé stesso, deve rimanere più sereno. Io parlo molto con lui”.

allegri

“Deve trovare un equilibrio e lo torva attraverso le partite giocate e la crescita. A volte sbaglia dei palloni per la troppa frenesia che ha addosso. Un ragazzo di 22 anni è nomale possa vivere queste situazioni con frenesia. Non servono rivoluzioni alla squadra, ma inserimenti mirati”.

Così parlò Allegri.

Stefano Mauri

 

I nostri ebook blank
(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie