Bar SportFocussocietà

Alessandro Pizzoli: Prandelli? Più adatto di Mister Iachini quando c’è da ricostruire

Il calciofilo e talent scout milanese dice la sua in merito al Prandelli Bis a Firenze

Ve lo avevamo anticipato in un articolo ad hoc venerdì scorso, ora è arrivata l’ufficialità: mister Cesare Prandelli, torna a Firenze al posto dell’esonerato Beppe Iachini.

Abbiamo chiesto al talent scout e calciofilo appassionato Alessandro Pizzoli un parere in merito: <Mah… Prandelli, uomo di buon senso, che ritorna ad allenare il sodalizio viola è una scelta di cuore. Conosco Cesare da tantissimo tempo, da quando allenava la Primavera dell’Atalanta e lo ritengo adatto a ricostruire una squadra alla ricerca di sé stessa.Certamente la rosa che fu di Iachini, professionista preparato, bravo a vincere i tornei di serie B, oppure a subentrare a cammino iniziato per tirare fuori il meglio dai giocatori in situazioni estreme, è di medio livello>.

Iachini in bilico: la Fiorentina pensa a Prandelli per la panca e poi per la scrivania?

 

E adesso? Ora Prandelli (direttore tecnico o responsabile del settore giovanile tra sei mesi?), consapevole di essere oggi un traghettatore, (mai dire mai tuttavia), emozionato, gasato, motivato dal fatto di essere tornato a lavorare, a fare calcio nella sua città d’adozione, reduce da esperienze professionali non entusiasmanti, sicuramente ce la metterà tutta per raddrizzare la rotta della compagine del presidente Comisso, (e se a gennaio, nel calciomercato di riparazione arrivassero un regista e una prima punta la strada, indubbiamente, si rivelerà in discesa, ndr) e, per dimostrare al mondo e a lui stesso di non essere un tecnico bollito.

Dato a Cesare ciò che è di Cesare (fu Claudio) Prandelli, è comunque utile ribadire che, i dirigenti (Barone, Pradè) gigliati, sottotraccia, ma nemmeno tanto, ecco continuano a seguire con estrema attenzione, i movimenti di Juric, Spalletti e Sarri, allenatori da tempo nel loro mirino.

 

Stefano Mauri

 

Due parole su questo sito blank

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button