Notizie flashSenza categoriasocietàSpettacolo

Magico incontro a Cremona tra i vini La Tognazza e il cioccolato Venchi

Gianmarco Tognazzi e Gb Mantelli hanno raccontato un seducente abbinamento

(continua dopo la pubblicità)
(continua dopo la pubblicità)

All’enoteca (e non solo)  ‘Le dolci Cose 502’ di Cremona, venerdì 22 marzo, davanti a tanta gente, si è parlato di cioccolato, di vino e del grande Ugo Tognazzi, in questi giorni nei quali tra l’altro, precisamente il 23 marzo, l’attore avrebbe compiuto i suoi primi 102 anni. Mattatori della seratona, l’attore, VinAttore e imprenditore agricolo GianMarco Tognazzi, colui il quale anima la cantina La Tognazza e il Maestro Cioccolatiere Giovanni Battista Mantelli, anima creativa del gruppo Venchi.

blank

 

A prendere la parola è stato Gimbo Tognazzi: “Se il vino fosse un personaggio di Ugo Tognazzi quale sarebbe? Gli abbinamenti sono venuti di getto: Come Se Fosse per il Merlot; l’Antani per lo Syrah; Tapioco per il Trebbiano Malvasia. Perché oltre al vino c’è una storia da raccontare, tenendo a mente che i vini di papà Ugo hanno accompagnato nel tempo tutte le cene con gli amici di sempre – attori, registi e sceneggiatori – da cui poi sono nati proprio i personaggi culto delle sue pellicole. La cucina e il cibo hanno sempre fatto parte della mia vita, mio padre era uno chef, tra i primi a parlare di cibo in televisione, prestato al cinema. L’odore del soffritto che invadeva la cucina e la casa quando Ugo cucinava è un ricordo indelebile. La prima etichetta La Tognazza, porta la data del 1969. Disegnata a pennarello da Ugo in persona per celebrare la sua prima vinificazione ufficiale. La linea Amici Miei viene prodotta in vigneti di nuovo e vecchio impianto situati tra Lazio e Toscana, abbiamo creato un luogo particolare, facciamo vini del Toscazio.  Precisamente abbiamo il Tapioco, Il Come se fosse, il Conte Mascetti, la Voglia Matta, l’Antani e la Casa Vecchia. A settembre cambieremo qualche etichette perché ci piace cambiare. I nostri vini sono fatti con serietà, ma il nostro modo di comunicare è all’insegna della leggerezza”. 

blank
GB Mantelli, vulcanica anima creativa di Venchi si è invece soffermato su alcuni aspetti particolari:

blank
“Prima di tutto occhio alla tecnica: il cioccolato è un alimento ricco di tannini quasi quanto il vino, quindi su questa base si costruisce un incontro di sapori che genera l’abbinamento perfetto. Partendo dal presupposto che l’amante del vino è una mente in purezza è bene munirsi, prima di iniziare, di una grande apertura mentale rivolta alla sperimentazione. La mia tecnica personale sposa sempre la prudenza nell’assaggio, quindi inizio col vino analizzandone il profilo aromatico, successivamente il gusto e poi ci aggiungo il cioccolato, compiendo le stesse operazioni. Il risultato è un bivio che va giudicato solo in base al nostro gusto. Se le sensazioni positive coincidono berrò altro vino e mangerò cioccolato, in cerca della soddisfazione completa in fatto di abbinamento. Il cioccolato del futuro è intelligente e ci renderà intelligenti, perché sa stimolare tutti i sensi, esaltare l’esperienza gustativa in ogni minima particella. Per mutuare un termine giapponese l’effetto deve essere quello del kokumi, cioè conferire agli alimenti maggiore gradevolezza al palato con elementi mirati e ben studiati. L’obiettivo è aumentare il gusto percepito, pienezza e complessità del sapore. Il cioccolato del futuro sarà così, cercherà di equiparare l’effetto di addentare un piatto unico con diversi gradi di intensità strutturale”. Organizzata dalla Bottega Le Dolci Cose 502 (Chapeau a Luisa Carminati e Alessandro Rossini) di Cremona, in sinergia con Massimo Mascherpa, agente  e distributore di zona dei vini La Tognazza, l’incontro tra vino e cioccolato, raccontato da GianMarco Tognazzi detto Gimbo e da Gb Mantelli ha sedotto Cremona, compreso l’ex campionissimo di pugilato Silvano Usini e sarebbe piaciuto al grande Ugo.

Stefano Mauri 

Quando i lettori comprano attraverso i link Amazon ed altri link di affiliazione presenti sul sito - nei post in cui è presente un prodotto in vendita - Fronte del Blog potrebbe ricevere una commissione, senza però che il prezzo finale per chi acquista subisca alcuna variazione.

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie