Bar SportNotizie flashsocietà

Filippo Inzaghi e la cronaca di un esonero annunciato: non è più l’allenatore del Brescia

(continua dopo la pubblicità)

Con l’uscita di scena di Filippo Inzaghi, il presidente Cellino per il momento ha scelto mister Corini, ma intanto pensa a Liverani?

 

Tanto tuonò quindi che, alla fine, piovve e Filippo Inzaghi non è più l’allenatore del Brescia, squadra in lotta per provare a tornare in serie A. Questa, la nota ufficiale, presa dal sito web istituzionale bresciano: “Brescia Calcio comunica di aver sollevato dall’incarico di tecnico della Prima Squadra Filippo Inzaghi.Il Club ringrazia l’allenatore piacentino per il lavoro svolto rivolgendogli un sincero in bocca al lupo per il prosieguo della carriera”.

Sinisa Mihajlovic: “La malattia è coraggiosa per tornare a sfidare uno come me” – GUARDA

FILIPPO INZAGHI

Chi è in lizza al posto di Filippo Inzaghi

Al suo posto il presidente Massimo Cellino ha scelto Eugenio Corini, che siederà così per la terza volta sulla panchina brescianaAh … rumors provenienti dalla Bassa Bresciana, tra l’altro dicono che, per il prossimo campionato, indipendentemente da come finirà la stagione Corini, Cellino affiderà la sua compagine a mister Liverani. Pettegolezzi o sussurri fondati?

L’ADDIO DI INZAGHI

Filippo Inzaghi, pronto ad avviare un contnezioso legale col suo ex datore di lavoro, ai social ha così salutato i bresciani…

“Nove mesi fa sono arrivato a Brescia carico di voglia di fare, di ritornare in una piazza calda per costruire qualcosa di bello in due anni di progetto; mi era stato chiesto un consolidamento della squadra in serie B, con un sogno play-off, dal quale era nato l’impegno della società a non esonerarmi qualora la squadra fosse rimasta tra le prime otto, ad evidenziare che, se si fosse raggiunto quello obiettivo, nulla avrebbe potuto togliermi il posto.

Chi mi conosce sa che sono ambizioso, pertanto dentro di me il sogno dei play-off è diventato un obiettivo di partenza, perché io sono fatto così, se non rendo e non faccio a vendere al mille per mille divento pazzo. E così è stato. Sono stati mesi di costruzione e di duro lavoro, di conquiste ed inaspettati primi posti. Tra me e la città è stato subito amore. Calorosa, discreta e mai caotica, mi ha accolto come una famiglia.

A Brescia è nato mio figlio e qui staremo per un po’. Assieme all’enorme rammarico per questo esonero, comunicato con una fredda e-mail senza nemmeno una telefonata, lascio un gruppo splendido che mi sono sudato, lascio un treno in corsa che non avrei mai voluto lasciare, ma lascio soprattutto un pezzo di me dentro ad ognuno dei miei giocatori che spero si ricorderanno che il calcio si basa sul rispetto, sulla professionalità, sull’appartenenza e sull’amore verso questo sport.

Mi sarebbe piaciuto divertirmi ad arrivare fino in fondo a questo anno incredibile. Ma si sa, anche questo è il calcio fatto di alti, di passi e di colpi di scena. Dopo trent’anni nel calcio che conta continua ancora a stupirmi, e amo questo sport anche per questo. Finisce questa avventura così, senza alcun rammarico. Con grande dignità lascio il testimone a chi verrà dopo di me augurandogli ogni vittoria possibile per questa città che merita davvero tanto.

(continua dopo la pubblicità)

Ci tengo però a concludere con una riflessione che verrà approfondita nelle sedi competenti. seppure privilegiati anche noi sportivi siamo dei lavoratori, soggetti ad obblighi, doveri e diritti; sottoscriviamo contratti di lavoro come chiunque nel mondo del lavoro, che prevedono i diritti e, soprattutto, i doveri.

Trovo assurdo che in uno Stato come l’Italia, che per l’appunto è una “Repubblica basata sul lavoro”, le alte  cariche dello sport non assumano la responsabilità per tutelare gli impegni contrattuali, scaricandole da una persona all’altra. Ma sono sicuro che la ruota gira sempre per tutti, e che dopo la tempesta venga sempre la quiete. Grazie di tutto Brescia e grazie a tutti voi bresciani. Ad Maiora”. 

 Stefano Mauri

(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie