Bar SportNotizie flashSocial Star

Paul Pogba squalificato per 4 anni. E fu così che il PogBack, avvallato dall’ex dirigente Maurizio Arrivabene, non è mai iniziato

Il centrocampista francese lascerà sicuramente la Juventus a fine stagione. E farà ricorso contro la maxi squalifica

(continua dopo la pubblicità)
(continua dopo la pubblicità)

Come scrive Tuttosport: “Non c’è tempo per piangere sull’ormone versato: il futuro incombe e la Juventus su quello ragiona. E da mesi, perché Paul Pogba era ormai considerato un ornamento del passato, un po’ come ‘la cartolina della Bella Otero alle specchiere… che malinconia!. Elaborata, appunto, la malinconia con gozzaniano e dunque spietato pragmatismo piemontese, resta il ricordo; si guarda avanti e magari si evita di commettere altri pasticci per eccesso di… malinconia (e siamo buoni…). E dunque è necessario cercare di leggere la vicenda in maniera futuribile: chi sceglieranno i dirigenti bianconeri per sostituire Pogba nello scacchiere tattico e tecnico della rosa? Un tema tutt’altro che banale anche perché attiene all’evoluzione di Paul Pogba nel corso della carriera e al suo impatto nel nostro campionato”.

blank

Cambiamo quotidiano:  “Pogba ha il ‘cuore spezzato’. Si consoli coi soldi della Juventus” scrive Libero che prosegue: “Il centrocampista francese è stato squalificato per doping per 4 anni. Dopo la sentenza ha dichiarato di avere il ‘cuore spezzato’. Ha guadagnato 7 milioni di euro per giocare una manciata di minuti, ora vada via. Tra infortuni, cure ‘alternative’, riti vodoo, faide familiari e doping è indifendibile”. Eh già, l’operazione ‘PogBack’, fortemente voluta dall’ex general manager Maurizio Arrivabene, uno degli ultimi colpi di coda della gestione, straordinaria fino all’addio dell’ex Deus Ex Machina bianconero Beppe Marotta, Andrea Agnelli, indubbiamente si è rivelato un fallimento. E ora, finalmente, si volti pagina, buttandosi nella strada, tracciata da Cristiano Giuntoli, della ‘Sostenibilità Vincente’, lo stesso percorso che caratterizzò la leggendaria Vecchia Signora della Triade Moggi, Giraudo, Bettega.

 

Stefano Mauri

Quando i lettori comprano attraverso i link Amazon ed altri link di affiliazione presenti sul sito - nei post in cui è presente un prodotto in vendita - Fronte del Blog potrebbe ricevere una commissione, senza però che il prezzo finale per chi acquista subisca alcuna variazione.

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie