Culturesocietà

La formazione: Il nuovo Caronte del Piano Lavoro del Recovery Plan

Salutiamo il I° MAGGIO che non ha suscitato particolare clamore o notizia rispetto al passato quando era atteso con  tanto entusiasmo ( diciamocelo nessuno guarda più di buon occhio musica divertimenti e  feste)  e vediamo su cosa punta il Recovery Plan per la ripresa del lavoro.

Ascoltando Radio Popolare pochi giorni fa apprendo che il Recovery Plan prevederà fondi per la formazione perché molti lavori scompariranno ed è questa la scommessa da vincere. Può essere, penso.  Bene, mi sto solo chiedendo: a quali enti o aziende verranno destinati i fondi ( qualcuna avrà già l’acquolina in bocca e il pranzo assicurato), a quali utenti saranno destinate le formazioni aziendali o disoccupati e poi attraverso quale algoritmo andranno a scovare i dimenticati quelli inoccupati prima, inoccupati ora i senza sussidi nella bolgia? Quanto li pagheranno coloro che vorranno acquisire competenze aggiornarsi e riprendersi una dignità lavorativa?

Lo dico perché NON sono tutti gratuiti.  Un corso per OSS 6 anni fa cofinanziato dalla Regione per i disoccupati costava circa 3500€ al disoccupato senza inserimento o accordo lavorativo/ collaborativo con nessuna struttura. Senza dunque pensare alla corretta  proporzione tra posti di lavoro e offerta formativa. Io lo chiamo vendere non formare.

Circa tre anni addietro diciamo  corsi OSS ovunque di costi inferiori ma tra gli 800 e i 1200€  quelli che costavano poco ancora meno strutturati in percorsi aziendali. Un bel foglio di carta da incorniciare !

Ci sono percorsi formativi Regionali gratuiti attenzione e qui la loro serietà dipende dall’ Ente che li propone e dalla  validità dei docenti, ma la cosa che mi interessa o che mi preoccupa di più  è che tutti hanno un denominatore comune:  posti per formazione sproporzionati alle richieste aziendali ai posti, lavoro reali, da sempre figuriamoci oggi  La formazione che dovrebbe traghettarci dal lavoro che sparirà al lavoro del futuro, sarà strutturata in modo che segua le esigenze aziendali  territoriali per esempio? Lo Stato Le regioni saranno attente a fare tavoli di trattativa e confronto per la ripartenza del lavoro e a mettersi al tavolo con l’economia e le aziende ?

Costate è l’impressione che ci rimarrà l’amaro in bocca, che la macchina degli aiuti percorrerà con molti soldi gli stessi sterili percorsi.  molti di noi non usciranno vivi, e non sto parlando di COVID.

Vorrei capire se riusciranno a ristrutturare la baracca amministrativa statale, delle Regioni, Provincie e Uffici di collocamento.  Ai miei diciotto anni il collocamento creava graduatorie e percorsi reali d’incontro con aziende in determinati settori.

Provate a telefonare come ha fatto io all’Ufficio di collocamento della vostra città a chiedere quali percorsi o corsi di formazione sono attivi per vostro figlio appena maggiorenne o per vostro marito disoccupato. Per il primo tutto demandato alle scuole per il secondo il nulla! Ma iscrivetevi assolutamente al collocamento per avere la DID DichiarazioneImmediataDisponibilità non la Didattica Integrata Distanza vi servirà in questi casi:

1) sei stato licenziato così puoi usufruire della sanità gratuita per un anno o fino a che non riprendi a lavorare

2) se volte chiudere e ritirare il deposito della vostra previdenza privata perché inutile:  avevate un buon lavoro siete oggi col culo a terra… leggetene bene le clausole,

3) se volete uno sconto bonus disagio dal gestore telefonico…sto cercando maggiori informazioni voi faccio sapere;

4) se l’amico del vostro amico vi vuole assumere;

W L’ITALIA

Linko un articolo dei dati dell’occupazione al 06 dicembre 2020 e ragiona sulla formazione, e sulle politiche del lavoro degli ultimi  cinque anni almeno

“Dall’inizio della crisi l’Italia ha perso 420 mila posti di lavoro. Ma il difficile verrà a marzo 2021 quando sarà tolto il blocco dei licenziamenti: si stima fra i 250/300 mila nuovi disoccupati che si aggiungeranno ai poco meno di 2,5 milioni di oggi…………………………… A giugno 2020 incassavano la disoccupazione (Naspi) 1,3 milioni di persone, altrettanti sono quelli in grado di lavorare che prendono il reddito di cittadinanza. …….i 23 milioni di  occupati. Una platea troppo ristretta, pari soltanto al 58,2% della popolazione attiva…continua 

Due parole su questo sito blank

Simona Tonini

Mi chiamo Simona Tonini sono nata a Piacenza il sette novembre millenovecentosettantatre e a Piacenza tuttora risiedo. Sono Responsabile di Epikurea Associazione di Promozione Sociale che si occupa di culturale e cura delle relazioni. Mi dedico alla Progettazione Sociale, a creare laboratori per bambini, a utilizzare la creatività come cura del sè e strumento di espressione delle proprie emozioni. Artista, Arteterapeuta Esperta di Intelligenza Emotiva, Facilitatore di GruppI A.M.A. e curiosa indagatrice dell'essere Umano meraviglioso e non, che tutti siamo.. Queste competenze mi hanno permesso di riconoscere in Me la volontà di creare un percorso di Gruppo @donneperledonne. Chi siamo Noi Donne? Abbiamo una Visone Comune? Portiamo avanti una Sorellanza? Cosa ci divide e ci Unisce? ci sosteniamo? Donne con cui affronto e mi confronto rispetto al temi importanti del quotidiano, della maternità e non, della relazione d'affetto, d'amore e intima con noi stesse, del confronto come crescita , dell'EMPOWER - MENTE FEMMINILE e tanto altro. LaSymo che è la signora che tengo nelle mani è Colei che mi permette di ricordarmi che la vita è anche Gioco .Questi i temi che toccherò con e per voi attraverso i fatti di cronaca , interviste alle donne,le loro storie e il mio pensiero,e non solo, che qui raccoglierò per cercare un sentire comune se c'è e provare a capire Il nostro Universo femminile Oggi.

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button